L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

9 cose che (forse) non sapete su Mamma, ho perso l’aereo

Di Filippo Magnifico

i am home alone cover

Tra le pellicole natalizie per eccellenza c’è sicuramente Mamma ho perso l’Aereo, la famosissima commedia con protagonista l’ex bambino prodigio Macaulay Culkin, che ultimamente ha deciso di lasciare il mondo del cinema per dedicarsi a bizzarri progetti musicali. Gran parte di noi lo conosce a memoria e ride al solo ricordo dei perfidi scherzi combinati dal piccolo Kevin ai danni dei ladri pasticcioni Harry (Joe Pesci) e Marv (Daniel Stern). Ci sono, però, delle cose sul film che non sappiamo. Il video che trovate qui sotto, realizzato da CineFix, è qui per svelarcele:

1- La controfigura di Macaulay Culkin aveva 30 anni all’epoca. Ovviamente le scene più pericolose che riguardano il piccolo Kevin sono state realizzato con l’aiuto di una controfigura. Quello che lo stuntman in questione aveva ben 30 anni all’epoca, ma la sua corporatura era molto simile a quella di un bambino.

2- La scena in cui Harry e Marv rischiano di investire Kevin con il loro furgone è stata realizzata al contrario.

3- Tutta la parte riguardante John Candy è stata girata in un giorno.

4- La neve è stata realizzata con fiocchi di patate.

5- Joe Pesci voleva sul serio incutere timore nel giovane protagonista. Per questo ha cercato di avere meno contatti con lui sul set, in modo tale da non prendere troppa confidenza e fare in modo che provasse una reale soggezione di fronte a lui.

6- La ragazza di Buzz era un uomo. Precisamente il figlio del direttore artistico del film, truccato in modo da sembrare una ragazzina brutta.

7- Incredibile ma vero, nessuno voleva investire soldi nel film. E dato che i soldi erano pochi (circa 15 milioni di dollari), non bastavano per coprire le spese di alcuni effetti visivi. È stato ingaggiato per l’occasione un ragazzo, che ha realizzato tutto a buon mercato in una cantina di Chicago.

8- Il ragno poggiato sul volto di Marv era vero. Daniel Stern ha accettato di realizzare la scena, ma solo per una ripresa.

9- Daniel Stern ha usato dei piedi finti per alcune scene, ma non per altre.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Silicon Valley: il nuovo trailer della stagione finale 21 Ottobre 2019 - 19:00

La serie HBO giunge al termine quest'anno. Ecco il trailer che annuncia l'inizio della fine

Paolo Sorrentino dirigerà una miniserie per HBO 21 Ottobre 2019 - 18:26

Per l'inizio del 2020 è previsto l'inizio delle riprese di una miniserie senza titolo per HBO, co-sceneggiata e diretta da Paolo Sorrentino

Bond: il regista di Moonlight vorrebbe uno spin-off su Moneypenny 21 Ottobre 2019 - 18:15

Barry Jenkins vorrebbe coinvolgere Naomie Harris in uno spin-off della saga di 007

StreamWeek: Paul Rudd vs Paul Rudd in Living with Yourself 21 Ottobre 2019 - 15:47

Modern Love, Living With Yourself, Panama Papers e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...