Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2014/06/Murdered-soul-suspect-logo.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Murdered Soul Suspect: La Recensione del Videogame ambientato a Salem

Murdered Soul Suspect: La Recensione del Videogame ambientato a Salem

Di Fabrizio Tropeano

Murdered-soul-suspect-logo

Ronan O’Connor ha avuto un’infanzia e un’adolescenza difficile, molto spesso andata oltre i limiti della legge. L’amore però lo ha riportato sulla retta via tanto da farlo entrare in polizia. Purtroppo però la donna della sua vita viene a mancare e Ronan si spinge in missioni sempre più pericolose fino a trovare anche lui la morte. Prima di poter rivedere però l’amore della sua vita, deve far luce su chi lo ha ammazzato buttandolo dalla finestra di una casetta di due piani e trovare (forse) finalmente la pace.

Quella che avete appena letto è la trama di Murdered Soul Suspect, videogame prodotto da Square Enix e realizzato dal team di Airtight Studios, appena uscito su Playstation 4 (la versione da noi testata), Xbox One, Playstation 3, Xbox 360 e PC. MSS è un prodotto molto cinematografico alla L.A. Noire dove la componente “action” c’è ma è piuttosto limitata (a dir la verità, ne avremmo anche fatto a meno…) ed in cui hanno maggiore important i dialoghi, la narrazione e l’investigazione stessa.

Chiaramente Murdered Soul Suspect non fa nulla per essere “realistico” visto che si basa completamente sul paranormale, con il nostro alter ego (un fantasma senza girarci troppo intorno) appena ucciso che può passare le pareti (ma non tutte, come scoprirete all’inizio del gioco), riuscire a leggere il pensiero dei vivi, influenzarne la volontà e utilizzare anche la vista dei “posseduti”. Il tutto è ambientato a Salem (Massachusetts), cittadina che ha raggiunto gli onori della cronaca per il processo alle streghe del 1692 e che hanno ispirato in modo diverso i film Hocus Pocus (1993), Le streghe di Salem (2012) e La seduzione del male (1996).

L’ambientazione del gioco è sicuramente tra le cose che maggiormente ci è piaciuto in Murdered Soul Suspect così come la trama degna di un eccellente thriller cinematografico con la nostra morte che pian piano si collegherà ad altre omicidi misteriosi e… non vi diciamo altro per non cadere nel peccato dello spoiler. Anche i dialoghi e la parte investigativa le abbiamo apprezzate molto. Lo stesso non si può dire per i momenti “action” che sono piuttosto elementari e poco intriganti tanto che, visto il taglio della produzione, secondo la nostra opinione potevano essere del tutto evitati per un risultato più ottimale.

Murdered Soul Suspect è nato inizialmente come progetto “old gen” e su Playstation 4 la cosa si nota: vero che il dettaglio è alla risoluzione massima di 1080p ma indubbiamente non è certo questa produzione a mostrare le capacità del nuovo hardware da gioco di Sony. Al di là dei freddi numeri comunque, l’estetica del prodotto è congrua all’esperienza proposta con cromie molto scure ed effetti visivi che riescono a dare quel sapore di “parormale” al gioco.

Pollice in alto per la colonna sonora, molto cinematografica e sempre in sincronia con le vicende su schermo. Un plauso anche al doppiaggio in italiano che soprattutto nell’interpretazione del protagonista, è ben al di sopra della media.

Nel complesso le dieci ore che potete passare in compagnia di Murdered Soul Suspect prima dei titoli di coda, saranno sicuramente apprezzate da chi ha amato i primi lavori di Manoj Night Shyamalan in campo cinematografico ed Heavy Rain in quello videoludico. Peccato solo per fasi action di cui si poteva fare sicuramente a meno per avere un prodotto più “coerente” e al tempo stesso convincente.

VOTO: 7.5

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Pretty Little Liars: Original Sin – Il trailer del reboot targato HBO Max 6 Luglio 2022 - 18:32

Pretty Little Liars tornerà sul piccolo schermo con un reboot destinato a HBO Max. Ecco il trailer di Pretty Little Liars: Original Sin.

Clerks III: il trailer del nuovo film di Kevin Smith, tornano Dante e Randal! 6 Luglio 2022 - 18:22

Dante e Randal decidono di realizzare un film sulla loro vita al Quick Stop nel terzo capitolo della saga di Clerks

You Will Not Have My Hate: il trailer del dramma francese sulla tragedia di Bataclan 6 Luglio 2022 - 18:15

Il film di Kilian Riedhof è ispirato alla storia vera del giornalista Antoine Leiris, che perse la moglie nell'attentato al Bataclan

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.