L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Welcome to New York – Strauss-Kahn vuole denunciare il film di Ferrara per diffamazione

Di Marlen Vazzoler

welcome-to-new-york-depardieu

La Wild Bunch la compagnia che ha prodotto il film di Abel Ferrara, Welcome to New York presentato in anteprima in questi giorni al Festival di Cannes, nelle vesti del suo co-fondatore Vincent Maraval ha dichiarato di non essere preoccupata di essere citata in tribunale a causa dei chiari parallelismi tra il protagonista del film, Devereaux (Gérard Depardieu) e l’ex capo del fondo monetario internazionale Dominique Strauss-Kahn, accusato nel maggio del 2011 di aver assalito sessualmente l’impiegata di un albergo newyorkese. Maraval ha anche detto che se qualcuno vuole ‘Farci pubblicità, è il benvenuto’, il film è stato creato sotto la legge americana ed è stato ben vagliato dagli avvocati.
Ma sembra che il suo commento sia stato preso alla lettera visto che questa mattina sulla radio francese Europa 1, il legale di Strauss-Kahn, Jean Veil, ha dichiarato che il suo cliente ha dato istruzioni ai suoi avvocati di

“presentare una causa per diffamazione per le accuse di stupro e le insinuazioni che sono presenti in tutto il film”.

La causa dovrebbe essere compilata nei prossimi giorni, inoltre su raccomandazione dei suoi amici, Strauss-Kahn non ha visto e non vedrà il film per ‘proteggere se stesso’.

welcome-to-new-york-ferrara

Inoltre l’uomo è d’accordo con l’ex moglie, la giornalista francese Anne Sinclair, che la scorsa domenica ha pubblicato un editoriale nella versione francese del Huffington Post in cui ha definito la pellicola antisemita. Nel pezzo viene espresso il suo disgusto per altri aspetti del film: la nudità di Depardieu, il dialogo scadente, come le donne vengono rappresentate e in particolare per lo scontro tra Devereaux e Simone, verso la fine della pellicola, quando le accuse contro il protagonista vengono ritirate e lui accusa la moglie di essere ossessionata dai soldi e dal potere.

“Le allusioni alla mia famiglia durante la guerra sono degradanti e diffamatorie. Dicono il contrario di quello che è successo. Non ho mai pensato che avrei dovuto difendere oggi la loro memoria di fronte a dei così chiari attacchi antisemiti”.

La Sinclair è la nipote di un noto mercante d’arte fuggito dai nazisti, Paul Rosenberg, spogliato della sua nazionalità francese dal governo di Vichy.
Oggi Ferrara ha risposto alle accuse antisemite al AFP:

“Spero di no. Sono stato cresciuto da una donna ebrea”, ha poi spiegato di non aver diffamato il padre della Sinclair. “Non era un collaboratore, è stato quasi ucciso dalla Gestapo. Era completamente l’opposto, è stato quasi ucciso come sei milioni di ebrei”.

Welcome to New York è in concorso al Festival di Cannes.

Fonti Deadline, the times of Israel

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Rosario Dawson è Ahsoka Tano: Chi è la Jedi in arrivo su The Mandalorian 25 Ottobre 2020 - 20:00

Chi è Ahsoka Tano, il personaggio che Rosario Dawson interpreterà in The Mandalorian? Scopritelo nel nostro speciale!

Lucca Changes sarà completamente online 25 Ottobre 2020 - 19:35

Lucca Changes passerà completamente online. Gli eventi saranno tutti disponibili gratuitamente online tramite le piattaforme di streaming e alla Rai

Grand Army – Netflix mette a disposizione il primo episodio su Youtube 25 Ottobre 2020 - 18:00

A circa una settimana dall'uscita di Grand Army su Netflix, il primo episodio è disponibile gratuitamente su Youtube. La serie è tratta da una pièce teatrale di Katie Cappiello.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).