L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Asano Tadanobu protagonista in Silence, il prossimo film di Martin Scorsese

Di Redazione SW

Asano_Tadanobu_silence

Screenweek dal Giappone

Un inizio di 2015 davvero promettente per Asano Tadanobu, l’attore giapponese infatti è stato scelto per interpretare il protagonista di Silence il nuovo film diretto da Martin Scorsese ispirato all’omonimo romanzo di Endo Shusaku, scritto nel 1966 ma ambientato durante il periodo Tokugawa quando i cristiani furono perseguitati forse con più ferocia nell’arcipelago nipponico.
Asano è stato dalla fine degli anni ottanta e per più di un decennio uno dei volti simbolo di quella ventata di novità portata nel cinema giapponese da un gruppo di giovani (e meno giovani) cineasti. Il nome di Asano incrocia infatti in quel periodo quelli di registi che avrebbero lasciato il segno anche a livello internazionale quali Aoyama Shinji, Tsukamoto Shinya, Koreeda Hirokazu per citarne solo i più conosciuti.
Il salto a livello internazionale è stato compiuto dall’attore giapponese, nel cui sangue scorre però DNA norvegese, olandese e americano da parte di madre, con l’eccellente prestazione offerta con Mongol di Sergei Bodrov nel 2007, in cui interpretava gli anni giovanili di Genghis Khan. Il passaggio a Hollywood è giunto o suggellato con Thor nel 2011, a cui sono seguiti Thor: The Dark World e 47 Ronin, film che però non hanno certo brillato o in cui le prestazioni del giapponese non hanno del resto lasciato il segno. Di contro negli ultimi anni la stella di Asano è ritornata a brillare nei film giapponesi e lo scorso anno con la convincente e disperata interpretazioni in My Man di Kumakiri Kazuyoshi ha vinto anche numerosi premi.

the-wolf-of-wall-street-martin-scorsese-600x400

La speranza è che Scorsese riesca ad ottenere il meglio da Asano in questo Silence, in cui sarà un interprete che accompagna due preti gesuiti nella loro ricerca del loro mentore durante il diciasettesimo secolo, periodo in cui il religioso si recò in Giappone per diffondere il verbo del Cristianesimo. Il ruolo era inizialmente stato assegnato a Ken Watanabe ma problemi di tempistica relativi agli impegni di quest’ultimo e al calendario produttivo di Silence, che sarà girato in questi primi mesi del 2015, hanno fatto deviare la scelta su Asano. Nel cast del film diretto da Scorsese figurano anche Andrew Garfield, Liam Neeson e Adam Driver, mentre la sceneggiatura sarà scritta da Jay Cocks (Gangs of New York, Strange Days, The Age of Innocence).

(fonte: Deadline)


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

How I Met Your Father: Hulu ordina lo spin-off con Hilary Duff 21 Aprile 2021 - 21:55

Hilary Duff sarà la protagonista e uno dei produttori di How I Met Your Father la serie di dieci episodi ordinata da Hulu

Antoine Fuqua dirigerà un nuovo adattamento de La gatta sul tetto che scotta 21 Aprile 2021 - 21:15

Sarà ispirato al revival teatrale interpretato da un cast di attori afro-americani

The Conjuring – Per ordine del Diavolo: ecco le prime immagini, domani il trailer! 21 Aprile 2021 - 20:41

Domani vedremo il primo trailer di The Conjuring – Per ordine del Diavolo, il terzo capitolo della saga horror creata da James Wan. Intanto ecco le prime immagini.

Guerre fra Galassie (FantaDoc) 21 Aprile 2021 - 16:49

La storia dello Star Wars televisivo giapponese (ma con molti più calci volanti).

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.