Solo gli amanti sopravvivono – La recensione del film con Tom Hiddleston e Tilda Swinton

Solo gli amanti sopravvivono – La recensione del film con Tom Hiddleston e Tilda Swinton

Di emanuele.r

onlylovers

Gli ingredienti per attendere Solo gli amanti sopravvivono come uno dei film dell’anno non mancavano: un regista di culto come Jim Jarmusch, due grandi attori come Tilda Swinton e Tom Hiddleston e il tema vampiresco declinato in modo originale. Presentato Fuori concorso al Festival di Torino dopo la competizione di Cannes, il film non delude.
Racconta di Adam e Eve, due vampiri che con i secoli non hanno smesso di amarsi, ma vivono a distanza. Si riuniranno quando il declino del genere umano, che loro chiamano zombie, e la contaminazione del loro sangue metterà a repentaglio la loro esistenza. Scritto dallo stesso Jarmusch, Solo gli amanti sopravvivono è più un dramma nero che un horror, un inno all’arte e alla bellezza come rifugio dal declino, una sorta di Abel Ferrara – specie l’ultimo – più lieve.

only-lovers-left-alive-tom-hiddleston-impugna-una-pistola-276022

Ambientato tra Cleveland e Tangeri, il film si costruisce per allegorie, sussurrate o più esplicite, a partire dai nomi dei protagonisti, sorta di genitori della loro specie  ritratti come baluardi a difesa dell’ultima possibilità rimasta all’essere umano, l’arte, la cultura e la bellezza: musicista lui, bibliofila lei, il loro mondo è un eremo in cui preservare e coltivare la memoria dei grandi della storia dell’arte, da Marlowe a Schubert, cercando in ogni oggetto, in ogni essere, in ogni immagine o suono, lo spunto alla forma e all’armonia che potrebbe salvarli e salvarci. Ma il mondo e i suoi abitanti paiono votati all’auto-distruzione, e se la diffusione libera e involontaria dell’arte (Adam vorrebbe evitare che la sua musica si sentisse in giro ma è in ogni dove) è l’appiglio alla speranza, per i due non resta che cercare di sopravvivere.
C’è aria di apocalisse in Solo gli amanti sopravvivono, ma Jarmusch sa condurre la sua riflessione in modo originale, rileggendo la tradizione culturale e iconografica dei vampiri, portando il romanticismo crepuscolare di atmosfere e personaggi (splendidi fotografia e montaggio) dentro un racconto e un modo di pensare il cinema, con le sue complessità ma anche con il suo modo di parlare con lo spettatore, che avvolge e cova dentro. E poi, dove ci sono suoni e musiche belli come quelli di Jozef van Wissem, non ci può che essere arte e bellezza.

only_lovers_left_alive_4-620x413

[La recensione è stata scritta in occasione della presentazione del film al Festival di Torino]

LEGGI ANCHE

Kung Fu Panda 4: ecco le prime clip 3 Marzo 2024 - 9:00

Guarda le prime clip di Kung Fu Panda 4, dal 21 marzo al cinema.

Tilda Swinton in Constantine 2? L’attrice ne dubita 2 Marzo 2024 - 18:00

Tilda Swinton dubita che tornerà in Constantine 2, ma condivide un'indiscrezione alquanto curiosa sul sequel...

Perché si sta parlando così tanto della Willy’s Chocolate Experience di Glasgow 2 Marzo 2024 - 13:30

Negli ultimi giorni si è molto parlato di un evento chiamato Willy’s Chocolate Experience. Ecco cosa è successo.

Wendell Pierce nel cast di Superman, sarà Perry White 2 Marzo 2024 - 12:00

New entry nel cast di Superman, la nuova avventura dell’Uomo d’Acciaio scritta e diretta da James Gunn.

Dune – Parte Due, cosa e chi dovete ricordare prima di vederlo 27 Febbraio 2024 - 11:57

Un bel ripassino dei protagonisti e delle loro storie, se è passato un po' di tempo da quando avete visto Dune.

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI