L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

George R.R. Martin potrebbe aver ispirato il look di Chewbecca

Di Marlen Vazzoler

chewbecca-design

Le influenze di Kurosawa, Sergio Leone e Flash Gordon nella realizzazione di Star Wars sono alquanto conosciute dai fan e in parte anche dal pubblico generalista. Meno diffusa è invece la storia della creazione di Chewbecca e del suo rapporto con l’illustratore John Schoenherr.

Il personaggio viene nominato per la prima volta durante il montaggio di THX 1138, a cui stavano lavorando Walter Murch e George Lucas. I due avevano chiesto a degli attori di fare delle improvvisazioni, tra di loro c’era il dj Terry McGovern che nel bel mezzo del dialogo disse:

“Penso di aver investito qualcosa, penso di aver investito uno Wookie”.

I piccoli wookie di THX si sono poi trasformati in quelli che abbiamo imparato ad amare in Guerre Stellari.

wookie-thx-1138-01

Dopo la seconda registrazione Murch ha chiesto a Terry che cos’era un wookie.

“Oh, è un mio amico che vive in Texas, Ralph Wookie, ho tirato fuori il suo nome perché ho pensato che sarebbe stati contento di sentire il suo nome in un film”.

Nel 1973, durante la lavorazione di American Graffiti, Lucas introdusse Chewie o meglio Chuiee nel suo Journal of the Whills. Nella bozza del maggio del 1974 venne introdotto come principe alieno barbaro della giungla del pianeta Yavin. Chewbecca viene descritta come una creatura di 8 piedi che assomiglia a un enorme, galagone grigio con dei denti feroci come i babbuini. Comunicano con grugniti e lamenti, e inoltre è presente una festa attorno a un falò e lo yodel. Nella bozza Chewie affianca un giovane pilota dalla testa calda di circa sedici anni, di nome Boma Two, che muore.

Nel novembre del 1974 viene assunto Ralph McQuarrie, ma cominciò a lavorare al progetto dal gennaio successivo. George pensò a Chewbacca come un lemure con della pelliccia su tutto il corpo e un enorme figura simile ad una scimmia. Ho aggiunto una bandoliera di munizioni e gli ho messo un fucile in mano. Avevo delle scene di lui, un giubbotto antiproiettile e vari tipi tipi di attrezzi, ma che è stato tutto tolto in montaggio.

wookie-01

wookie-02

Nella seconda bozza della sceneggiatura, del 28/3/1975, Chewie è ancora un lemore.

chevie-03

Così come in questo poster del 1 aprile del 1975.

chevie-04-poster

Qui la pelliccia sembra marrone ma in realtà è ancora grigia.

chevie-05

chevie-06

A questo punto entra in scena un illustrazione di John Schoenherr (Dune) realizzata per il numero di luglio del 1975 della rivista Analog per il romanzo breve di George R.R. Martin, And Seven Times Never Kill Man, candidato agli Hugo. McQuarrie racconta

“George mi ha anche dato un disegno che gli piaceva di un illustratore degli anni trenta di fantascienza che raffiguarava un grande, simile ad una scimmia, bestia pelosa con una fila di seni femminili sul suo petto. Così ho tolto il seno fuori e aggiunto una bandoliera, munizioni e armi, e ho cambiato il suo volto così sembrava un po’ di più come il personaggio finale, e l’ho lasciato così” .

Nel 2004 McQuarrie contraddisse se stesso:

“Avevamo una vecchia illustrazione degli anni trenta che mostrava una creatura simile a una scimmia pelosa che a George piaceva. …Siamo partiti con l’idea che assomigliasse a una specie di lemure, e poi ho fatto una creatura che aveva dei seni lungo la parte anteriore. Ho tolto il seno perché non doveva essere una femmina, e ho messo una bandoliera e gli ho dato un’arma”.

Non è stato trovato nessun disegno di un wookie femmina del 1975, potrebbe essere che negli anni McQuarrie abbia confuso l’ordine di alcuni eventi. Non è facile capire il perché dietro a questo cambiamento, così come il periodo, ma questo disegno del tardo novembre del 1975 di McQuarrie ci mostra il Chewie che ben conosciamo, anche se la pelliccia è ancora grigia.

chevie-07

Con l’entrata in squadra del costumista John Mollo e del designer delle creature Stuart Freeborn nel gennaio del 1976, dovrebbe esserci il cambio del colore di Chewie, come mostrano questi disegni di Mollo.

chevie-08

Nella quarta bozza datata 15 marzo del 1976 viene usata ancora la vecchia descrizione di Chewie, ma è stato rimosso il colore della pelliccia.

Nelle prime 3/4 settimane Freeborn ha lavorato da solo al prototipo di Chewbecca, aggiungendo una mascella alla creatura. Qui potete vedere dei suoi sketch.

chevie-09

Il design di Chewie è stato un lungo e interessante percorso, dove l’illustrazione di Schoenherr ha giocato una parte molto importante.

Star Wars: Episodio VII, diretto da JJ Abrams, uscirà nei cinema il 18 dicembre 2015. Nel cast troveremo un gruppo di “volti nuovi” alla saga (John BoyegaDaisy RidleyAdam DriverOscar IsaacAndy SerkisDomhnall Gleeson e Max von Sydow) più dei personaggi storici quali il già citato Harrison Ford (Han Solo), Mark Hamill (Luke Skywalker), Anthony Daniels (D-3Bo), Peter Mayhew (Chewbacca) e Kenny Baker (C1P8) e Carrie Fisher (Leila).

Fonte kitbashed

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Green Knight – Trailer ufficiale per il fantasy di David Lowery 11 Maggio 2021 - 15:16

A24 ha pubblicato il nuovo trailer di The Green Knight, l'attesissimo fantasy di David Lowery basato sul romanzo cavalleresco Sir Gawain e il Cavaliere Verde.

Mads Mikkelsen parla di Indiana Jones 5: “È un onore” 11 Maggio 2021 - 14:45

Nel futuro di Mads Mikkelsen c'è il quinto capitolo della saga di Indiana Jones. Ecco cosa pensa l'attore di questo progetto.

Jurassic World: Dominion – Nuova foto, Colin Trevorrow parla delle difficoltà produttive durante la pandemia 11 Maggio 2021 - 14:00

Il regista Colin Trevorrow rivela a Empire quali sono stati i momenti più difficili della lavorazione di Jurassic World: Dominion, che svela una nuova immagine.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).