L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Rosamund Pike parla della creazione di Amy in Gone Girl – L’amore bugiardo

Di Marlen Vazzoler

gone-girl-rosamund-pike

Il ruolo di Amy Dunne in Gone Girl – L’amore bugiardo ha lanciato finalmente anche Rosamund Pike sotto gli occhi della ribalta. David Fincher ha recentemente ammesso che l’attrice è stata una delle poche persone che non è riuscito mai a inquadrare.

“Rosamund era qualcuno che avevo visto in quattro o cinque film diversi in 10 anni, e non sono mai riuscito a inquadrare. Non ho mai avuto un senso di chi fosse. E sono orgoglioso dell’essere in grado di guardare gli attori e diciamo di sapere istintivamente qual’è la loro cintura degli attrezzi, e non ci sono riuscito con Rosamund. Non sapevo che cosa stesse costruendo. C’era una opacità lì ed era interessante”.

La Pike è stata contenta nel sentire queste parole.

“È stato bello sentirglielo dire. Poi ha aggiunto, non era quello, era una sorta di opaco in un modo interessante. Ha detto ‘Ero interessato, ero attratto’. E Amy è così, credo. Sta sempre modificando se stessa in un certo senso. È una bambina che è stata costretta sotto la ribalta che non ha mai voluto dai suoi genitori, avendo questo iconica serie di libri per bambini a cui è stato dato il suo nome, i libri Incredibile Amy. Le è stato dato una sorta di gemello immaginario con cui è stata costretta a competere, in un modo abbastanza malsano. La vera ragazza non riesce a fare una squadra, la ragazza di fantasia fa varsity. La vera ragazza rinuncia al violino o violoncello; la ragazza immaginario diventa un prodigio. Eppure la vera ragazza viene messa là fuori ed è il volto del cartone. Questo ti dà un fragile senso di sé, immagino. Amy è abituata a costruire se stessa sotto gli sguardi, sotto lo sguardo del mondo esterno. E penso che sia l’attenzione immeritato dei media che rende sempre le persone piuttosto traballanti”.

Il metodo di lavoro di Fincher è atipico e naturalmente anche il casting dell’attrice non è stato da meno. I due hanno dapprima parlato su Skype per sei ore, poi la Pike ha preso un aereo fino a St Lois per cenare con lui, senza comunicarlo ai suoi agenti.

“Quindi è una situazione insolita. Sai, nella parte posteriore della tua mente, stai sempre pensando, ‘Mi sta incontrando sotto costrizione da parte di qualcuno? Vuole veramente incontrarmi?’ È solo a posteriori che [ho capito] che stava praticamente puntando su di me. Non lo sapevo in quel momento. Così, mentre sedevo nella sala partenze [in aeroporto], ho aperto le mie email e c’era un’email da David Fincher [con lo script Girl Gone]. E ho pensato, ‘F-mi, questo è vero. Questo è serio. Non è da un socio o da un direttore del casting. È dall’uomo in persona’. E sotto il titolo, c’era ‘Solo per i tuoi occhi’. Sono andata a St. Louis non sapendo quello che voleva. Sapevo che avrei fatto il provino, ma non è così con David Fincher. Abbiamo parlato e parlato, più di cinque ore fino all’una del mattino. Stava dissezionando. Stava parlando dei tuoi livelli. Stava dicendo che cosa era necessario per la parte. Stava inoltre vedendo se era qualcuno giusto per la parte, e se hai le palle, credo, per fare il viaggio, che è abbastanza impegnativo, fisicamente e mentalmente”.

gone-girl-ben-affleck-rosamund-pike1

La Pike ha poi scoperto di aver ottenuto il ruolo mentre stava filmando in una zona a nord della costa occidentale scozzese, senza ricezione cellulare.

“Vicino il set, c’era una piccola collina che potevi salire e recuperare una barra di ricezione del cellulare. Così mi sono arrampicata lassù e ho ottenuto un messaggio dal mio manager: ‘Abbiamo ottenuto l’offerta su Gone Girl’. E poi non c’è stato nulla che potessi fare, perché non riuscivo a telefonare, non ho potuto fare nulla. Ho potuto solo fare una piccola sorta di salto di gioia per me stessa. Così ho fatto una piccola danza…”.

