L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Agents of S.H.I.E.L.D. – La recensione del 21° episodio: Ragtag

Di Lorenzo Pedrazzi

ragtag-shield-copertina

Agents of S.H.I.E.L.D. raggiunge la soglia del season finale: Ragtag costruisce abilmente le premesse che ci condurranno all’epilogo di questa prima stagione, confermando la netta crescita della serie Marvel

Attenzione: il seguente articolo contiene SPOILER.

La squadra di Coulson (Clark Gregg) può contare solo su se stessa, mentre John Garrett (Bill Paxton) e Ward (Brett Dalton) hanno preso possesso del Bus, e Raina (Ruth Negga) è riuscita a sintetizzare un siero che dovrebbe replicare le proprietà del farmaco GH-325: Garrett ne ha bisogno per sopravvivere, poiché il suo organismo – tenuto in vita da alcuni innesti meccanici – sta collassando. Intanto, Coulson e gli altri hanno capito che la Cybertek, una società che si occupa di alta tecnologia, è coinvolta nelle operazioni dell’Hydra e nella creazione di Deathlok (J. August Richards), e devono infiltrarsi nella sua sede di Palo Alto per tracciare le mosse di Garrett. Triplett (B.J. Britt), nipote di uno dei membri degli Howling Commandos, fornisce alla squadra alcune attrezzature utilizzate dallo S.H.I.E.L.D. nei primi anni di attività, vetuste ma molto utili, e Coulson riesce a introdursi nella Cybertek insieme a Melinda May (Ming-Na Wen), dove scoprono che Garrett è stato il “paziente zero” del progetto Deathlok. Individuato il covo dell’Hydra a La Havana, la squadra si reca sul posto, ma incappa in un gruppo di soldati potenziati dal Centipede e dell’asta dei Berserker; nel frattempo, Fitz (Iain De Caestecker) e Simmons (Elizabeth Hernstridge) vengono catturati da Ward e condotti sul Bus…

2

La trama orizzontale di Agents of S.H.I.E.L.D. ha trovato una dimensione avvincente che unisce idee originali e soluzioni estrapolate dai fumetti, procedendo con una buona suspense fino al gran finale della prima stagione (e, speriamo, non dell’intera serie). Ma oltre ai prodromi dell’imminente epilogo, la carta vincente di Ragtag risiede nella costruzione eterogenea, giocata tra passato e presente. L’episodio, infatti, alterna la narrazione della trama principale ai flashback che raccontano la genesi di Ward, quando fu addestrato da Garrett per diventare un agente operativo dello S.H.I.E.L.D. e, in segreto, un affiliato dell’Hydra. L’ottimo Bill Paxton sottopone il suo allievo a un’istruzione durissima, educandolo a ignorare il lato più emotivo (e quindi, dal suo punto di vista, più debole) del suo carattere per raggiungere un certo grado di cinismo e di spietatezza, indispensabili nell’adempimento delle missioni. L’alternanza tra le due linee temporali è gestita con intelligenza, poiché i flashback commentano o giustificano le azioni di Ward nel nostro presente, intrattenendo con esse un rapporto di rimandi e connessioni reciproche. Significative, in tal senso, le sequenze finali: Ward è sul punto di scaraventare Fitz e Simmons giù dall’aereo, e nel frattempo assistiamo al momento in cui Garrett, prima di arruolarlo ufficialmente nello S.H.I.E.L.D., gli ordina di uccidere il cane Buddy, che lo aveva sostenuto fedelmente durante l’addestramento alla sopravvivenza nei boschi. Sembra che Ward, cedendo al suo lato tenero, decida di risparmiare il cane, e che quindi possa fare lo stesso anche nel presente con Fitz e Simmons, ma in seguito lo vediamo mentre mira alla bestiola con un fucile di precisione, sparandogli. Tutto diventa chiaro: nonostante i disperati tentativi di Fitz, Ward non può essere redento, non può tornare indietro, e i due scienziati vengono lanciati in mare. Ma per loro non sarà la fine, dato che Fitz ha in tasca una vecchia ricetrasmittente a forma di monetina, consegnatagli da Triplett prima di partire.

1

L’episodio offre anche alcuni momenti piuttosto spiritosi, come le reazioni da fanboy di Coulson quando scopre i vecchi “giocattoli” dello S.H.I.E.L.D., o il colloquio sotto copertura alla Cybertek, con Fitz e Simmons che dettano i dialoghi a Coulson e May. Le antenne dei lettori Marvel, però, si devono essersi drizzate non appena Raina ha citato le misteriose origini di Skye: a quanto pare, la ragazza è figlia di un’imprecisata stirpe di “mostri” che ha distrutto un villaggio cinese, e questo potrebbe suggerire un collegamento con gli alieni Kree o gli Inumani, individui terrestri modificati geneticamente dai Kree; insomma, c’è già abbastanza materiale per la prossima – ancora ipotetica – stagione, oltre che per stabilire legami con l’universo cinematografico e fumettistico della Casa delle Idee. Ragtag si conclude poi con un buon cliffhanger, che ci lascia in sospeso fino all’ultimo episodio: Coulson, Triplett e May devono affrontare una squadra di soldati potenziati dal Centipede e dell’asta dei Berserker, mentre Fitz e Simmons galleggiano in un container in mezzo all’oceano. Aspettiamoci un cameo illustre per il finale di stagione…

La citazione: «Non sei stata debole. Hai avuto compassione, è più difficile.»

Ho apprezzato: la costruzione alternata fra passato e presente; la rivelazione sul passato di Skye; i vecchi “giocattoli” dello S.H.I.E.L.D.; il cliffhanger finale.

Non ho apprezzato: nulla di rilevante.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di Agents of S.H.I.E.L.D. sul nostro Episode39 a questo LINK.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Underground Railroad: il teaser trailer della serie Amazon di Barry Jenkins 19 Ottobre 2020 - 21:30

Tratta dal romanzo di Colson Whitehead, sarà prodotta da Brad Pitt

Hocus Pocus: il cast originale si riunisce per beneficenza, ecco la foto 19 Ottobre 2020 - 20:45

Bette Midler, Sarah Jessica Parker e Kathy Najimy torneranno insieme per un evento virtuale in favore del New York Restoration Project

One-Punch Man – Sony interessata a Henry Golding per il ruolo di Saitama [RUMOR] 19 Ottobre 2020 - 20:40

La Sony Pictures è interessata a Henry Golding per il ruolo di Saitama nel live action basato su One-Punch Man? Secondo un nuovo rumor lo studio vorrebbe Chloé Zhao alla regia

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).