Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2014/06/Home-Page-Carousel-Aiden_Gun_Down_99826.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Watch Dogs: La Recensione del Videogame

Watch Dogs: La Recensione del Videogame

Di Fabrizio Tropeano

[Home Page Carousel] Aiden_Gun_Down_99826

A distanza di pochi giorni dalla sua uscita, Watch Dogs è già un incredibile successo. La produzione di Ubisoft ha venduto la bellezza di 4 milioni di copie, un record assoluto per un titolo “nuovo”, ovvero per un videogame che non sia un prequel-sequel-reboot-remake tanto che già con questi numeri si può dire senza smentita di sorta che proprio Watch Dogs si propone come il più convincente rivale di Grand Theft Auto negli anni a venire.

Ma questo successo è meritato? Indubbiamente si anche se non manca qualche limite al titolo disponibile per Playstation 4 (la versione da noi provata), Xbox One, PC, Playstation 3 ed Xbxo 360. Partiamo quindi dall’unica vistosa (se pur relativa) carenza di Watch Dogs: la realizzazione tecnica. Sia chiaro, la Chicago riprodotta nel videogame è viva, piena di dettagli e cose da scoprire con tanti effetti visivi, il ciclo giorno – notte, le condizioni meteo variabili, una fluidità costante a 30 frames al secondo ma il dettaglio generale è ben lontano dai picchi visti in produzioni specificatamente next gen. Il tutto poi è aggravato dalla differenza con quanto visto due anni fa all’E3 e e che aveva fatto gridare al miracolo.

Il “downgrade” è decisamente evidente come il fatto che probabilmente Watch Dogs sia nato originariamente sulla precedente generazione di console insomma, ma detto questo da qui in avanti non faremo che parlare bene di Watch Dogs. Il gameplay “ruba” a piene mani da Grand Theft Auto ma ci innesta anche qualcosa di Assassin’s Creed e soprattutto di Splinter Cell. Ma il quid in più di Watch Dogs, e che abbiamo anche preferito rispetto a GTA 5 (surclassato anche in fatto di sistema di guida), è il level design. Le missioni sono sempre molto chiare, piacevolissime, varie a sufficienza e intriganti anche grazie all’aspetto “hacking” che in alcuni momenti rende veramente esaltante il gameplay.

Pollice in alto anche per la longevità con la campagna principale che non riuscirete a completare in meno di 15-17 ore a cui si associano tantissime attività secondarie piacevolissime (i mini-games stile trip digitale già meriterebbero in sè l’acquisto) ed un multiplayer che fa un pò da “corredo” ma che comunque ha la sua dignità ed il suo perchè.

Le lodi devono continuare per la buona trama in cui il nostro alter ego digitale, un hacker-criminale che si muove all’interno di una Chicago di un futuro prossimo, vuole vendicare la morte della sua nipotina, scavando nel torbido di una città completamente connessa in ogni suo aspetto e quindi facilmente “hackerabile” con tanto di profiler per ogni persona che avremo modo di incontrare. Per fortuna i dialoghi sono stati doppiati in italiano in maniera eccellente e ci auguriamo che tali livelli di localizzazione diventino presto lo standard nel nostro paese.

Si è fatto aspettare tanto, si fa un pò rimproverare per una realizzazione visiva non proprio next gen ma nel corso delle ore di gioco, Watch Dogs si saprà far amare e molto da tutti coloro che amano le atmosfere cupe stile cyberpunk – hacker – anonymous oltre ovviamente alle dinamiche gameplay dei free roaming.

VOTO: 9

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

The Punisher: Rob Zombie e Walter Hill avrebbero potuto dirigere il sequel con Thomas Jane 12 Agosto 2022 - 13:15

La star del Punisher del 2004 ha rivelato che i due registi sono stati presi in considerazione, e Hill voleva scrivere e dirigere

The Batman: il sequel non ha ancora ricevuto il via libera 12 Agosto 2022 - 12:30

Il sequel di The Batman è ancora in fase di sviluppo e non ha ancora ricevuto il via libera.

Game of Thrones: George R.R. Martin non è stato coinvolto nelle ultime stagioni 12 Agosto 2022 - 11:45

George R.R. Martin ha parlato del finale di Game of Thrones, confermando di non essere stato coinvolto nelle ultime stagioni.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.

MCU, perché è molto importante aver annunciato due nuovi film degli Avengers 25 Luglio 2022 - 10:06

Quello che mancava nell'MCU: una nuova pianificazione, per i prossimi tre anni, con due film degli Avengers in chiusura.