L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Christian Bale NON sarà più Steve Jobs, l’attore lascia il progetto

Di Valentina Torlaschi

christian_bale_steve_jobs_a_l

Riassunto delle puntate precedenti. Quando ancora David Fincher era coinvolto nel progetto, lo aveva detto chiaramente: l’unico che potrebbe interpretare con forza e credibilità un personaggio così sfuggente come Steve Jobs è Christian Bale. L’attore, all’epoca (era lo scorso marzo), non aveva commentato; poi Fincher ha rotto con la Sony, è uscito dalla produzione, la regia è passata all’inglese Danny Boyle e per il ruolo di protagonista si sono fatti tanti nomi tra cui quelli di DiCaprio, Ben Affleck, Matt Damon e Bradley Cooper. Due settimane fa, l’ottima notizia: Bale viene confermato ufficialmente nella parte del fondatore della Apple. Benissimo, fantastica scelta.

Peccato che ora la scelta viene cambiata: Christian Bale NON sarà più Steve Jobs, l’attore lascia il progetto di questo biopic. Il motivo? A quanto pare la star non si sarebbe sentita adatta al ruolo: dopo “sentimenti contrastanti” e dopo averci pensato a lungo, l’attore è arrivato alla conclusione di non essere l’interprete giusto. Questa è l’unica informazione nota e riportata da THR. L’abbandono di Bale è un brutto colpo per questo progetto e di certo la sua è una scelta un po’ strana e misteriosa. Certo, il film ha una struttura particolare: ispirata alla biografia di Walter Isaacson, intitolata “Steve Jobs”, la storia non sarà un classico biopic che ripercorrerà la vita del protagonista dalla culla alla tomba quanto un affresco in tre lunghi capitoli. Il racconto sarà diviso in tre parti, tre lunghissime scene che racconteranno ognuna la presentazione di un prodotto di casa Apple: la prima riguarderà il Mac; la seconda la NeXT Computer; e la terza l’iPod. Un’impostazione particolare, è vero, ma Bale è un attore di grande talento; sembra strano che non si sentisse all’altezza di questa sfida…

Chi potrebbe prendere ora il suo posto? Dopo il disastro di jOBS con Ashton Kutcher, con Christian Bale si sarebbe reso giustizia al compianto Steve Jobs con un’altra pellicola di spessore, e soprattutto con un grande attore. E invece, chissà.

Prodotto dalla Sony e sceneggiato da testa di serie della scrittura filmica come Aaron Sorkin (premio Oscar per The Social Network), il film sarà diretto da Danny Boyle, il regista inglese di cult come Trainspotting, poi premio Oscar per The Millionaire, al cinema l’ultima volta nel 2013 con il più deludente Trance. Al momento nel cast è confermato solo Seth Rogen come Steve Wozniak.

Fonte: THR


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

TNT rinnova la serie Snowpiercer per una quarta stagione 29 Luglio 2021 - 21:30

La star Daveed Diggs ha annunciato il rinnovo dal set della stagione 3, le cui riprese si sono appena concluse

Brooklyn Nine-Nine: il trailer della stagione finale, in USA dal 12 agosto 29 Luglio 2021 - 21:00

"One last ride" per i poliziotti del 99° distretto di Brooklyn, che tornano con gli ultimi dieci episodi della serie

Breaking News a Yuba County, dal 9 agosto su Sky Cinema il film di Tate Taylor 29 Luglio 2021 - 20:30

Dal 9 agosto su Sky Cinema la black-comedy diretta da Tate Taylor Breaking News a Yuba County, con Allison Janney, Mila Kunis, Awkwafina e Regina Hall

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.