L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Grace di Monaco, la recensione dal Festival di Cannes

Di Andrea D'Addio

Grace of Monaco

C’è un momento in Grace di Monaco in cui l’allora principessa parla pubblicamente ai più importanti politici mondiali dell’epoca cercando di convincerli che il principato è lo stato dell’amore e che proprio per questo non dovrebbe rischiare di essere attaccato dalla vicina Francia che vuole almeno una parte delle sue entrate fiscali. Troppi francesi si sono trasferiti a Monaco per ragioni fiscali, De Gaulle ha bisogno di finanziare la guerra d’Algeria e non tollera più l’assenza di contributi da parte di un territorio che è comunque protettorato transalpino.

Ebbene, è proprio durante questo discorso dell’allora principessa che si raggiunge il baratro narrativo di un film che, al contrario, sembra puntare molto su questo momento di storia vera per nobilitare quanto raccontato in precedenza, ovvero una serie di intrighi di palazzo di bassa lega di cui giustamente pochi potrebbero avere interesse. E così, anche quella che è tutt’altro che un’orazione memorabile viene mostrata e montata come se ci si dovesse commuovere e alzare in piedi ringraziando Monaco e tutti i suoi abitanti per l’esempio di pace e benessere che dimostrano al resto del mondo giorno dopo giorno. Impossibile, neanche per i più ben predisposti.

Grace of Monaco - HD Main Trailer - Official Warner Bros. UK - YouTube

Insomma, Grace di Monaco è un film che si dimenticherà presto. Non amato dalla stessa famiglia reale che ne ha preso le distanze già qualche settimana fa, e di certo non supportato dal produttore Harvey Weinstein che mancherà alla premiere di Cannes ufficialmente perché in Siria a visitare due campi profughi, anche da un punto di vista qualitativo c’è poco da salvare. Il dilemma cinema/non cinema che affligge all’inizio della storia una Grace Kelly ormai da qualche anno sposata, ma ancora non certa di voler abbandonare per sempre le scene (soprattutto perché Alfred Hitchcock è pronto ad offrirle il ruolo di protagonista in Marnie) si perde ben presto all’interno di una storia più ampia e politica che vede il principe Ranieri alle prese con il rischio di vedere scomparire il proprio piccolo regno per una serie di discutibili scelte strategiche. Il compromesso narrativo (storia di Monaco/storia di Grace) non trova il giusto equilibrio diventato noioso da entrambi i lati. Non aiuta in tal senso la scelta del cast, a partire da quella Nicole Kidman che rimane un’attrice eccezionale, ma senza neanche un centilitro di quel fascino da “ghiaccio bollente” che era proprio della Kelly. Altrettanto imbolsito sembra Tim Roth, capace di mantenere la stessa espressione per tutti e 100 i minuti di pellicola. La regia di Olivier Dahan, dopo l’interessante primo piano sequenza in cui Grace ci viene mostrata solo di spalle e allo specchio, riuscendo quindi ad avvicinarci solo gradualmente al volto della Kidman (che per quanto somigliante, non sarà mai l’originale) rimane ancorato ad uno stile piuttosto statico e convenzionale, degno di un feuilleton adatto anche al piccolo schermo. Chissà se davvero un altro regista o un altro sceneggiatore (qui è Arash Amel al suo secondo film dopo Erased) avrebbero saputo fare di meglio o forse se, semplicemente, la vita di Grace di Monaco non è così interessante da farci un film. Per ora il risultato sono stati i fischi della stampa alla proiezione inaugurale del festival di Cannes

Grace di Monaco uscirà domani nei cinema italiani, tra l’altro ultimo giorno per approfittare della Festa del Cinema (biglietti a 3 euro in tutte le sale…)

Screenweek è presente anche quest’anno alla 67esima edizione del Festival di Cannes. Rimanete sintonizzati sulle nostre frequenze per tutti gli aggiornamenti dal Festival di Cannes e seguiteci sui social network (FacebookTwitterInstangram) tramite l’hashtag #SWCannes.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Pam and Tommy – Nuove foto di Sebastian Stan e Seth Rogen nella serie 9 Maggio 2021 - 19:00

Sebastian Stan e Seth Rogen sono Tommy Lee e Rand Gauthier nelle nuove foto di Pam and Tommy, miniserie con Lily James nel ruolo di Pamela Anderson.

La serie ispirata ai Goonies non si farà… almeno non alla Fox 9 Maggio 2021 - 18:00

The Film Reenactment Project, serie su degli studenti che realizzano un remake de I Goonies a scuola, verrà proposta ad altre emittenti

Shazam! Fury of the Gods – Le riprese cominceranno in settimana 9 Maggio 2021 - 17:00

La piccola Faithe C. Herman - interprete di Darla Dudley - rivela che comincerà a girare Shazam! Fury of the Gods questa settimana.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.