L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Lego Lo Hobbit: La Recensione del Videogame

Di Fabrizio Tropeano

1385389426-3_jpg_1400x0_q85

A poco più di un mese dall’uscita dell’ultimo videogame Lego (quello dedicato al film…), torniamo ad occuparci di una nuova produzione firmata TT Games e Warner Bros. Questa volta siamo di fronte a Lego Lo Hobbit, versione videoludica riveduta e corretta della trilogia filmica nata dall’omonimo libro di J. R. R. Tolkien.

In realtà il videogame allo stato attuale si estende su 16 missioni che ripercorrono le gesta dei nostri eroi nei primi due film ma è stato già annunciato che in coincidenza con l’uscita del terzo film, Racconto di un Ritorno, verrà rilasciato un DLC per concludere anche su PC e console la trilogia.

Detto questo, non pensate che avrete fra le mani  un prodotto incompleto e breve, tutt’altro. Lego Lo Hobbit è uno dei capitoli dei videogiochi a base di mattoncini danesi più intensi e con più sequenze narrative di sempre. Di base siamo nuovamente di fronte alla commistione fra action, platform, adventure. Un mix che ricrea in modo perfetto le atmosfere delle pellicole e che regala tante ore di divertimento soprattutto se giocato in compagnia di un’altra persona.

Le specificità di questo titolo, oltre alle varie abilità dei personaggi che avremo modo di controllare (Bilbo Baggins, Gandalf ed i nani Thorin, Fíli, Kíli, Óin, Glóin, Dwalin, Balin, Bifur, Bofur, Bombur, Dori, Nori e Ori) sono due: una è ripresa da The Lego Movie Videogame ed è  la costruzione di vari modelli Lego in cui dovremo dare il nostro apporto cercando il giusto pezzo mancante al momento opportuno. L’altro, inedito, è invece la possibilità (a volte obbligo…) di dover costruire altre strutture dopo aver raccolto vari minerali nel corso dei livelli. Un modo per avvicinarsi così alle produzioni fantasy anche da “hardcore gamers”…

La realizzazione tecnica (nella versione Xbox 360 da noi testata) è veramente convincente con un frame rate  molto stabile, una buonissima fedeltà delle ambientazioni del film (alcune veramente monumentali e clamorosamente pedisseque alle scene cinematografiche anche a livello di regia), tanti elementi interattivi e mobili su schermo che rendono veramente spettacolare la visione interattiva del videogame.

Come accaduto per il già citato The Lego Movie Videogame, neppure Lo Hobbit è stato doppiato in italiano: la localizzazione è stata effettuata esclusivamente con i sottotitoli. In questo caso però la mancanza non è grave, anzi, l’utilizzo dei dialoghi tratti dai film in lingua originale è assolutamente convincente.  Sempre dalle pellicole è stata ripresa la colonna sonora assolutamente suggestiva e qualitativamente elevatissima.

La longevità del titolo è garantita all’incirca da 8-10 ore di gioco che si dipaneranno in contesti familiari agli amanti della saga come Lake-town, Dale, Erebor, Bag End, Goblin-town, Mirkwood, Rivendell ed il pericolosissimo Alto Passo fino alle Montagne Nebbiose. I tanti elementi sbloccabili e la voglia di completarlo fino al 100% possono tranquillamente raddoppiare la permanenza del disco di gioco nella vostra console.

Tirando le somme, Lego Lo Hobbit ci ha profondamente divertito e rallegrato come vuole la tradizione di queste produzioni targate TT Games e Warner Bros. Siamo di fronte probabilmente ad uno dei migliori titoli di sempre della serie e c’è voglia di completare il viaggio con il DLC di Racconto di un Ritorno. 

Vi ricordiamo infine che Lego Lo Hobbit è già disponibile praticamente per tutte le piattaforme di gioco ovvero Xbox One, PlayStation 4, Xbox 360, PS3, Wii U, PS Vita, Nintendo 3DS e PC.

LEGO-Lo-Hobbit-Gallery-7

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Revival: Mike Flanagan descrive il film ‘cupo e cinico’ 4 Luglio 2020 - 20:00

Mike Flanagan (The Haunting) descrive il suo prossimo film, Revival, 'cupo e cinico'. Si tratta del suo terzo adattamento cinematografico di un'opera di Stephen King

Relazione pericolosa: Nia Long e Omar Epps nel trailer del thriller Netflix 4 Luglio 2020 - 19:00

Sulla falsariga di Attrazione fatale, la storia di una relazione extraconiugale che prende una piega sinistra

Willow: Ron Howard rivela che stanno già cercando le location per la serie Disney+ 4 Luglio 2020 - 18:00

Il regista di Willow ci aggiorna sullo status della serie che Disney+ sta tentando di realizzare

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.