L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Cannes 2014, Still the Water – la recensione del film della giapponese Naomi Kawase

Di laura.c

stillthewater2

“Quando facciamo surf è la fine dell’onda che affrontiamo, la fine di qualcosa che nasce molto più in profondità, nell’oceano. Quando l’onda ci colpisce con tutta la sua energia, il tutto si confonde con il niente, e diventa serenità”. Non è una citazione letterale ma corrisponde più o meno a uno dei passaggi più belli di Still the Water (Futatsume no mado), film della regista giapponese Naomi Kawase appena presentato in concorso al 67° Festival di Cannes. Un’opera dalle tinte contrastanti, che a un’estrema delicatezza alterna momenti di turbolenza e un’estetica anche molto cruda. L’intenzione, però, è sempre coerente ed è quella di celebrare tutta la forza della natura, compresi i suoi lati burrascosi o la brutalità di alcuni riti tradizionali per altri versi pieni di antica bellezza e incanto.

stillthewater4La storia è molto semplice e scorre lenta, quasi seguendo l’alternarsi delle correnti marittime: protagonisti due giovani ragazzi dell’isola Amami, luogo in cui vige ancora un rapporto magico con gli elementi naturali e dove gli abitanti vivono in comunità sia tra di loro, sia con l’ambiente che li circonda. Non è un posto dove succeda molto, se non la vita stessa, con tutti i suoi piccoli e grandi eventi quotidiani, compreso lo spegnersi nella morte, e dove anche l’amore ha bisogno del tempo di sbocciare come un fiore, o di maturare come un frutto estivo. Un posto dove una piacevole brezza che accarezza i capelli di due ragazzi in bicilcetta, può trasformarsi in pochi istanti in un cruento maremoto, un po’ come i sentimenti, che a volte covano in fodno all’anima per poi esplodere in una tempesta, più o meno catartica a seconda di come la si sa affrontare.

stillthewater

 Niente trame complicate e niente melodrammi su ciò che l’esistenza e la natura offrono alla vista ogni gionro, ma neppure simbologie criptiche o eccessivi manierismi fotografici. Still the Water è un film che sa farsi grande delle piccole cose, che invita con estrema cortesia, tutta orientale, a ritrovare la magia e l’incanto della quotidianità. Una piccola perla nascosta in guscio un po’ ostico per chi, come il pubblico occidentale, è avvezzo alla rappresentazione di grandi drammi e grandi passioni, ma che scommettiamo saprà essere colta da chi avrà la pazienza di tuffarsi a pescarla.

 

Screenweek è presente anche quest’anno alla 67esima edizione del Festival di Cannes. Rimanete sintonizzati sulle nostre frequenze per tutti gli aggiornamenti dal Festival di Cannes e seguiteci sui social network (FacebookTwitterInstangram) tramite l’hashtag #SWCannes.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Justice League – Joss Whedon non era stato scelto da Snyder per le riprese aggiuntive 29 Ottobre 2020 - 22:51

Per la prima volta Ray Fisher spiega in dettaglio come è nata la sua battaglia contro Joss Whedon e alcuni dirigenti della Warner, colpevoli di aver creare un ambiente tossico e razzista durante le riprese aggiuntive di Justice League

Mads Mikkelsen e Armie Hammer nella spy-story The Billion Dollar Spy 29 Ottobre 2020 - 21:30

Amma Asante dirigerà il film, basato sulla storia vera di un'amicizia che contribuì a porre fine alla Guerra Fredda

Jessica Chastain contro Anne Hathaway nel remake di Doppio sospetto 29 Ottobre 2020 - 20:45

Olivier Masset-Depasse, regista dell'originale, dirigerà le due attrici nel remake americano Mother's Instinct

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).