L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Miyazaki riceve l’Oscar onorario alla carriera, ecco il video

Di Redazione SW

FullSizeRender (1)_opt

“Mia moglie dice sempre che sono in uomo fortunato” così Miyazaki Hayao ha cominciato il suo breve discorso di accettazione dell’oscar alla carriera che gli è stato consegnato da uno dei suoi più grandi ammiratori, John Lasseter. Lo stesso regista di Toy Story ha presentato l’artista giapponese con un lungo preambolo pieno di belle parole e di sincera ammirazione e gratitudine per Miyazaki, il cui Lupin il castello di Cagliostro cambiò radicalmente il suo modo di intendere l’animazione. Lasseter ha poi continuato definendo il regista de Principessa Mononoke uno dei due più grandi artisti ad aver mai lavorato nell’arte animata, l’altro essendo niente di meno che Walt Disney.

Nel ritirare il premio il regista giapponese ha aperto il suo breve discorso dichiarando, come già detto, che si ritiene un uomo fortunato e spiegando successivamente il perchè

Ho potuto vivere in un epoca, l’ultima, in cui era ancora possibile fare animazione con una matita, carta e una pellicola

virando sull tematica della guerra, che un ruolo così importante riveste in tutti i suoi lavori, ha poi aggiunto:

Mi sento fortunato anche perchè nei cinquant’anni che ho dedicato all’animazione il mio paese non è stato mai coinvolto direttamente in nessuna guerra, anche se ha tratto profitti dai conflitti in altre zone

Una considerazione che può essere letta abbastanza direttamente come critica e timore per l’avanzata destrorsa e nazionalista in Giappone, a livello governativo naturalmente, ma in maniera più subdola anche fra il sentire comune di un’ampia fetta della popolazione. Parole che gettano luce anche sul credo storico ed artistico di Miyazaki dove, giudicando lo svilippo e le tematiche delle sue opere, si deduce che la guerra non è l’eccezione ma purtroppo la regola della storia del genere umano, una visione pessimista che è l’altra faccia di quella più ottimista in cui Miyazaki immagina e spera in un mondo densamente spopolato e fortemente de-antropocentrizzato.
Miyazaki a poi finito con una battutta dicendo che la fortuna più grande è stata quella di

essere qui quest’oggi ed aver potuto incontrare Maureen O’Hara

attrice anch’essa premiata con un oscar alla carriera, ma ecco il video della discorso di Miyazaki:


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office Giappone: Belle supera i ¥3 miliardi e l’incasso di Mirai di Hosoda 1 Agosto 2021 - 1:15

Belle di Mamoru Hosoda supera i ¥3 miliardi al Box Office giapponese e l'intero incasso di Mirai. Il film riceverà il 3 agosto il Locarno Kids Award. Buoni debutti per Crayon Shin Chan 29 e Fate/Grand Order 3

Box Office USA: Jungle Cruise apre con $13.378M, Green Knight con $2.878M 31 Luglio 2021 - 23:59

Jungle Cruise e The Green Knight superano le previsioni degli analisti con il loro debutto al box office americano, conquistando rispettivamente i primi due posti

Awkwafina e Sam Rockwell doppieranno The Bad Guys della DreamWorks 31 Luglio 2021 - 19:00

DreamWorks ha annunciato i doppiatori, tra cui Awkwafina e Sam Rockwell, del lungometraggio animato The Bad Guys in arrivo nel 2022.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.