L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Channing Tatum diventa regista con Perdonami, Leonard Peacock?

Di Valentina Torlaschi

'G.I.Joe: Retaliation' - UK Premiere - Red Carpet Arrivals

Nei mesi passati si era vociferato di un suo passaggio dietro la macchina da presa per il sequel del suo personalissimo Magic Mike, ma poi la regia di Magic Mike XXL è stata affidata a Gregory Jacobs e Channing Tatum si è occupato della sceneggiatura. Ora, però, potrebbe essere arrivato il suo momento per esordire come regista: l’attore di G.I. Joe e 21 Jump Street sarebbe infatti pronto a debuttare alla regia con Perdonami, Leonard Peacock. Il film è l’adattamento dell’omonimo libro scritto da Matthew Quick già autore del libro da cui è stato tratto Il lato Positivo.

Oltre che regista e probabile interprete, Tatum sarà anche produttore insieme al collega Reid Carolin, con il quale ha già lavorato per Magic Mike e il sequel e che sarà anche il suo co-regista, e alla Weinstein Company. Ora non resta che trovare uno sceneggiatore e poi procedere con il casting.

Di seguito la trama:

Nel giorno del suo diciottesimo compleanno, Léonard Peacock ha deciso: uscirà di casa con una pistola nello zaino e la userà contro il suo ex migliore amico. E poi contro se stesso. Prima di andarsene, vuole dire addio alle persone più importanti della sua vita: Walt, il suo vicino di casa fissato con i film di Bogart; Baback, il compagno di classe che suona splendidamente il violino; Lauren, la ragazza di cui è innamorato; e Herr Silverman, che insegna Storia dell’Olocausto, l’unico professore di cui si fidi. Parlando con loro, Léonard, quasi senza volerlo, semina indizi di un suo terribile segreto, mentre il tempo che lo separa dal gesto fatale si assottiglia. Dall’autore del “Lato positivo”, una storia che affronta con realismo toccante la fragilità e la dolcezza di un’età in cui tutto è possibile. Un romanzo che parla con passione e leggerezza della solitudine di essere giovani, della difficoltà di crescere e di accettarsi. Ma anche un inno alla speranza: c’è sempre qualcosa per cui vale la pena di combattere, di non mollare, una scialuppa di salvataggio nel mare burrascoso dell’adolescenza.

Possibile candidato agli Oscar per la sua a quanto pare sorprendente prova in Foxcatcher (in uscita in Italia l’8 gennaio 2015), Channing Tatum tornerà prossimamente sul grande schermo con Jupiter – Il destino dell’universo. È poi nel cast di Hail, Caesar! dei fratelli Coen e di The Hateful Eight di Tarantino.

Fonte: THR


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office Italia: Jungle Cruise supera i 200 mila euro 30 Luglio 2021 - 10:30

Nel suo secondo giorno nelle sale italiane, il film Disney ha mantenuto la prima posizione, seguito da Le due torri e Old

What If…? – Uno spot ricco di scene inedite per la serie animata Marvel 30 Luglio 2021 - 9:45

Le realtà alternative del multiverso Marvel nel nuovo spot di What If...?, serie animata dei Marvel Studios che debutterà l'11 agosto su Disney+.

House of Gucci – Il trailer del film di Ridley Scott con Lady Gaga e Adam Driver 30 Luglio 2021 - 8:45

Lady Gaga e Adam Driver sono Patrizia Reggiani e Maurizio Gucci nel trailer ufficiale di House of Gucci, il film di Ridley Scott incentrato sulla loro storia.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.