Per prepararsi per il ruolo la Pike ha chiesto all’autrice del romanzo le canzoni che stava ascoltando mentre stava scrivendo, i libri che ha letto e i film che ha visto.

“Non c’era necessariamente un legame diretto. Solo una sensazione. C’è un gusto. C’è un sapore, un odore, qualsiasi cosa. E lo raccogli. David ha parlato inizialmente di Carolyn Bessette-Kennedy, e dello sguardo truce sulla sua relazione. Ho guardato delle sue immagini, ed è stato interessante, mi ha dato un enigma su cui lavorare. C’era scritto molto poco, non c’è nulla nelle sue stesse parole, non sono riuscita a trovare nulla su YouTube con lei che parla. Sono tutte delle supposizione che sono state gettate su di lei, tutte le cose che la gente supponeva, e tutte queste immagini. È stato utile, perché dovevo immaginare come sarebbe stato essere nella pelle di quella donna, e come lei camminava, e quello che stava proteggendo. Ed ho pensato che l’immagine protetta era qualcosa di diverso da quello che era sotto, e questo è, ovviamente, quello che volevamo con Amy”.

La Pike ha inoltre visto documentari e letto libri di psicologia ed ha consultato un esperto di calligrafia perché ha voluto creare la scrittura di Amy presente nel libro.

“Ho sviluppato una grafia che soddisfacesse la personalità di Amy e la mutevolezza – quello che lei stava cercando di proiettare rispetto a quello che era. Tutto avrebbe dovuto riflettersi nella sua scrittura. Avevo guardato campioni di grafia e ho guardato a delle cose on-line, e mi ricordo di aver trovare questa A maiuscola che ho pensato che fosse fantastica. E il fatto che lei è una narcisista, ho sentito che probabilmente ha impreziosito la A nel scrivere il suo nome. Così ho fatto la A maiuscola quando ho scritto Amy e l’ho mandata a questo grafologo e [ho saputo] che la A in termini di grafologia è conosciuta come Artiglio del criminale. Ho pensato, ‘Oh, questo è divertente’”.

QUI le previsioni Oscar e le prime recensioni

QUI tutta la colonna sonora composta da Trent Reznor e Atticus Ross

Ben Affleck è il protagonista del film, mentre nel ruolo della moglie scomparsa troviamo Rosamund Pike. Il resto del cast comprende Tyler Perry, Kim Dickens, Patrick Fugit, Scoot McNairy, Missi Pyle, Casey Wilson, Emily Ratajkowski e Neil Patrick Harris.

Gone Girl è stato tratto da un romanzo scritto da Gillian Flynn, autrice ed ex-critica televisiva di EW, giunta al suo terzo romanzo dopo Sharp Objects e Dark Places. Sappiamo che rispetto al romanzo originale Fincher ha scelto di cambiare radicalmente il terzo atto insieme alla Flynn, sceneggiatrice tra l’altro della pellicola. Gone Girl arriverà nelle nostre sale il 18 dicembre 2014, prima però farà tappa al Festival Internazionale del Film di Roma.

Fonte EW


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Guardiani della Galassia – James Gunn ha finito il copione dello speciale natalizio 23 Aprile 2021 - 15:15

James Gunn mostra il frontespizio del copione dello speciale natalizio di Guardiani della Galassia, e svela quando sarà ambientata la storia.

Incastrati: La prima serie Netflix diretta e interpretata da Ficarra & Picone 23 Aprile 2021 - 15:07

Ficarra & Picone si cimentano nella loro prima serie televisiva: Incastrati che arriverà nel 2022 su Netflix

Adria Arjona affianca Andy Garcia nel reboot de Il padre della sposa 23 Aprile 2021 - 15:00

Il reboot de Il padre della sposa ha trovato la sua sposa

Chi è M.O.D.O.K. e da dove salta fuori con quel suo capoccione 22 Aprile 2021 - 16:22

Le origini di M.O.D.O.K., uno dei più bizzarri villain di tutta la storia Marvel.

Guerre fra Galassie (FantaDoc) 21 Aprile 2021 - 16:49

La storia dello Star Wars televisivo giapponese (ma con molti più calci volanti).

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?