L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

American Sniper – Ecco come sarebbe stata la versione di Steven Spierlberg!

Di Marlen Vazzoler

American Sniper - Foto del Film 03 copia

Il film di Clint Eastwood, American Sniper, ha rotto diversi record sia al botteghino americano che in quello italiano ma c’è stato un tempo a Hollywood in cui nessuno era interessato a produrre questa pellicola, nonostante il successo ottenuto dal libro autobiografico da cui era stato tratto ‘American Sniper: The Autobiography of the Most Lethal Sniper in U.S. Military History‘ rimasto per 20 settimane nella classifica dei best-seller del New York Times, a causa della lunga lista di pellicole che avevano fallito al botteghino a partire da Green Zone, La valle di Elah, Redacted.

Ma quando lo sceneggiatore Dean Hall ha conquistato l’interesse di Bradley Cooper descrivendogli la pellicola come un western in cui:

“Il personaggio passa dall’essere un eroe all’essere pieno di vendetta allo scivolare nel lato oscuro”,

è bastato un solo incontro con la Warner Bros per fargli opzionare lo script e i diritti del libro.

Per un breve periodo Steven Spielberg aveva considerato di dirigere la pellicola. Il filmaker aveva letto il libro di Chris Kyle e lo script di Hall ed era disposto a lavorare a questo progetto come suo prossimo film, con la DreamWorks nelle vesti di co-produttore. Ma Spielberg aveva proposto dei cambiamenti, innanzitutto voleva dare maggior attenzione al cecchino nemico – il tiratore scelto ribelle che stava cercando di rintracciare Kyle e ucciderlo.

“Era lo specchio di Chris dall’altra parte. Era un duello psicologico tanto quanto un duello fisico. Era stato sepolto nel mio script ma Steven mi aveva aiutato a tirarlo fuori” ha spiegato Hall a THR.

Ma non è tutto. Il filmaker aveva aggiunto molte altre idee, aumentando a 160 il numero di pagine della sceneggiatura. Ma il budget della WB era rimato a 60 milioni di dollari e Spielberg aveva sentito che non sarebbe riuscito a portare a termine la sua visione per quell’ammontare di soldi e così ha abbandonato il progetto. In una settimana Greg Silverman ha chiesto di chiamare Clint Eastwood.

Cosa ne pensate di queste modifiche, avreste preferito la versione di Spielberg o quella di Eastwood?

Liberamente tratto dal libro autobiografico di Kyle (scritto insieme a Scott McEwan e Jim DeFelic), intitolato American Sniper: The Autobiography of the Most Lethal Sniper in U.S. Military History, American Sniper comprende nel cast anche Sienna Miller. Bradley Cooper ricopre inoltre il ruolo di produttore. Il film è uscito in Italia lo scorso 1° gennaio 2015, e per maggiori informazioni potete consultarne la scheda sul sito Warner Bros.

Fonte THR

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Clarice: la serie sequel de Il silenzio degli innocenti rischia la cancellazione 12 Giugno 2021 - 17:00

A causa di uno stallo nelle negoziazioni tra ViacomCBS e MGM, la seconda stagione, già ordinata, potrebbe non essere realizzata

Calcio: Amazon ottiene i diritti della serie A francese 12 Giugno 2021 - 16:00

La piattaforma streaming del colosso di Jeff Bezos trasmetterà l'80% delle partite della Ligue 1; Canal+ protesta contro la decisione

Sognando a New York – In the Heights: ecco i primi minuti del film 12 Giugno 2021 - 15:00

Sono disponibili i primi otto minuti di In the Heights, il film tratto dal musical omonimo diretto dal regista di Crazy & Rich Jon M. Chu, in arrivo nelle nostre sale il 22 luglio.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.