L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2014 – Magic in the Moonlight, la recensione del nuovo film di Woody Allen

Di Filippo Magnifico

magic-in-the-moonlight-emma-stone-colin-firth foto

Recensione di Giuseppe Benincasa

L’appuntamento annuale con il cinema di Woody Allen si chiama Magic in the Moonlight. E ogni anno si tratta di un evento che segna sempre un passo importante nella cinematografia “Alleniana” e in quella mondiale. Woody Allen, infatti, resta uno dei pochi veri autori ancora in circolazione lontano da stereotipi, blockbuster, remake e sequel.

Dopo Midnight in Paris si torna in Francia e specificatamente nel Sud della patria della Torre Eiffel, alla fine degli anni venti. Protagonisti della storia sono due personaggi appartenenti a due mondi opposti: Stanley (Colin Firth), un illusionista che crede fermamente nella scienza e vive esclusivamente di certezze tangibili e Sophie (Emma Stone) che viene presentata come una seducente sensitiva che deve essere proprio smascherata dal personaggio interpretato da Colin Firth.

Magic In The Moonlight Emma Stone Colin Firth foto dal film 2

Su tutte, l’abile mossa di Woody Allen, in una sceneggiatura praticamente perfetta, è quella di riuscire a porre lo spettatore nei panni di Stanley facendogli vivere le stesse inquietudini e le stesse perplessità su Sophie e sulla vita. L’opera è un rincorrersi di domande e di risposte che lo spettatore può o non può darsi. Un continuo montare e smontare conclusioni mentre spesso si vieni avvolti dall’incertezza e dallo stupore. È decisamente un film nuovo nel panorama di Woody Allen. Magic in the Moonlight è “aperto” a tante prospettive: può essere visto con l’occhio della diffidenza o con il cuore della speranza; è un’opera di grande spessore e dai dialoghi meravigliosamente illuminanti.

Più che una riga deve essere riempita per Colin Firth che più della bellezza solare di Emma Stone rapisce e ipnotizza lo spettatore con una bravura fuori dal comune e con una parlantina degna dei migliori personaggi creati da Woody Allen.
Magic in the Moonlight è un film per tutti: è una commedia romantica, è un giallo, è una poesia filosofica sulla vita, sull’aldilà, sulle positività, sulle negatività e sulle incertezze di tutti i giorni. Un film completo che verrà amato dai fan di Woody Allen perché riconosceranno in ogni battuta l’uomo dietro la macchina da presa e sorrideranno anche quando gli altri non lo faranno. Un gioiello, una gemma, un capolavoro da aggiungere a una straordinaria filmografia.

Per tutti gli articoli e le recensioni della 32° edizione del Torino Film Festival potete consultare questo link o seguire i nostri social network (Facebook, Twitter e Instagram) cercando l’hashtag #Torino2014SW.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Al nuovo gusto di ciliegia: nuovo trailer per la serie Netflix con Rosa Salazar 30 Luglio 2021 - 21:15

Creata da Nick Antosca (Antlers), la serie sarà incentrata su una vendetta soprannaturale dagli effetti allucinogeni nella Hollywood anni '90

The Menu: Nicholas Hoult reciterà nella commedia con Anya Taylor-Joy 30 Luglio 2021 - 20:30

Nicholas Hoult reciterà nella commedia thriller The Menu con Anya Taylor-Joy, Ralph Fiennes e Hong Chau.

Jungle Cruise – Tutto ciò che c’è da sapere sul film Disney con The Rock e Emily Blunt 30 Luglio 2021 - 20:00

Jungle Cruise è arrivato dopo le sale anche su Disney+: ecco tutto ciò che c'è da sapere sul film!

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.