L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Gotham – Cory Michael Smith sarà l’Enigmista nella serie della Fox

Di Lorenzo Pedrazzi

theriddler-copertina

Uno dei supercriminali più iconici dell’universo di Batman ha trovato il suo interprete: Cory Michael Smith presterà il volto al giovane Edward Nygma – futuro Enigmista – in Gotham, la serie della Fox che racconterà le prime indagini di James Gordon (Ben McKenzie) e le origini di alcuni celebri villain di Gotham City, quando Bruce Wayne (David Mazouz) era ancora un bambino.

Stando alla descrizione riportata da The Wrap (via Collider), Edward Nygma sarà un brillante scienziato forense, “curioso, eccentrico, espansivo ma socialmente imbarazzante che vuole piacere agli altri, ma non sa come”. Probabilmente, nel corso della serie, assisteremo alla sua progressiva trasformazione in criminale.

Cory+Michael+Smith+Altuzarra+Front+Row+Fall+b5gbyP-_Djil

Ecco la sinossi ufficiale:

Tutti conoscono il nome del Commissario Gordon. È uno dei più grandi nemici del crimine, un uomo la cui reputazione è sinonimo di legge e ordine. Ma cosa sappiamo della sua storia, e della sua scalata da detective a Commissario di Polizia? Cos’ha dovuto fare per affrontare gli strati di corruzione che governavano segretamente Gotham, terreno fertile per i criminali più iconici del mondo? E quali circostanze hanno dato luogo alla nascita di personaggi debordanti come Catwoman, il Pinguino, l’Enigmista, Due Facce e il Joker?

Gotham racconta l’origine dei grandi supercriminali e vigilanti della DC Comics, rivelando un intero nuovo capitolo che non è mai stato narrato. Dallo sceneggiatore/produttore esecutivo Bruno Heller (The Mentalist, Rome), Gotham segue l’ascesa di un poliziotto attraverso una città pericolosa e corrotta che barcolla sull’orlo del male, e mostra la nascita di uno dei supereroi più celebri del nostro tempo.

Cresciuto nei sobborghi che circondano Gotham City, James Gordon (Ben McKenzie, Southland, The O.C.) ha un’idea romantica della città, e la vede come la metropoli eccitante e fascinosa in cui suo padre lavorò come procuratore distrettuale. Ora, due settimane dopo aver cominciato il suo nuovo lavoro come detective di Gotham, fidanzato con l’amata Barbara Kean (Erin Richards, Open Grave, Breaking In), Gordon sta vivendo il suo sogno, anche se spera di restituire alla città quella purezza che ricordava da bambino.

Coraggioso, onesto e pronto a dar prova del suo valore, il neo-detective viene accoppiato al brusco ma scaltro Harvey Bullock (Donal Logue, Sons of Anarchy, Copper), vera leggenda della polizia, quando i due incappano nel caso più clamoroso della città: l’omicidio dei miliardari Martha e Thomas Wayne. Sulla scena del crimine, Gordon incontra l’unico sopravvissuto: il figlio dodicenne della coppia, Bruce Wayne (David Mazouz, Touch), con cui il giovane detective sente un’inspiegabile affinità. Mosso dalla commovente sofferenza del ragazzo, Gordon giura di catturare il killer.

Mentre esplora l’ambiguo sistema giudiziario di Gotham City, Gordon affronta il boss della malavita Fish Mooney (Jada Pinkett Smith, Matrix Reloaded, Matrix Revolutions, Collateral) e molti personaggi che diventeranno alcuni tra i più famigerati criminali nella storia dei fumetti, inclusi un’adolescente Selina Kyle/Catwoman (Camren Bicondova) e Oswald Cobblepot/Pinguino (Robin Lord Taylor, The Walking Dead, Another Earth).

Pur seguendo la turbolenta e peculiare ascesa di Gordon nel dipartimento di polizia di Gotham City, guidato dal Capitano Sarah Essen (Zabryna Guevara, Burn Notice), lo show si focalizzerà anche sull’improbabile amicizia tra il detective e il giovane erede del patrimonio della famiglia Wayne, cresciuto dal suo imperturbabile maggiordomo Alfred (Sean Pertwee, Camelot, Elementary). È un’amicizia che durerà per la loro intera vita, giocando un ruolo cruciale nell’aiutare il ragazzino ad abbracciare il suo futuro di vigilante mascherato.

Vi ricordo che lo showrunner di Gotham è Bruno Heller (The Mentalist), e l’episodio pilota vede alla regia il veterano Danny Cannon. La serie debutterà il prossimo autunno su Fox.

CLICCA QUI per vedere l’immagine ufficiale di James Gordon.

CLICCA QUI per vedere l’immagine ufficiale di Oswald Cobblepot alias il Pinguino.

CLICCA QUI per l’immagine ufficiale di Harvey Bullock.

CLICCA QUI per l’immagine ufficiale di Catwoman

CLICCA QUI per l’immagine ufficiale di Alfred Pennyworth.

CLICCA QUI per vedere il logo della serie.

CLICCA QUI per leggere l’intervista a Donal Logue, che svela alcuni dettagli sulla serie.

Fonti: ComicBookMovie; JustJared


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Julia Butters da C’era una volta a Hollywood al biopic di Spielberg 16 Giugno 2021 - 10:30

L'attrice, attualmente impegnata sul set di The Gray Man dei fratelli Russo, sarà la sorella del protagonista, ispirato a Steven Spielberg

Morbius farà parte del MCU? Secondo Tyrese Gibson sì, ma la Sony smentisce 16 Giugno 2021 - 10:09

Nelle ultime ore Morbius, il cinecomic con Jared Leto basato sull’omonimo vampiro della Marvel, è tornato alla ribalta.

Bullet Train – Sony fissa l’uscita americana per aprile 2022 16 Giugno 2021 - 9:45

Bullet Train, l'atteso action di David Leitch con Brad Pitt e altre star, uscirà l'8 aprile 2022 nelle sale americane, stesso giorno di Sonic 2 e The Northman.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.