L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Under The Skin – La recensione dello sci-fi con Scarlett Johansson aliena sensuale

Under The Skin – La recensione dello sci-fi con Scarlett Johansson aliena sensuale

Di Valentina Torlaschi

under-the-skin Scarlett Johansson recensione

Una fantascienza più “filosofica” che non di effetti speciali; una fantascienza dall’estetica più vintage che non avveniristica; una fantascienza immersa in una natura misteriosa piuttosto che in un futuristico scenario metropolitano e iper-tecnologico. Come era stato per Non lasciarmi, i verdi paesaggi della campagna britannica coi loro cieli carichi di pioggia fanno ancora una volta da cornice a uno sci-fi dal gusto esistenzialista. Titolo: Under the Skin. Diretta da Jonathan Glazer e con protagonista assoluta Scarlett Johansson la pellicola era stata presentata al Festival di Venezia del 2013 tra stiticissimi applausi e diversi fischi e solo ora, a un anno di distanza, nei cinema italiani.

In effetti, Under the Skin è un film che, al di là di qualche trovata narrativa e visiva interessante, risulta piuttosto sconclusionato e, soprattutto nella seconda parte, sembra vagare senza meta producendo perfino, di tanto in tanto, una certa comicità involontaria. Tratta dal libro dell’olandese Michael Faber (edito in Italia da Einaudi col titolo Sotto la pelle), la pellicola segue il peregrinare di una creatura aliena – interpretata appunto da Scarlett Johansson – che si nasconde dietro le apparenze, o meglio sotto la pelle bianchissima, di una ragazza bella e misteriosa dai capelli nero corvino e le labbra vermiglie. Sullo sfondo di una Scozia piovosa, nebbiosa e quasi angosciante, l’aliena Scarlett vaga a bordo del suo furgone bianco in caccia delle sue vittime: uomini, ragazzi e perfino freaks dal viso deforme che avvicina con una scusa qualsiasi, poi li seduce col suo sguardo magnetico e infine li porta nella sua fatiscente casa dove li fa letteralmente sparire nell’oscurità (queste sono le sequenze visivamente più affascinanti: dei piccoli inserti di video-arte).

A questa prima parte da cacciatrice che nel complesso è intrigante per ambientazione e scelte estetiche (Jonathan Glazer è stato regista di spot pubblicitari e videoclip per Massive Attack, Radiohead e Jamiroquai, quindi è ben forte il suo gusto per l’immagine-artistica ad effetto), la seconda metà del film vede il capovolgimento del ruolo della Johansson da cacciatrice a preda. Ma a questo punto il film si sfilaccia, la narrazione sembra perdersi e girare a vuoto, allibita, come la stessa aliena col volto di Scarlett. Per arrivare a un finale che, più che essere rivelatore, è ironico suo malgrado…

[La recensione era stata scritta in occasione della presentazione al Festival di Venezia del 2013]

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Bridgerton: in arrivo uno spin-off sulla regina Charlotte 15 Maggio 2021 - 19:00

In arrivo uno spin-off di Bridgerton incentrato sul passato della regina Charlotte, interpretata da Golda Rosheuvel.

UCI Cinemas: il 20 maggio la riapertura, arriva a Roma UCI Luxe Maximo 15 Maggio 2021 - 18:00

UCI Cinemas, il più importante Circuito cinematografico presente in Italia, annuncia la riapertura per il 20 maggio.

What If…? – La serie animata della Marvel da agosto su Disney+ 15 Maggio 2021 - 17:00

Entertainment Weekly rivela che What If...?, prima serie animata dei Marvel Studios, uscirà in agosto su Disney+, ma una data precisa non è ancora disponibile.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.