L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Incompresa, la recensione del film di Asia Argento presentato a Cannes

Di laura.c

20140522-192410-69850307.jpg

Non sono cattiva, è che ho avuto un’infanzia tormentata. Ok, non è detto proprio in questi termini ma tale è il succo di Incompresa, il nuovo film dell’attrice, regista e, inevitabile ricordarlo, figlia d’arte Asia Argento, presentato al 67º Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard.

20140522-191706-69426424.jpg

Per quanto non esplicitamente biografica, la storia ricalca in modo palese quella dell’autrice: la giovane protagonista, Aria (secondo nome della Argento) è l’ultima arrivata in una famiglia di artisti: la madre, una fatale, irresponsabile e schizzata Charlotte Gainsbourg, è una pianista di fama internazionale mentre il padre, interpretato da Gabriel Garko, è un attore di grande bellezza ma di scarso talento, frustrato e scaramantico fino all’ossesso. Entrambi hanno altre figlie da precedenti matrimoni, tanto che la piccola Aria, a meno di 10 anni è costretta già a badare a se stessa per la scarsa cura e i modi brutali che le riservano tutti i suoi parenti. Derisa anche a scuola per i celebri natali, la sua vita sembra un incubo preadolescenziale consumato in una gabbia dorata e asettica, fatta di anaffettività e disattenzione.

20140522-191706-69426387.jpg

Ora, non è proprio il massimo mescolare in una recensione il piano filmico con ciò che si sa del regista. In questo caso però è davvero difficile scindere i livelli e non trovare qualcosa di un po’ patetico nel rappresentare in modo così privo di complessità un’infanzia, specialmente se si tratta, almeno a grandi linee, della propria e se i drammi di cui ci si lamenta fanno capo ai capricci di un’alta borghesia artistoide. Superando il fastidio per la scelta del soggetto del film, rimane una sorta di teen movie solo vagamente più allucinato, un Tempo delle Mele che incontra il filone “genitori ricchi insensibili”, come d’altra parte indica lo stesso titolo quasi identico all’Incompreso di Comencini del ’66.

20140522-191706-69426464.jpg

Un’opera che manca dunque clamorosamente di spessore, con personaggi che più si sforzano di essere veri più risultano tagliati con accettate un po’ infantili. Un po’ come gli scarabocchi punkettari che la piccola Aria fa a un certo punto sul muro di casa: forse sinceri e catartici a livello personale, ma sempre approssimativi e carichi di un tumulto interno mal metabolizzato. Due genitori che si vomitano addosso insulti scurrili e strattonano la figlia piccola come un sacco di patate saranno anche esistiti nelle vite di tanti bambini, ma ritratti in questo modo risultano stereotipi senza alcuna presa sullo spettatore. Unico plus del film, la fotografia di Nicola Pecorini (collaboratore fisso di Terry Gilliam), di cui ci sembrano aver beneficiano le sequenze più surreali e grottesche del film.

Vi ricordiamo che Incompresa è ora nell sale italiane, distribuito da  Good Films.

[La recensione è stata scritta in occasione del Festival di Cannes]  


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Shailene Woodley nel cast della serie Three Women 23 Luglio 2021 - 17:15

Un nuovo progetto nel futuro di Shailene Woodley. L’attrice sarà la protagonista di Three Women, una serie tratta dall’omonimo romanzo scritto da Lisa Taddeo.

What If…? – Killmonger in una nuova immagine, A.C. Bradley parla dei “generi” esplorati dalla serie 23 Luglio 2021 - 16:30

L'head writer A.C. Bradley parla dei toni e dei generi esplorati da What If...?, mentre una nuova immagine ritrae Erik Killmonger.

Olimpiadi di Tokyo 2021: Un medley di canzoni dei videogiochi per la cerimonia 23 Luglio 2021 - 16:11

Le musiche di videogiochi famosi, come Final Fantasy, NieR e Dragon Quest usate durante la parata degli atleti nella cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo 2021

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.