L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Phil Lord e Chris Miller parlano dei sequel di The Lego Movie

Di Marlen Vazzoler

Chris-Miller-Phil-Lord

Sono in lavorazione due spin-off tratti da The Lego Movie, quello dedicato a Batman diretto da Chris McKay che vedrà Will Arnett nei panni del supereroe DC e Ninjago, diretto da Charlie Bean, entrambi prodotti da Phil Lord e Chris Miller, i registi dietro The Lego Movie che torneranno a dirigere anche il seguito, la cui uscita è prevista per il 2017.

Nella 137° puntata del podcast di Empire i due filmaker hanno spiegato che ognuno di questi film avrà un proprio tono e la propria voce.

“Stiamo facendo questo su Ninjago con Charlie Bean, stiamo lavorando a quello di Batman e ognuno di loro sembra essere un film per conto suo, ma ovviamente tutti esistono nello stesso universo in cui è esistito The Lego Movie, e perciò trovare un equilibrio è stato parte del trucco”.

Lord ha aggiunto:

“È come se avessimo iniziato con Avengers e adesso stiamo facendo gli spin-off ed esplorando mondi diversi per poi tornare indietro”.

Parlando di The Lego Batman Movie Miller ha assicurato che ogni era cinematografica di Batman verrà presa in considerazione.

“Ci sono state così tante interpretazioni di Batman e c’è così tanto con cui giocare. Ci sono 40 versioni solamente della storia delle sue origini”.

I due registi stanno inoltre contemplando la possibilità di fare un terzo capitolo di 21 Jump Street. Per Miller ci sono delle buone possibilità.

“Stiamo sviluppando qualcosa con Rodney Rothman, che era uno degli scrittori di 22 Jump Street, che ha scritto uno script che è ancora più pazzo. Completamente diverso. Chissà se alla fine si farà e come”.

Per dare un’idea di quanto pazzo sia il progetto, Lord ha detto:

“Tutto ambientato nell’universo Lego, completamente animato”.

Miller:

“È una idea altrettanto pazza”.

Infine sulla loro possibile direzione di Ghostbusters 3, i due spiegano che il loro coinvolgimento è stato molto esagerato nei media.

“Abbiamo avuto delle discussioni molto, molto approssimative perché lavoriamo molto con la Sony, e siamo dei consulenti, e ne hanno parlato con un sacco di persone. Alla fine Paul Feig ha avuto un’idea che ha spalancato le porte, che noi certamente non abbiamo avuto! Ma penso che sarà un grande film, e siamo davvero entusiasti come fan del franchise che sta ricominciando di nuovo”.

Il prossimo film Lego sarà Ninjago che uscirà nelle sale italiane il 13 ottobre del 2016.

Fonte Empire


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office USA: Old apre con $16,8M, Black Widow in home video dal 10 agosto 26 Luglio 2021 - 22:14

Old apre con $16,8M al Box Office USA, Black Widow in digitale dal 10 agosto nelle principali piattaforme digitali. Disney non parteciperà in presenza al CinemaCon

Pokemon: In lavorazione una serie live action per Netflix 26 Luglio 2021 - 21:29

In lavorazione una nuova serie live action basata su una serie animata giapponese. Dopo Cowboy Bebop e One Piece, è la volta dei Pokémon

Videogame News: Aloy su Genshin Impact, Apple TV+ Gratis con PS5, Kingdom Hearts alle Olimpiadi 26 Luglio 2021 - 20:05

Puntuale ogni Lunedì ecco l'appuntamento settimanale di ScreenWeek con le ultime notizie dal mondo dei videogiochi!

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.