L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Paul Thomas Anderson difende i film di supereroi: i detrattori dovrebbero «farsi una vita»

Paul Thomas Anderson difende i film di supereroi: i detrattori dovrebbero «farsi una vita»

Di Lorenzo Pedrazzi

paulthomasanderson-copertina

Paul Thomas Anderson è certamente uno dei migliori registi americani contemporanei, e la sua filmografia – da Boogie Nights a Punch Drunk Love, da There Will Be Blood e The Master – lo ha consacrato come un fine indagatore dell’animo statunitense, abilissimo a illuminarne i coni d’ombra attraverso una combinazione di sarcasmo, grandeur, cinismo e lucidità critica.

Mentre attendiamo il suo Vizio di forma (nelle sale italiane dal 26 febbraio), Anderson ha chiacchierato con Rolling Stone a proposito del film, e gli è stato domandato cosa pensasse dell’attuale condizione del cinema americano, con particolare riferimento alle polemiche sulla sovrabbondanza di film supereroistici. Ebbene, la risposta di Anderson – autore ben lontano dalle logiche dei blockbuster – potrebbe sorprendervi:

Ah, quelle polemiche sono proprio un mucchio di cazzate. Non riesco a ricordare un anno, nella memoria recente, in cui ci siano state meno lamentele sulla qualità dei film. E cosa c’è di male nei film di supereroi? Non lo so proprio. Stai parlando con qualcuno a cui piace vederli, quei film. La gente deve farsi una vita, se sente il bisogno di alimentare certe polemiche [ride]. Quei film hanno una cattiva reputazione.

Considerando la posizione di altri registi (si pensi a Iñárritu e al suo Birdman, che critica fortemente l’invasione dei cinecomic), fa piacere che un autore come Anderson dimostri di avere un punto di vista più “aperto” e scanzonato, rivelando così una sua sincera passione di spettatore. In fondo, i cinecomic sono ormai un genere a se stante, e Hollywood ha sempre coltivato le mode o tendenze del momento: oggi sono i supereroi, in passato erano i film catastrofici, i fantasy o le space opera, mentre in futuro ci sarà qualcos’altro. Il problema non risiede certo nei film supereroistici, ma in quelle logiche produttive che Hollywood ha cominciato a perseguire negli anni Settanta, privilegiando le dinamiche dei blockbuster e dell’intrattenimento disimpegnato; eppure, finché ci sarà spazio per opere come Vizio di forma e per registi come Paul Thomas Anderson, la varietà dell’offerta sarà indubbiamente garantita.

Fonte: Indiewire

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Ms. Marvel e quella citazione pop nell’episodio 4 che non ha senso 30 Giugno 2022 - 18:45

Sembra una battuta innocua, ma in realtà causa un piccolo paradosso all'interno del Marvel Cinematic Universe!

La storia: Francesca Archibugi trae una serie tv dal romanzo di Elsa Morante 30 Giugno 2022 - 18:45

Sono iniziate le riprese della serie tv La storia, diretta da Francesca Archibugi e tratta dal grande classico del’900 di Elsa Morante, edito da Giulio Einaudi Editore.

Clerks III: la nuova immagine promozionale è un tuffo nel passato 30 Giugno 2022 - 18:00

Kevin Smith ha diffuso un nuovo artwork che cita una celebre scena del film originale. Il trailer arriverà il 6 luglio

Guida pratica alle serie Marvel ex Netflix (ora su Disney+) 30 Giugno 2022 - 9:01

Daredevil, Jessica Jones e le altre: cosa recuperare delle serie Marvel un tempo di Netflix, ora che sono disponibili su Disney+.

The Boys: com’è l’Herogasm dei fumetti 25 Giugno 2022 - 8:19

Com'è nata l'orgia di super-eroi di The Boys e cosa c'era di diverso nella sua versione originale a fumetti.

Ms. Marvel, episodio 3: guarda un po’ chi c’è… [SPOILER] 22 Giugno 2022 - 14:51

Qualche risposta, nuove domande e alcuni nomi conosciuti nel terzo episodio di Ms. Marvel.