L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Nuovo poster giapponese per Big Hero 6 e l’attesa a Tokyo cresce

Di Redazione SW

baymax1

Big Hero 6 sarà presentato in anteprima mondiale al prossimo Tokyo International Film Festival dove sarà il film e l’evento di apertura della manifestazione giovedì 23 ottobre. Legato al doppio cordone San Francisco-Tokyo per l’ispirazione delle location ma anche della trama, il nuovo lavoro realizzato dagli stessi creatori di Frozen, comincia a far palpitare gli appassionati giapponesi ed i media che stanno dedicando al film sempre più spazio, soprattutto in rete.
Il festival di Tokyo che è giunto quest’anno alla sua ventisettesima edizione anche se è il più grande evento festivaliero del Giappone non è in questi decenni riuscito a decollare ed imporsi a livello internazionale come avrebbe potuto, un po’ imbottigliato dalla competizione del festival sud coreano di Busan e un po’ da scelte che il più delle volte si sono rivelate provinciali. La proiezione di Big Hero 6 in questo senso è vista dai media mainsteam di casa come un evento che riporta, o almeno vorrebbe farlo, alla ribalta internazionale il festival della capitale, donandogli quell’importanza che non ha ancora sulla carta. Un’anteprima che quindi è molto sentita, quando si sono aperte le prenotazioni per i biglietti del film della Walt Disney Pictures lo scorso 11 ottobre, neanche a dirlo, sono stati venduti tutti in pochissimo tempo.

baymax_poster_large

Il poster che vedete sopra poi, fatto circolare un paio di giorni fa, è descritto dai molti media dell’arcipelago come visivamente ispirato ai tramonti giapponesi, con un che di nostalgico, un panorama che in effetti potrebbe ricordare molto quello di Yokohama o di certi luoghi della stessa Tokyo. va ricordato poi coome lo stesso titolo della pellicola in giapponese non sia Big Hero 6 ma bensì Baymax, un po’ perchè il fumetto Marvel dai cui il film trae ispirazione non è popolare nel Sol Levante ed un po’ forse perchè focalizzandosi sul robottone, Baymax appunto, il film potrebbe fare presa sul pubblico di casa in modo più automatico e diretto. Lo sapremo solo quando uscirà nelle sale, qui in Giappone solo il 20 dicembre, ma già con l’anteprima al festival di Tokyo si avranno le prime recensioni e reazioni a caldo che ci sapranno dare un’idea di quello che il film è e delle sue potenzialità al botteghino nipponico.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Crudelia – Nuove immagini per il live action Disney con Emma Stone 21 Aprile 2021 - 9:45

Emma Stone sfoggia i costumi di Crudelia nelle nuove foto del live action Disney, che uscirà il prossimo 28 maggio su Disney+ con accesso premium.

Sonic 2 – Una prima occhiata a Knuckles grazie a una foto dal set 21 Aprile 2021 - 8:45

Le foto dal set di Sonic 2 ci permettono di dare una prima occhiata a Knuckles, molto fedele al videogioco. Inoltre, il Dottor Robotnik prende il volo in un video!

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.