L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

I migliori film del 2014 per il Guardian e il New York Times

Di Valentina Torlaschi

Scarlett_Johansson-Under-the-Skin

Si sa, dicembre è tempo di classifiche. Così, dopo quella di Sight & Sound, dei Cahiers du cinèma, dell’American Film Institute, continuiamo allora questa stagione di “vinti e vincitori” con altre due Top 10 di indiscussa autorevolezza, quelle del The Guardian e New York Times.

Per il NY Times in prima posizione c’è Boyhood: la pellicola di Richard Linklater, un’opera davvero unico nel suo genere che è stata girata con lo stesso cast nell’arco di 12 anni in modo da restituire i legami più veri che mai della vita di una famiglia e il reale passare del tempo, del crescere, dell’invecchiare. Il tutto sempre con lo stesso cast di attori, tra il 2002 e il 2013. Ogni anno il regista girava delle brevi scene cercando così di ricreare nel modo più realistico possibile il cambiamento, sia fisico sia psicologico, di una famiglia nell’arco di oltre un decennio. La storia ha seguito nel dettaglio la crescita del giovane Mason che, assieme alla sorella Samantha, ha compiuto il viaggio di tutti, quello dall’infanzia all’età adulta. Un film in cui la vita è più vera, un esperimento davvero eccezionale che ha conquistato il pubblico e la stampa alla presentazione in anteprima al Sundance Film Festival prima e alla Berlinale poi. E che ora continua a comparire non solo nelle classifiche dei migliori film dell’anno ma nella stagione dei premi con diverse nomination (ai Golden Globe, ad esempio, ne ha guadagnate 5) diventando uno dei titoli forti per i prossimi Oscar.

Con un pizzico di sorpresa, per il Guardian il miglior film del 2014 è invece Under The Skin: l’elegante e raffinato sci-fi, un’opera di video-arte più che di fantascienza, diretta da Jonathan Glazer con Scarlett Johansson. Qui la diva veste i panni di un’aliena che si aggira per una Scozia piovosa e misteriosa dietro le sembianza di ragazza bellissima dai capelli corvino e le labbra vermiglie. La pellicola era stata presentata al Festival di Venezia 2013 dove aveva raccolto pareri un po’ contrastanti ed è poi uscita ad agosto di quest’anno nei cinema italiani.

La top dei migliori film del 2014 secondo il New York Times (del critico A.O. Scott):

1. Boyhood
2. Ida
3. Citizenfour
4. Leviathan
5. Selma
6. Love Is Strange
7. We Are The Best!
8. Mr. Turner
9. Dear White People
10. The Babadook

La top dei migliori film del 2014 secondo il Guardian:

1. Under The Skin
2. Boyhood
3. Inherent Vice
4. Whiplash
5. Leviathan
6. Due giorni, una Notte
7. Nightcrawler
8. Ida
9. The Grand Budapest Hotel
10. The Lego Movie

Fonte: IW, IW

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Perché un flop: la recensione di Chaos Walking 14 Giugno 2021 - 15:00

Il lungo prologo di un film molto più interessante che, per qualche ragione, si è scelto di non raccontare. E che non vedremo mai

Annecy 2021: Netflix presenta Back to the Outback, Vivo, Centaurworld e Karma’s World 14 Giugno 2021 - 14:36

Netflix presenta il musical animato Vivo e le serie musicali Centaurworld e Karma's World e il lungometraggio animato Back to the Outback al Festival di Annecy

SKAM Italia – La stagione 5 su Netflix nel 2022, ecco il video dell’annuncio 14 Giugno 2021 - 13:23

La quinta stagione di SKAM Italia arriverà nel 2022 su Netflix. Non sono disponibili i dettagli sulla trama, ma c'è il video dell'annuncio.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.