L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Rick Moranis parla di Ghostbuster 3: “Louis Tully si troverà in prigione!”

Di Filippo Magnifico

Vinz_Clortho_in_Louis_Tully's_Body

In concomitanza con i festeggiamenti di Ghosbusters (30 anni portati benissimo) continuano ad arrivare nuovi aggiornamenti sul futuro della saga e, ovviamente, su Ghostbusters 3, il tanto chiacchierato terzo capitolo delle avventure degli Acchiappafantasmi.

Dopo le dichiarazioni di Sigourney Weaver, che tornerà ad interpretare Dana Barrett, grande amore di Peter Venkman, ecco che arrivano quelle di Rick Moranis (Louis Tully) ed Ernie Hudson (Winston Zeddemore). Cominciamo con Moranis, che durante una recente intervista ha ipotizzato un futuro non troppo felice per il suo personaggio, posseduto da Vinz Clortho (Mastro di Chiavi di Gozer) nel primo capitolo:

“Si trova in prigione ed è il compagno di cella di Bernie Madoff (criminale statunitense, accusato di una delle più grandi frodi finanziarie di tutti i tempi N.d.R.). Ogni mattina gareggiano per vedere chi riordina prima il letto.”

Ernie Hudson, invece, prevede un futuro più roseo per il suo Winston Zeddemore:

“Sarà l’amministratore delegato del marchio Ghosbusters. Spero solo che non lo faranno camminare con un girello o su di una sedia a rotelle. E speriamo di riuscire ancora a sopportare il peso degli zaini protonici!”

Queste dichiarazioni non sono però ufficiali, più che altro si tratta di supposizioni. Una cosa è certa: lo sceneggiatore Etan Cohen è attualmente al lavoro sullo script con Ivan Reitman, regista dei precedenti capitoli, e Dan Aykroyd sta seguendo molto da vicino ogni progresso:

“Possiamo molte ore alla settimana lavorando insieme. Nessuno è in grado di parlare la lingua dei Ghostbusters meglio di Dan Aykroyd.”

Come sappiamo Ivan Reitman ha deciso di non dirigere più la pellicola, partecipando solo come produttore (qui trovate maggiori informazioni). Stessa cosa per Bill Murray, che non ha voluto prendere parte al progetto dopo aver letto una prima stesura della sceneggiatura incentrata prevalentemente sul suo personaggio, il Dr. Peter Venkman. Per quanto riguarda il regista, sembra che al momento il favorito sia Ruben Fleisher (Gangster Squad, Zombieland). Nell’attesa di ulteriori aggiornamenti vi invitiamo a dare un’occhiata a questo articolo:

10 cose che forse non sapete sul cult movie diretto da Ivan Reitman

Fonte: Collider

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Widow – Nuovi poster per il cinecomic con Scarlet Johansson 12 Giugno 2021 - 21:00

Sono disponibili quattro suggestivi poster di Black Widow targati RealD 3D, Dolby Cinema, Screen X e IMAX. Inoltre, Cate Shortland parla dei riferimenti per il film.

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.