L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Our Family, dell'(ex) enfant prodige Ishii Yuya

Di Redazione SW

our_family_opt

Ishii Yuya non sarà un nome che i più in Occidente riconosceranno al primo udire, ma si tratta di un regista giapponese fra i più interessanti, trentunenne ma con alle spalle già una decina di film girati, Ishii si è fatto conoscere al pubblico cinefilo e soprattutto giappanofilo internazionale nel 2010 quando diresse Sawako Decides, Mitsuko Delivers (2011) e successivamente The Great Passage, quest’ultimo pluripremiato in patria, opere che hanno confermato e cementato lo stile del cineasta giapponese, satirico e a tratti comico e surreale ma con una scrittura e delle preoccupazioni sempre molto ancorate alla realtà del tempo che abita. Ciò che manca per la definitiva esplosione del regista è forse una “convocazione” da parte di un prestigioso festival internazionale, chiamata che prima o poi avverrà anche tenendo conto del fatto che il cinema di Ishii, come è inevitabile che sia, si sta ancora evolvendo e sta prendendo varie direzioni, come dimostra il suo ultimo lavoro, Our Family, che esce durante questo weekend nelle sale giapponesi.

Our Family sembra essere un film di rottura nella carriera di Ishii, forse un nuovo punto di partenza per il giovane cineasta giapponese che si confronta con un dramma familiare, quello di Reiko, una donna la cui memoria comincia rapidamente a deteriorarsi e che scopre di avere un tumore al cervello difficilmente curabile. Con il peggiorare della situazione, Rieko si sente paradossalmente libera di dire finalmente quello che pensa e prova verso la sua famiglia compreso il marito che deve affrontare la bancarotta della sua compagnia. Una liberazione che in Giappone vale più che non in altri posti, nel paese del Sol Levante il tatemae la facciata, il mantenimento del decoro sociale e quello familiare infatti resta ancora un elemento molto forte che caratterizza e che plasma parzialmente la società giapponese, nel bene e nel male. Tutta la famiglia è destabilizzata e scossa dalla malattia della madre e dal suo nuovo modo d’essere, una situazione che inevitabilmente finisce per coinvolgere anche i due figli, le cui reazioni sono molto diverse fra loro. Our Family è stato paragonato per l’acume e per la giustezza con cui centra e mette a nudo alcuni dei nodi più pregnanti della società giapponese contemporanea, a Tokyo Sonata di Kurosawa Kiyoshi, un lusinghiero accostamento che speriamo faccia ottenere a Ishii la giusta attenzione che merita anche a livello internazionale.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Dollface: su Disney+ arriva la serie con Kat Dennings prodotta da Margot Robbie 4 Marzo 2021 - 21:15

Tra le nuove serie in arrivo su Star, il sesto brand a essere incluso all’interno di Disney+, troviamo Dollface, una comedy targata Hulu che vede come protagonista Kat Dennings, volto di Darcy Lewis nella serie WandaVision.

SpongeBob: via libera per lo spin-off dedicato alla stella marina Patrick 4 Marzo 2021 - 20:48

Nickelodeon ha dato il via libera allo spin-off di SpongeBob SquarePants dedicato a Patrick Stella.

WandaVision – Le Teorie sul finale in vista dell’ultimo episodio 4 Marzo 2021 - 20:30

Manca ormai solo un episodio al termine di WandaVision: ecco le ultime teorie in vista del finale della serie!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.