L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Transformers The Dark Spark: La Recensione del Videogame

Di Fabrizio Tropeano

rise-of-the-dark-spark-header

Dagli anni ‘80 ad oggi, l’universo immaginifico dei Transformers si è ingrandito a dismisura tra serie animate, film, videogames, lungometraggi d’animazioni, manga e comics. Si tratta sicuramente di una delle più grandi realtà dell’industria dell’intrattenimento di sempre (una delle poche non ancora nelle mani di Disney poi…), capace di conquistare almeno tre generazioni diverse.

E’ con molto piacere quindi che vi andiamo a presentare in questa recensione “Rise of The Dark Spark”, videogame dei programmatori di Edge of Reality e prodotto da Activision. Il titolo che segna il debutto della serie su console next generation (Playstation 4, la versione da noi testata, ed Xbox One) oltre che tornare su PC e console “old gen”, è cronologicamente successivo all’atteso film Age of Extinction di Michael Bay con al centro nuovamente la consueta guerra “civile” tra gli Autobots e i Decepticon.

Il titolo si muove in modo eccellente sulle coordinate degli action in terza persona alla Gears of War tanto per intenderci ma sfrutta al massimo anche le caratteristiche esclusive dei Transformers stessi: a volte la trasformazione si rivelerà fondamentale mentre in altre ci semplificherà particolarmente la vittoria a nostro favore di un combattimento. Nell’insieme il titolo convince ampiamente anche se lo abbiamo trovato particolarmente ostico anche a modalità normale.

Transformers Rise of the Dark Spark nella modalità storia si compone di 14 capitoli. Ogni episodio è a sua volta diviso in una serie di obbiettivi da portare a termine con il nostro alter-ego Transformer (a volte Autobot, a volte Decepticton) e che hanno una trama da collante riconducibile per molti aspetti alla primissima serie del cartone animato: una vera soddisfazione per gli amanti dei robottoni a cui sembrerà di fare un passo indietro fino agli anni ‘80! Rise of the Dark Spark ha pure toni più cupi ed epici adatti agli ex adolescenti che guardavano il cartoon qualche decade fa

Non meno importante è comunque la componente multiplayer che, oltre a permetterci di “costruire” il nostro robottone personalizzato, ci consentirà di giocare con altre tre giocatori-transformers alla modlità Escalation che ricorda da vicino quella Orda del già citato Gears of War. Il video qui di seguito è particolarmente esplicativo in merito.

Analizziamo infine l’aspetto tecnico di Rise of the Dark Spark, decisamente il più controverso della produzione Activision. Controverso perchè presenta sia ottimi elementi ma anche alcune vistosissime lacune. Cominciamo dai difetti:  aliasing evidente, dettaglio delle texture non elevatissimo (fra i più bassi visti su Playstation 4 fino ad oggi a dirla tutta.) ed anche qualche rallentamento veramente di troppo. Detto questo però i personaggi sono stati modellati ottimamente così come le loro animazioni e le ambientazioni (cromaticamente un pò monotematiche e molto spoglie  ma invece molto varie nelle costruzioni) sono molto vaste lasciando un senso di sublime e stupore come capita raramente in un videogame.

Buona anche la componente sonora con le musiche che sembrano uscite da una puntata di un cartoon. Le voci dei Transformers sono rimaste in inglese con la partecipazione di molti doppiatori della serie cinematografica. Ad aiutare chi non ha troppa conoscenza dell’idioma anglosassone ci penseranno i sottotitoli in italiano.

In conclusione Transformers Rise of the Dark Spark si può considerare al momento come il sequel non ufficiale dell’universo filmico creato da Michael Bay e capace di svelare alcuni momenti epocali nell’universo immaginifico dei robottoni. Già questo ci fa capire che si tratta di un prodotto destinato specificatamente ai fans della serie che apprezzeranno sicuramente il lavoro dei programmatori di Edge of Reality anche se la corposa modalità multiplayer e la campagna molto longeva potrebbero conquistare anche chi non si è fino ad oggi appassionato alle battaglie campali tra Optimus Prime e Megatron. Peccato soltanto per una realizzazione tecnica veramente poco next gen su Playstation 4….

VOTO: 7.5

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Widow – Nuovi poster per il cinecomic con Scarlet Johansson 12 Giugno 2021 - 21:00

Sono disponibili quattro suggestivi poster di Black Widow targati RealD 3D, Dolby Cinema, Screen X e IMAX. Inoltre, Cate Shortland parla dei riferimenti per il film.

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.