L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

I Simpson – La recensione dell’episodio in versione Lego: Brick Like Me

Di Lorenzo Pedrazzi

thesimpsons-bricklikeme-copertina

I Simpson festeggiano il loro 550° episodio con Brick Like Me, puntata speciale in cui Homer si ritrova in una Springfield fatta di mattoncini Lego…

Attenzione: il seguente articolo contiene SPOILER.

È un giorno come un altro, a Springfield: Homer si sveglia con la voce “soave” dell’amata Marge, i ragazzi fanno colazione in cucina, e tutto è composto da mattoncini Lego. Ogni personaggio è liberamente smontabile, le teste e gli arti si possono separare dal corpo senza ripercussioni, la morte non esiste. Basta ricostruire, o ricostruirsi. Ma, quando Homer si reca al negozio di fumetti per comprare una scatola di montaggio per Lisa, accade qualcosa d’inaspettato: non appena tocca la scatola, Homer sperimenta la visione di una realtà parallela in cui tutti sono fatti di carne, e vede se stesso che regala a Lisa il medesimo giocattolo, aiutandola a montarlo. Progressivamente, si rende conto che il mondo di mattoncini non gli appartiene, ma è invece un universo ideale in cui ogni cosa trova il suo posto, nessuno invecchia e nessuno muore, e Lisa non crescerà mai per diventare adolescente, ma resterà sempre bambina e sarà sempre disposta a giocare con lui. Eppure, è davvero questo ciò che Homer vuole? Tornare alla “vera” realtà non sarà semplice…

1

«Non ci stiamo svendendo! È co-branding! Co-branding!» dice Homer all’inizio di Brick Like Me, stabilendo sin dalla prima scena un clima ironico e autoreferenziale che si adatta benissimo al retaggio de I Simpson. Era dai tempi gloriosi dello splendido Homer³ che lo show di Matt Groening non esplorava una dimensione parallela, ma la differenza è che stavolta si mantiene all’interno della sua continuità narrativa, in un episodio della serie regolare (Homer³ era invece un segmento di La paura fa novanta VI). Una sfida anzitutto di natura tecnica, che può dirsi vinta: la ricostruzione di Springfield dimostra una grande cura per ogni singolo dettaglio, giocando sulla specificità dei mattoncini Lego (l’acqua composta di dischetti trasparenti, le capigliature sostituibili a seconda dell’occasione…) e sulla virtuale immortalità di oggetti e personaggi, che si possono ricostruire senza problemi. L’animazione, poi, ha la spigolosità tipica e piacevolissima dello stop-motion, e restituisce ottimamente il senso di solidità e “fisicità” della plastica, anche in virtù degli effetti riflettenti e luministici. Efficace anche l’integrazione con i disegni animati in 2D, quando le mani di Homer e il suo riflesso nei vetri diventano a cartoon («Marge! Per caso hai sostituito il nostro solito specchio con uno specchio magico comprato presso un negoziante mistico in uno strano negozio che se fossimo tornati a cercarlo non l’avremmo trovato?»).

simpsons-lego

Non proprio memorabili sono le gag, almeno per chi è abituato all’epoca d’oro de I Simpson. Si sorride garbatamente, senza slanci di grande brillantezza, anche se gli sviluppi della trama sono piuttosto apprezzabili: la contaminazione con il Lego, infatti, non è gratuita, ma trova una giustificazione sensata all’interno della storia, poiché Homer vede nei mattoncini l’emblema dell’infanzia di Lisa, quando ancora la bambina guardava a suo padre come l’unico uomo della sua vita, e desiderava averlo vicino per giocare. Lisa, però, sta crescendo, e pretende maggiore autonomia (simboleggiata dal film della saga The Survival Games, limpida parodia di Hunger Games), dunque non ha più voglia di condividere grandi momenti con lui; da qui, Homer costruisce una realtà allucinatoria in cui tutto è stabile, congelato, sottratto allo scorrere del tempo: come un plastico di mattoncini Lego. «Ho fatto questo folle sogno in cui mi trovavo in un mondo di mattoncini Lego, e ho imparato delle lezioni importanti sull’essere genitore» dice Homer dopo il risveglio, e Lisa tenta di fargli notare che la trama è la stessa di The LEGO Movie (pur senza citarlo verbalmente). Gli autori scherzano quindi sulle similutudini tra Brick Like Me e il film di Phil Lord e Chris Miller, che in effetti presenta alcune dinamiche molto simili, come il modellino di una città che diventa l’ambientazione per una realtà parallela fatta di mattoncini Lego, o la riconciliazione fra padre e figlio al termine dell’avventura. Naturalmente, però, l’episodio non fatica ad affermare la propria personalità e indipendenza creativa: la fusione dei due mondi si realizza da una prospettiva nettamente simpsoniana, con tutte le conseguenze umoristiche del caso. Senza dubbio, insomma, è una puntata da ricordare, ma più per la sua eccezionalità tematica e realizzativa, che per la sua effettiva brillantezza comica o satirica.

La citazione: «Non posso andare in chiesa, sono troppo occupato a impazzire!»

Ho apprezzato: l’animazione dei mattoncini e dei personaggi Lego; l’integrazione con i cartoon disegnati; l’impostazione della trama; la gag finale che cita The LEGO Movie.

Non ho apprezzato: la maggior parte delle gag sono poco incisive.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di Agents of S.H.I.E.L.D. sul nostro Episode39 a questo LINK.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Corey Hawkins sfiderà Dracula in The Last Voyage Of The Demeter 27 Gennaio 2021 - 20:45

Il film sarà diretto da André Øvredal, autore di Scary Stories to Tell in the Dark

Fear the Walking Dead: la seconda parte della stagione 6 arriverà il prossimo aprile 27 Gennaio 2021 - 20:37

Fear the Walking Dead tornerà su AMC l’11 aprile, con la seconda parte della stagione 6.

Marvel Cinematic Universe: Quali mutanti potrebbero far parte degli X-Men? 27 Gennaio 2021 - 20:30

Quali X-Men vedremo nel Marvel Cinematic Universe, al momento del loro esordio nell'universo unito dei Marvel Studios? Ecco cosa ne pensiamo!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.