L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Chris Claremont parla di X-Men: Giorni di un futuro passato, Wolverine e The Amazing Spider-Man 2

Di Marlen Vazzoler

x-men-days-of-future-past

Questa settimana arriva nelle sale X-Men: Giorni di un futuro passato ispirato all’omonimo fumetto di Chris Claremont, al momento impegnato nella scrittura del fumetto di Nightcrawler della Marvel. Il fumettista ha recentemente svelato di non aver visto ancora il film durante il Motor City Comic Con:

“No, è la Fox. Qual è il punto? La produttrice mi aveva chiesto se volevo volare a Los Angeles e partecipare alla conferenza stampa con gli attori. Ho detto, ‘Diavolo si!’ Ha proposto l’idea ai piani alti della Fox e hanno detto ‘Oh no. Ci servono solo gli attori. Lo scrittore del materiale originale non è una mossa intelligente’. Odio dirlo, ma la mia risposta più delicata è la mia unica risposta: non sono i miei 120 milioni di dollari. Sono della Fox e perciò possono dettar legge. Sì, mi piacerebbe farne parte, ma per lo stesso motivo la Marvel non lo sta proiettando. Quindi prendetelo per quello che sarà”.

Per quanto riguarda il film, lo scrittore trova meraviglioso l’utilizzo di così tanti attori così pieni di talento.

“Ci hanno azzeccato, almeno col titolo. Ci sono grandi robot, è molto anni settanta. Non so cosa ci faccia il TARDIS nella Casa Bianca, ma quella è una storia completamente diversa. La mia sensazione di fondo è che probabilmente è il più ricco, più talentuoso, ‘cast da soldi al box office’ che abbia mai visto. Potete prendere due membri qualsiasi di quel cast e costruire un film di successo e vincitore di premi. Ed è così! Penso che sarà fantastico e lo sapremo in una settimana”.

Ma Giorni di un futuro passato non è stato l’unico film degli X-Men di cui ha parlato Claremont. Lo scrittore ha spiegato come la Fox ha forzato la realizzazione di X-Men le origini: Wolverine:

“X-Men le origini: Wolverine che sono 43 minuti di [Claremont fa finta di avere un conato di vomito] e circa 20 minuti di ‘Non è così male’. Diciamolo Hugh Jackman è assolutamente fantastico. X-Men le origini è stato forzato agli studio dalla Fox perché pensavano che il pubblico generale non avrebbe capito chi è o quello che è o perché è così com’è. Aveva bisogno di un’origine. La mia sensazione era ‘Amico, è Hugh Jackman! Chi se ne frega?’ Arriva sullo schermo e pensi ‘Questo è Wolverine!’ E il resto è irrilevante. Ma che ne so io. Non solo sono solo un civile quando si tratta di film, vivo anche sulla East Coast! Oltre al fatto che si tratta di uno dei film che ha 3-4 frasi che ho scritto, il che mi ha reso una persona incredibilmente fastidiosa con cui andare al cinema. Mia moglie mi stava colpendo nei reni perché non volevo smettere di stare zitto. Ma Hugh Jackman stava dicendo: ‘Sono il migliore in quello che faccio’. Si! Ora sapete perché sono pagato a parola. Mai dire in una frase quello che si può dire in un volume. O come George R.R. Martin fa in cinque volumi!”.

Parlando invece di Wolverine: l’immortale invece Claremont spiega di esser stato chiamato dalla gente di Darren Aronofsky.

“Stavano allestendo il loro ufficio a Brooklyn e mi hanno chiesto di venire giù e di leggere la prima sceneggiatura di Chris McQuarrie e ho pensato: ‘Perché?’”.

Il pannello si è concluso con un opinione di Claremont su un altro cinecomic, The Amazing Spider-Man 2.

“Il problema con i film sui supereroi è che tu speri di avere The Avengers, ma a volte quello che ottieni in realtà è Spidey 2.2. Io lo chiamo Spidey 2.2, perché se lo chiama Spider-Man 2 le persone dicono, ‘Aspetta, vuoi dire Spider-Man con Alfred Molina, perché quello era davvero buono, lo sai?’ Sì, era davvero buono, perché era diretto da Sam Raimi che è veramente bravo. Sam stupidamente ha avuto questo atteggiamento con la Sony dove ha detto ‘Che ne dite per il terzo film di avere meno personaggi!’ E la Sony era ‘Nooooo! VOGLIAMO PIÙ PERSONAGGI! 3 PERSONAGGI nel terzo, 4 per il quarto e 5 nel quinto! ‘Bé guada caso, questo è il quinto film e che cosa abbiamo? I Sinistri Sei! Sì, sei personaggi perché non riescono a contare. Sto prendendo in giro Spidey perché posso e perché il film X-Men non è ancora uscito!”.

Queste risposte cosi candide di Claremont sono davvero un toccasana, a questo punto ci piacerebbe sapere cosa ne pensa dell’ultimo film.

Speriamo di scoprirlo presto! X-Men: Giorni di un futuro passato, scritto da Simon Kinberg e diretto da Bryan Singer (già regista di X-Men e X-Men 2) si svolge nell’arco narrativo di Giorni di un futuro passato del 1981, ambientato in un futuro alternativo distopico in cui gli USA sono dominati dalla Sentinelle e i mutanti vivono in campi di concentramento, un’adulta Kitty Pryde torna indietro nel tempo e impedisce un assassinio causato dalla Fratellanza che scatenerà una catastrofica isteria anti-mutanti. La trama alterna scene nel futuro e nel presente. Nel cast troviamo anche Patrick Stewart, Ellen Page e James McAvoy. L’uscita italiana è prevista per il 22 maggio 2014.

Fonte ComicBook


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Cannes 2021: confermati The French Dispatch e Benedetta di Paul Verhoeven 20 Aprile 2021 - 20:45

I nuovi film di Wes Anderson e Paul Verhoeven, già selezionati l'anno scorso, verranno presentati sulla Croisette

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.