L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Big Bang Theory, la recensione del ventesimo episodio: The Relationship Diremption

Di Lorenzo Pedrazzi

tbbt-7x20-copertina

Ultimo episodio di The Big Bang Theory prima della pausa pasquale, The Relationship Diremption pone Sheldon di fronte alla prospettiva di cambiare il suo campo di studi…

Attenzione: il seguente articolo contiene SPOILER

Sheldon ha un’improvvisa epifania: pur avendo dedicato tutta la sua vita allo studio della Teoria delle stringhe, non ha mai raggiunto risultati degni di nota. Per questa ragione, decide di abbandonare tale campo di studi per dedicarsi ad altro… ma cosa? Inoltre, una simile decisione richiede tempo per essere assimilata, proprio come una rottura dalla propria fidanzata storica. Sheldon comincia quindi a seguire i consigli di Cosmopolitan, che praticamente in ogni numero dedica un articolo a come superare il trauma della separazione dal proprio ex. Penny e Leonard lo supportano come possono, mentre Raj e Howard concordano un appuntamento a quattro con le rispettive compagne, Emily e Bernadette. Ma non appena Howard vede entrare Emily nel ristorante, si rende conto di averla già conosciuta in passato…

3

The Relationship Diremption utilizza un espediente piuttosto comune nell’ambito della comicità televisiva, anche perché sempre molto efficace: quello di prendere un determinato cliché situazionale e trasportarlo in un contesto diverso, mantenendone però intatte le caratteristiche. In questo caso, la separazione di Sheldon dalla Teoria delle stringhe viene messa in scena con le stesse dinamiche di una rottura sentimentale, da cui origina l’effetto umoristico. Il geniale ricercatore attraversa quindi le varie fasi di “elaborazione del lutto”: butta via gli oggetti che gli ricordano il passato, si fa fare un nuovo taglio di capelli (subito proibito da Amy, perché «non mi va che le altre ragazze lo vedano andare in giro come un concentrato di sesso ambulante») e infine trascorre una notte ubriaco con un libro di geologia, scienza che lui non considera tale. Poi, nella successiva “camminata della vergogna”, si rende anche conto di aver tempestato di telefonate Stephen Hawking, lasciandogli i tipici messaggi di una nottata alcolica, come si farebbe con il proprio ex fidanzato. Il meccanismo funziona bene, le risate non mancano, e per una volta Sheldon si rivela divertente senza diventare insopportabile: è già di per sé un buon risultato.

2

La trama secondaria riguarda invece l’uscita a quattro di Raj, Emily, Howard e Bernadette, che risulta piacevole e saltuariamente spiritosa, pur senza grandi acuti: Emily riconosce Howard come il ragazzo che, qualche anno fa, aveva invitato a casa sua, ma lui le aveva intasato il water a causa di un’intossicazione alimentare e, non sapendo come rimediare, era scappato dalla finestra. Da qui nasce tutta una serie di battutine velatamente scatologiche, ma mai volgari o eccessive. L’aspetto più riuscito consiste nel ribaltamento della situazione: Raj temeva che Howard lo avrebbe messo a disagio raccontando a Emily qualcosa di imbarazzante (ad esempio parlandole del suo morboso rapporto con la cagnolina Cinnamon), mentre invece è accaduto l’esatto contrario. Insomma, la classica pena del contrappasso.

1

La citazione: «L’articolo suggerisce che dovrei dare fuoco a questi libri, ma l’odore dei libri bruciati mi ricorda troppo i picnic della chiesa nel Texas Orientale.»

Ho apprezzato: l’epifania di Sheldon; i messaggi lasciati nella segreteria di Stephen Hawking (fra cui «Ora bacio le ragazze»).

Non ho apprezzato: nulla di rilevante.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di The Big Bang Theory sul nostro Episode39 a questo LINK.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Book of Vision: il film di Carlo S. Hintermann dall’8 luglio al cinema 14 Giugno 2021 - 17:45

The Book of Vision, il film diretto da Carlo S. Hintermann e prodotto da Terrence Malick, arriverà nelle nostre sale l’8 luglio, distribuito da RS Productions.

Summertime – Un video con i blooper della stagione 2 14 Giugno 2021 - 17:00

Netflix ha pubblicato un simpatico video con gli errori sul set di Summertime, la cui seconda stagione è disponibile da una decina di giorni.

Annecy 2021: Primo sguardo al corto Disney ‘Far From the Tree’ 14 Giugno 2021 - 16:36

Prima immagine del cortometraggio animato Far From the Tree che verrà presentato domani in anteprima mondiale al Festival di Annecy dal Walt Disney Animation Studios

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.