L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Lovelace, la recensione del film sulla pornostar di Gola Profonda

Di Andrea D'Addio

Lovelace Amanda Seyfried Adam Brody - Foto del film

Nell’improvvisa corsa iniziata un paio di anni fa per “chi fa per primo il film su Linda Lovelace”, i cui contendenti erano, da una parte il duo Rob Epstein e Jeffrey Friedman (con Amanda Seyfried protagonista) e dall’altra Matthew Wilder (che prima aveva scelto Lindsay Lohan e poi Malin Akerman come interprete principale), hanno vinto, come si può vedere, i primi che hanno così avuto modo di adattare la sceneggiatura appositamente scritta da Andy Bellin.

La vita di Linda Lovelace, la prima pornostar statunitense a diventare veramente popolare nel proprio paese grazie ad uno dei primi film erotici con tanto di sceneggiatura (parliamo di Gola Profonda, 1972) è ormai una di quelle storie che, ciclamente, ritornano all’attenzione dell’opinione pubblica. Su di lei i primi riflettori furono puntati a causa del film e dei suoi sequel. Poi, nel 1980, la sua autobiografia, offrì una nuova prospettiva sulle sue scelte passate, vittime, come lei, degli abusi di un marito violento e di una mafia che non era così lontana dal porno come si poteva e voleva credere. Linda Lovelace divenne un’icona del femminismo del decennio, salvo poi ritornare nell’oblio. La sua morte, avvenuta per un incidente stradale nel 2002, ed il documentario Inside Gola Profonda del 2005, offrirono un’ulteriore occasione per raccontare la sua vicenda così come lo è adesso questo nuovo film a lei dedicato.

Lovelace Amanda Seyfried Foto Dal Film 03

Prima del loro primo film di fiction, l’Urlo (biopic sui generis su Allen Ginsberg) Rob Epstein e Jeffrey Friedman erano conosciuti nell’ambiente cinematografico per i loro bei documentari. Non parliamo quindi di due registi tutto fumo e niente impegno, ma al contrario, di due impegnati cineasti sempre attenti a cogliere dettagli e sfumature della realtà circostante. Se con Urlo avevano osato troppo, lasciando che la poesia (peraltro “urlata”) dominasse una pellicola troppo parlata, in questo caso la loro prima preoccupazione sembra sia stata l’estetica. E così, pescando a piene mani dai ritmi e dai toni del Boogie Nights di Wes P.T. Anderson, ecco una prima parte di film fatta di erotismo edulcorato ed un mondo che sembra sempre sorridente sia nei contenuti che nella forma. Nella seconda parte però Lovelace mostra il suo “dietro le quinte”, rilegge tutto quanto prima raccontato da un diverso punto di vista, sicuramente più drammatico, rendendo chiaro a tutti come il patinato di prima fosse una scelta costruita appositamente per dare coerenza ad un racconto in cui si scava sulla personalità della protagonista. Non tutto viene chiarito riguardo alla vita di Linda Lovelace, ma essendo una storia vera sicuramente ci saranno stati dei limiti che non si potevano superare, dove il presumere non è abbastanza. A parte il dimenticabile cameo di James Franco, che pare volere essere presente, anche solo con una battuta, ogni volta che c’è un film sul mondo del porno (nel 2012 fu al Festival di Berlino con About Cherry), il resto del cast, a partire dalla brava Amanda Seyfried, riesce a rendere credibile ambientazione, dubbi e malinconia della situazione.

[La recensione era stata scritta in occasione della presentazione al Festival di Berlino]

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Hellraiser: Clive Barker sarà produttore esecutivo della serie HBO 31 Ottobre 2020 - 19:00

L'autore del film originale è ufficialmente a bordo della serie diretta da David Gordon Green

The Black Phone: Scott Derrickson adatterà il racconto di Joe Hill per Blumhouse 31 Ottobre 2020 - 18:00

Il telefono nero, contenuto nella raccolta Ghosts, diventerà un film del regista di Sinister e Doctor Strange

Suburra: la terza e ultima stagione presentata a Lucca Changes, ecco il video 31 Ottobre 2020 - 17:40

Tra i grandi protagonisti di Lucca Changes, troviamo Suburra. La terza e ultima stagione della serie Netflix è stata presentata durante l’edizione virtuale della manifestazione.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).