L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Venezia 71 – Favino: «Senza nessuna pietà è il cinema italiano di cui andare orgogliosi»

Di Valentina Torlaschi

IMG_1873

Un gigante di 100 chili il cui fisico possente, i modi ruvidi e il viso oscuro nascosto dietro la folta barba vengono usati come “arma” per riscuote denaro dai debitori. Lui è Mimmo: un uomo grosso che fa paura ma che, dietro la corazza violenta, è un’anima fragile in cerca solo di qualcuno con cui spartire la propria solitudine. Cresciuto fin da bambino respirando l’aria criminale di una Roma periferica e spietata all’ombra di uno zio strozzino, Mimmo si sente sempre più prigioniero in questo “corpo-esistenza”; un giorno, l’incontro con una prostituta lo spronerà a fuggire dal suo destino ineluttabile.

Questa è la storia di Senza nessuna pietà, film dove il protagonista Mimmo ha il volto e il fisico – gonfiato realmente a 100 chili – di Pierfrancesco Favino. La pellicola è stata presentata oggi al Festival di Venezia: in conferenza stampa, l’attore ha raccontato con passione di questo progetto da lui particolarmente voluto tanto da esserne anche produttore:

Insieme agli altri partner, abbiamo voluto sostenere questo film perché rappresenta il genere di cinema che amiamo e che noi in primis vorremmo vedere come spettatori. Non abbiamo voluto concentraci sull’aspetto economico, sul “quanto costa”, quanto creare un set dove tutti, dal regista al direttore della fotografia, fossero davvero liberi di dar sfogo alla loro creatività. Per me la produzione è questo: dare spazio alla passione e contribuire a fare un cinema italiano diverso. Personalmente sono molto contento di Senza nessuna pietà e di aver dato visibilità a un giovane regista il cui talento merita di essere conosciuto.

Senza Nessuna Pietà

Dal canto suo, il regista Michele Alhaique ricambia l’ammirazione di Favino: lui è stato la primissima scelta per il ruolo da protagonista

Io e Favino ci siamo conosciuti sul film di Maria Sole Tognazzi L’uomo che ama e, leggendo il soggetto del film, ho subito pensato a Pierfrancesco. È un attore che ho apprezzato in molte pellicole ed era l’unico che aveva la forza, la generosità, il corpo per abbandonarsi a questa parte. Mi piaceva poi l’idea di fargli fare un ruolo diverso dai solito: anche con tutti gli attori, del resto, ho fatto in modo che potessero lavorare su qualcosa di inconsueto rispetto a quello che avevano fatto fino a quel momento. E tutti hanno trasformato il loro corpo: Greta Scarano è diventata bionda, Claudio Gioè si è rasato a zero i capelli ed è dimagrito, Ninetto Davoli ha un look completamente diverso rispetto all’immaginario con cui da Pasolini in poi l’abbiamo conosciuto.

IMG_1871

Sui 20 chili acquisiti, Favino ha ironizzato: «le mie figlie mi chiamavano “ciccio” e mia moglie si lamentava che russavo», ma ha anche raccontato di quanto questa metamorfosi fisica sia stata fondamentale per entrare nella parte:

Non poteva essere altrimenti. Sin dalla prima pagina della sceneggiatura Mimmo è descritto come “un uomo grosso che fa paura”: solo mettendo su peso ho capito come Mimmo percepiva il mondo, e come gli altri percepivano lui, su come sin da piccolo questo personaggio fosse stato schernito ma anche apprezzato-usato per la mole. Il suo fisico è una corazza da cui a un certo punto esplode. Ingrassando mi sono accorto che lo sguardo delle persone su di me cambiava e anche io avevo una percezione diversa del mondo: è stata una trasformazione che non potevo fare solo dal punto di vista concettuale; era prima di tutto un cambiamento fisico.

Come si è fatto notare anche in conferenza stampa, con Senza nessuna pietà Michele Alhaique – attore molto versatile noto per i suoi ruoli in Che bella giornata, negli indipendenti Cavalli e Qualche nuvola nonché nella serie tv Boris 3 e nell’hollywoodiano Nine – ha avuto il coraggio di esordire alla regia con un film di genere. Incancrenito sull’opposizione tra film d’autore (indirizzati ai festival) e commedie popolari (confezionate ad hoc per il boxoffice), si dice spesso che il cinema italiano avrebbe anche bisogno di thriller, noir, horror, di opere sì di intrattenimento ma anche ben costruite e in grado di intercettare il pubblico con uno spettacolo di qualità; con Senza nessuna pietà , al di là del risultato imperfetto per quanto interessante, Michele Alhaique ci ha provato.

Favino

Greta Scarano

Dopo il passaggio sul Lido, Senza nessuna pietà uscirà nei cinema italiani già tra una decina di giorni, l’11 settembre distribuito da BIM. Nel cast anche Greta Scarano,Claudio GioèAdriano GianniniNinetto Davoli.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Lily James e Sebastian Stan sono Pam and Tommy nelle prime foto della serie 8 Maggio 2021 - 11:00

Lily James è irriconoscibile nel ruolo di Pamela Anderson: ecco le prime immagini di Pam and Tommy, miniserie in cui Sebastian Stan interpreterà Tommy Lee.

Box Office Italia: Nomadland sempre primo 8 Maggio 2021 - 9:43

Nomadland, il lungometraggio Searchlight Pictures vincitore di tre Premi Oscar come Miglior film, continua a dimostrarsi il favorito del pubblico. Seguono Rifkin's Festival e Minari.

Songbird: il film sul Covid prodotto da Michael Bay a giugno al cinema! 8 Maggio 2021 - 9:00

Songbird, il thriller prodotto da Michael Bay e ambientato durante la pandemia, arriverà nelle nostre sale il prossimo giugno, distribuito da Notorious Pictures.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.