L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Arrow e The Flash da stasera su Italia 1: azione e spettacolo fra Starling e Central City

Di Lorenzo Pedrazzi

flash-arrow-copertina

Quando Barry Allen (Grant Gustin) fu colpito da un fulmine al termine di Three Ghosts, nono episodio della seconda stagione di Arrow, i fan capirono subito che l’universo televisivo della DC Comics avrebbe presto espanso i suoi confini: dopo pochi mesi è infatti arrivato The Flash, il nuovissimo show dedicato al Velocista Scarlatto, la cui versione italiana debutterà stasera su Italia 1 – ore 21.10 – insieme alla terza stagione di Arrow.

Quest’accoppiata serale – che riproduce in forma “contratta” la messa in onda americana – garantisce una fruizione coerente e omogenea delle due serie, ambientate nel medesimo universo narrativo: avrete modo di notare molti riferimenti incrociati, citazioni riconoscibili e persino una fusione tra i due show, poiché ci saranno ben due cross-over in cui Flash, Arrow e i loro alleati collaboreranno per il bene comune. Ma facciamo un passo indietro: dov’eravamo rimasti, con Arrow?

La terza stagione di Arrow: Oliver affronta il suo più grande avversario

arrow-3-poster-copertina

Dopo aver sconfitto Slade (Manu Bennett) e avergli risparmiato la vita, Oliver (Stephen Amell) ha definitivamente abbracciato il suo ruolo di supereroe, optando per la via più difficile ma, al contempo, anche più luminosa: quella della compassione. Ora, il giovane Queen pattuglia Starling City con l’aiuto di Felicity (Emily Bett Rickards), Diggle (David Ramsey) e Arsenal (Colton Haynes), l’identità segreta dietro cui si nasconde Roy Harper, celato da un costume e da una maschera rossa. Tutto sembra procedere per il meglio, e Oliver chiede persino a Felicity di uscire, ma all’orizzonte si profila l’ombra di una nuova minaccia: lo spietato Werner Zytle (Peter Stormare) diventa il secondo Conte Vertigo, stavolta armato di una sostanza allucinogena in grado di materializzare le più oscure fobie delle sue vittime. Per affrontarlo, Oliver dovrà mettere in discussione se stesso e la sua vita privata, accettando grandi sacrifici.
Questo, però, solo nel primo episodio. Per il resto, aspettatevi colpi di scena, duelli all’ultimo sangue, nuovi personaggi (come il Ray Palmer di Brandon Routh, che diventerà il supereroe Atom) e un avversario pericolosissimo, il più letale che Oliver abbia mai affrontato. Di chi si tratta? Abbiate un po’ di pazienza e lo scoprirete…

Il debutto di Flash: supereroi e supercriminali nella luce di Central City

flash-header-new

Barry Allen (Grant Gustin è stato colpito da un fulmine, ma non un fulmine “normale”: la scarica è stata infatti generata dall’esplosione dell’acceleratore di particelle, appena attivato a Central City dagli S.T.A.R. Labs di Harrison Wells (Tom Cavanagh). Dopo alcuni mesi di coma, Barry si risveglia con la formidabile capacità di muoversi a velocità sovrumane, e un metabolismo rapidissimo che gli permette di guarire molto in fretta dalle ferite. Wells e gli altri membri dei decaduti S.T.A.R. Labs – ovvero Cisco Ramon (Carlos Valdes) e Caitlin Snow (Danielle Panabaker) – lo sottopongono a svariati esami, ma nel frattempo compare un altro “meta-umano”, Clyde Mardon, un rapinatore che ha il potere di controllare gli elementi atmosferici: per fermarlo, Barry dovrà affrontare la sua prima sfida da supereroe.
L’episodio pilota costituisce il primo passo nel percorso formativo di Barry, destinato a diventare il più grande eroe di Central City. Ma la sua battaglia sarà anche molto intima: il ragazzo, che lavora come scienziato forense presso la polizia, è infatti tormentato dal ricordo della madre, uccisa da un’entità misteriosa quando lui era molto piccolo. Il padre è stato accusato dell’omicidio e sta scontando la pena nel carcere di Iron Heights, ma Barry farà di tutto per trovare il vero colpevole. La sua grande avventura, ricca di colpi di scena e nemici bizzarri, comincia da qui.

