L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Scopriamo come hanno ripreso le miniature delle navicelle in Interstellar

Di Marlen Vazzoler

Interstellar_opt

In passato Christopher Nolan si è rivolto al New Deal Studios per la creazione di alcune miniature da usare nei suoi film per realizzare delle inquadrature che potessero fornire delle sensazioni viscerali. La Batmobile e il camion de Il cavaliere oscuro, alcuni aerei per Il cavaliere oscuro – Il ritorno, la fortezza ospedale in Inception e naturalmente Interstellar. In questo caso sono state costruite molteplici versioni delle navicelle spaziali alternate con i prop a grandezza naturale realizzati dal production designer Nathan Crowley, ai modelli digitali della Double Negative, il tutto sotto la supervisione del supervisore degli effetti visivi Paul Franklin e di Andrew Lockley della Dneg.

endurance-miniatura

La Endurance (qui sopra vediamo la versione danneggiata) è stata creata con delle miniature e gli effetti speciali. Il New Deal Studios ha gestito i primi e i mezzi piani. Il modello, costruito con un armatura d’acciaio, è in scala 1:15 ed è alto 14 piedi.
Per le riprese sulla Endurance sono stati inseriti dei supporti di controllo separati, per poi inserire il Lander e il Ranger. Per la scena in cui Cooper attracca con il Ranger è stato necessario togliere il piccola Ranger per riprendere le piastre sullo sfondo dell’Endurance. Dopo il loro attracco hanno potuto riattaccare la Ranger e utilizzare il set completo composto il Ranger, il Lander e dall’Endurance.

ranger-modello

IL Ranger è stata costruita in scala 1:1 per le scene girate in Islanda e poi replicata in scala 1:15 e 1:5. Il prop del Ranger costruito in America è stato tagliato per poterla trasportare in Islanda su un aeroplano. Ma quando l’anno rimesso insieme erano rimaste delle giunzioni su alcune parti. A Nolan sono piaciute e la squadra ha dovuto fare delle foto per inserire queste giunzioni anche negli altri modelli.

ranger-prop

Nolan voleva che le riprese dei modelli dessero la sensazione di qualcosa che fosse stato ripreso nella realtà. Quindi ha chiesto di girare contemporaneamente con un esposizione corretta: la luce di riempimento, la luce chiave e le luci interne e pratiche. In questo modo spiega Ian Hunter (supervisore degli effetti speciali) il risultato finale ricorda quello di un documentario.

Quando la Endurance è nello spazio, hanno rotato il modello per ottenere delle ombre in movimento grazie a una luce chiave, fissa. In alcuni casi le cineprese sono state messe direttamente sui modelli per ottenere un angolo migliore nelle riprese delle navicelle spaziali.

endurance-vistavision

Per girare la scena in cui il dottor Mann cerca di attraccare la Ranger sull’Endurance, sono state create un Ranger scala 1:5 e una sezione della Endurance con la stessa scala. La nave è stata realizzata con resina e stagnola ed è stata attaccata a un telaio in movimento e appesa ad una gru edile, con un angolo inusuale. In questo modo sembrava che stesse volando fuori dalla cinepresa.

La parte pirotecnica ha rappresentato una sfida: creare realisticamente un esplosione nello spazio – le fiamme sono presenti fino a quando c’è ossigeno, poi spariscono, ma vediamo ancora volare i detriti. Così hanno creato una veloce esplosione all’interno della nave ma le fiamme si sono dissipate molto velocemente. Poi sono stati usati dei cannoni d’aria pieni di detriti che hanno continuato a lanciare detriti durante l’eplosione.

Una versione è stata girata con la gru da una distanza di sicurezza, per non danneggiare la cinepresa. Ma Nolan ha chiesto a Hunter di attaccare la cinepresa al modello per ricreare il look che aveva usato nelle riprese precedenti, mentre avviene l’esplosione. Così è stato creato il Pelicam: hanno tagliato un buco in una valigetta Pelican e hanno montato la cinepresa VistaVision al suo interno. L’hanno posizionata sul muso della Ranger e grazie a un cavo che finiva sopra la gru, la Pelican è riuscita a cavalcare la Ranger mentre esplodeva per diverse inquadrature.

Hunter pensa che:

“Se Nolan avesse potuto costruire una nave spaziale e girare nello spazio, probabilmente l’avrebbe preferito. Gli piace girare le cose il più realisticamente possibile, quindi nel caso delle miniature, è la soluzione successiva migliore. Abbiamo costruito un vero modello e vi abbiamo messo una luce vera, in un vero ambiente di ripresa e abbiamo girato quello che stavamo davvero vedendo”.

Interstellar è nelle sale dal 6 novembre 2014 (qui la programmazione). Per altre informazioni e curiosità, ecco anche la Pagina Facebook italiana. E inoltre:

• QUI la nostra recensione
QUI le 10 (non) recensioni da leggere
• QUI il nostro resoconto della conferenza stampa di Londra
• QUI le nostre foto sul red-carpet della première di Londra
• QUI il nostro incontro col protagonista Matthew McConaughey
QUI i 10 film che hanno influenzato Interstellar
QUI il nostro commento dopo la proiezione in 70 m

Fonte fxguide

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Widow – Nuovi poster per il cinecomic con Scarlet Johansson 12 Giugno 2021 - 21:00

Sono disponibili quattro suggestivi poster di Black Widow targati RealD 3D, Dolby Cinema, Screen X e IMAX. Inoltre, Cate Shortland parla dei riferimenti per il film.

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.