L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Emmy 2014 – Weird Al reinterpreta la sigla di Game of Thrones e altri show; inoltre, Samberg in versione Joffrey!

Di Lorenzo Pedrazzi

weirdal-copertina

Il comico Weird Al Yankovic è noto per le sue cover parodistiche di celebri canzoni, e ieri sera ha messo il suo talento al servizio dei Primetime Emmy Awards, dove ha reinterpretato le sigle di Mad Men, Scandal, Homeland, Modern Family e Game of Thrones, aggiungendovi un testo originale per l’occasione. Da segnalare quello dedicato a Game of Thrones, in cui incita George R.R. Martin a mettersi a scrivere, mentre qualcuno consegna all’autore, seduto fra gli ospiti, una vecchia macchina da scrivere! Ecco il filmato:

Sul palco, insieme a Weird Al, dovreste aver notato anche Andy Samberg nel ruolo di Joffrey. Ebbene, Samberg ha poi interrotto Lena Headey (che interpeta Cersei Lannister in Game of Thrones) mentre l’attrice tentava di presentare la categoria delle miniserie, dicendole «Madre, credo essere di stato avvelenato!», e poi chiedendole perché amasse lo zio Jaime più di lui. «Non ora, Joffrey» gli ha risposto lei.

CLICCATE QUI per leggere l’elenco completo dei vincitori.

CLICCATE QUI per vedere i migliori discorsi di accettazione dei premi.

Ricordate che su Episode 39 potete trovare e commentare le vostre serie tv preferite, scoprendone gli episodi, i personaggi, gli interpreti e le trame.

Fonti: Collider; BadTV

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.