Il Velocista Scarlatto e l’Arciere di Smeraldo

flashvsarrow

Pur essendo ambientate nello stesso universo narrativo, Arrow e The Flash conservano alcune differenze fondamentali, poiché sono basate su un principio di netta contrapposizione narrativa, cromatica e atmosferica: in The Flash dominano i colori primari, la luce del giorno e i risvolti fantascientifici, laddove nelle storie di Freccia Verde prevalgono le tonalità cupe, i panorami notturni e gli scenari ruvidamente criminosi, da action-thriller. Gli avversari di Barry/Flash sono supercriminali che, come lui, utilizzano poteri o armi speciali (ne vedrete moltissimi), mentre i nemici di Oliver/Arrow provengono dalla malavita organizzata o da pericolose società segrete (come la Lega degli Assassini), non hanno quasi mai dei superpoteri e si affidano alla forza fisica, all’abilità nel corpo a corpo e nell’utilizzo di armi “convenzionali”, anche se gli elementi futuristici – con l’introduzione di Atom – sono comunque percepibili.
Inoltre, i due eroi perseguono una diversa idea di giustizia: se Barry riduce la violenza al minimo necessario, Oliver invece non si fa scrupoli a torturare i suoi avversari per ottenere le informazioni che gli occorrono. In tal senso, Flash si avvicina di più al concetto supereroistico della Silver Age (un personaggio problematico, ma che si impegna per fare del bene e diventare un esempio agli occhi della comunità, anche se quest’ultima non lo apprezza), mentre Arrow assume caratteri lievemente più revisionisti e post-moderni, da vigilante notturno che preferisce seguire le proprie regole. Il lato spettacolare dei due show, per ovvie ragioni, si esprime in modo differente: The Flash fonda l’intrattenimento sullo stupore degli effetti speciali che riproducono i poteri del Velocista e dei suoi nemici, mentre Arrow si affida prevalentemente alla perizia negli scontri corpo a corpo, girati e coreografati con la consueta bravura. È curioso notare, però, che le avventure di Freccia Verde premono di più sul versante melodrammatico, da soap-opera, mentre The Flash esplora il territorio emotivo con maggior precisione, senza eccessi.
Questi due mondi si integrano piuttosto bene, e daranno luogo a svariati scontri “ideologici” che esploderanno nei cross-over. Nel frattempo, divertitevi con i primi episodi: buona visione a tutti!

CLICCA QUI per vedere il trailer esteso di The Flash.

CLICCA QUI per vedere il trailer di Arrow.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di The Flash sul nostro Episode39 a questo LINK.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di Arrow sul nostro Episode39 a questo LINK.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Loki prigioniero della Time Variance Authority nella nuova foto 15 Maggio 2021 - 11:00

EW svela una foto di Loki in cui il Dio degli Inganni è prigioniero della Time Variance Authority. Inoltre, Michael Waldron parla della sua idea per la serie.

Per la Giornata Internazionale delle Famiglie, un bellissimo video targato Disney 15 Maggio 2021 - 10:05

Oggi è la Giornata Internazionale delle Famiglie e con questo video Disney vogliamo ricordarvi che la famiglia è dove regna l’amore.

La telefonata su… L’isola perduta 15 Maggio 2021 - 10:00

Filippo e Marco della nostra redazione proseguono il loro viaggio alla (ri)scoperta dei film brutti (o presunti tali). Oggi è il turno de L’isola perduta (The Island of Dr. Moreau), pellicola del 1996 diretta da John Frankenheimer, e interpretato da Marlon Brando, David Thewlis e Val Kilmer.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.