L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Abbiamo incontrato i 5 Seconds of Summer a Milano!

Di

Ieri Luke, Ashton, Calum e Michael sono arrivati ieri alla Mondadori di Piazza Duomo, letteralmente invasa dai fan, per presentare il loro primo album. E noi li abbiamo incontrati! La band è attesa questa sera e domani per suonare in apertura dei concerti dei One Direction a San Siro a Milano. Ecco cosa ci hanno raccontato questi quattro simpatici musicisti australiani…

IMG_1407

Ormai ci siamo! Questa sera e domani i 5 Seconds Of Summer apriranno i concerti dei One Direction a San Siro a Milano. Ieri la band australiana è arrivata alla Mondadori in Piazza Duomo per presentare il loro primo disco regalando anche una “signing session” e, sotto la poca ombra della Madonnina, si sono radunate migliaia e migliaia di fan: già alle 6.55 di mattina c’erano in coda oltre 700 persone, alle 10.00 si è arrivati a più di 3.500, e poi si è perso il conto tante erano le ragazze in fila. Per contenere la gente, si è reso necessario anche l’intervento di poliziotti e agenti della polizia locale… Nelle foto sotto potete avere un’idea della folle e strepitosa accoglienza del pubblico italiano ai 5SOS che ormai, davvero, si stanno pian piano avvicinando alla popolarità dei loro “amici più grandi”, i One Direction:

folla

IMG_1414

Suscitando l’invidia (sorry!) di queste migliaia di fan noi di Tweens abbiamo potuto incontrare di persona Luke Hemmings, Michael Clifford (che  per l’occasione ha sfoggiato capelli verde fosforescente), Calum Hood e Ashton Irwin: 30 minuti di domande e risposte coi giornalisti in cui i quattro (bravi) ragazzi – sempre sorridenti, gentili e molto spontanei – hanno raccontato del loro inaspettato successo e soprattutto dalla loro passione per la musica. Perché, ricordatelo, loro non vogliono essere una boy-band come tante, ma vogliono essere prima di tutto dei musicisti. E suonare bene.

Del resto, se ti ritrovi a suonare dal vivo in uno spazio enorme come la Wembley Arena di Londra davanti a una folla sterminata di fan solo se sei bravo, e bravo per davvero, ce la puoi fare. Perché se è vero che i 5SOS sono diventati famosi grazie a Youtube, il “tubo” da solo non basta… Ashton ha infatti giustamente detto:

Youtube e la rete sono importantissimi ma ci sono dei gruppi che, se su Youtube hanno un sacco di visualizzazioni, poi dal vivo fanno davvero schifo.  Insomma Youtube aiuta ma non basta: una band deve riuscire a trascinare i suoi follower anche ai suoi concerti, deve farsi sentire live.

IMG_1402

Oltre a Youtube, i 5SOS sanno bene quanto i social network siano fondamentali per avere successo e a loro, comunque, piace davvero condividere tanti momenti coi loro fan come ha sottolineato Calum:

Tutto quel tempo che noi passiamo sui social non è assolutamente tempo perso! Per noi è importante avere un rapporto continuo e personale con le nostre fan: loro vogliono sapere tutto di noi e noi cerchiamo di accontentarle. Lo facciamo con piacere.

IMG_1403

Tra i gruppi a cui i 5SOS sono spesso e volentieri paragonati ci sono i Blink 182. Sono contenti loro? Certo. Michael si è detto orgoglioso del rimando anche perché «i Blink hanno cambiato il modo di fare musica, il modo in cui si sta sul palco» e anche Ashton gli fa eco: «Dai Blink abbiamo sicuramente preso il modo di suonare, la forza delle chitarre. Loro sono riusciti a farsi notare in anni in cui si parlava solo di  boy band e a far sentire ancora le chitarre alle radio. Be’, sarebbe bello fare un po’ lo stesso anche noi ora nel 2014». E a proposito di gruppi di riferimento, Michael ha detto che, se potesse scegliere una band del passato in cui suonare, quella sarebbe sicuramente i Kiss.

IMG_1397

Ad averli a un solo un metro di distanza, la sensazione che si ha dei 5SOS è che siano dei ragazzi normali. Molto alla mano, entusiasti del loro successo ma tutt’altro che montati. I quattro hanno raccontato della loro vita prima di essere famosi, di quando andavano a scuola («facevamo schifo!» hanno detto scherzando) e si barcamenavano con piccoli lavori: «io facevo il commesso in un negozio che affittava dvd» ha rivelato Luke ad esempio.

IMG_1405

Oltre ad apparire come ragazzi normali, Luke, Ashton, Calum e Michael sembrano essere molto amici e molto affiatati tra di loro. Del resto, ci hanno raccontato, «il successo di una band è proprio nell’unione tra i suoi membri, si devono condividere tante esperienze, si deve passare tempo insieme». E divertirsi, ovviamente, come hanno fatto per il videoclip Don’t stop: «fare quel video – ha detto Ashton –  è stato fantastico, ci siamo divertiti come bambini, ci piace divertirci. Quel video mostra poi un po’ la nostra identità, il nostro carattere e avere carattere, essere originali, è la cosa più importante per una band, altrimenti diventi un gruppo come tanti». E a giudicare dalla folla oceanica che hanno richiamato, i 5SOS non sono certo una band come tante.

I 5 seconds of summer sono in concerto il 28 e 29 giugno a San Siro a Milano e il 6 luglio allo Stadio Olimpico di Torino. Di seguito alcuni video registrati durante la conferenza stampa:

• Ashton racconta che è l’unico ad avere un tatuaggio:

• I 5 seconds of summer raccontano di quanto siano contenti e sorpresi dell’accoglienza delle fan a Milano:

• I 5 seconds of summer parlano dell’influenza dei Blik 182

• Luke e Calum mostrano un rito scaramantico che compiono sempre prima dei concerti: «prima di salire sul palco facciamo così, questo gesto con le mani e ripetiamo ‘Let’s rock, Let’s rock today’». Avete presente School of rock?

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Hellraiser: Clive Barker sarà produttore esecutivo della serie HBO 31 Ottobre 2020 - 19:00

L'autore del film originale è ufficialmente a bordo della serie diretta da David Gordon Green

The Black Phone: Scott Derrickson adatterà il racconto di Joe Hill per Blumhouse 31 Ottobre 2020 - 18:00

Il telefono nero, contenuto nella raccolta Ghosts, diventerà un film del regista di Sinister e Doctor Strange

Suburra: la terza e ultima stagione presentata a Lucca Changes, ecco il video 31 Ottobre 2020 - 17:40

Tra i grandi protagonisti di Lucca Changes, troviamo Suburra. La terza e ultima stagione della serie Netflix è stata presentata durante l’edizione virtuale della manifestazione.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).