L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Grand Hotel Budapest, un commento al film di Wes Anderson

Di Andrea D'Addio

the grand budapest hotel berlino

Centro europa, 1933, Grand Hotel Budapest. Un’anziana e ricca signora lascia in eredità un quadro dal valore inestimabile al concierge dell’albergo in cui è solita passare le vacanze. Peccato che contro questo lascito si schieri tutta la famiglia di lei. Non solo. La polizia lo arresta per l’omicidio della donna. Difficile provare la propria innocenza, ma in suoi aiuto accorrono vecchi amici ed un giovane ragazzino da poco assunto al Grand Hotel Budapest, lo stesso che a distanza di quarant’anni racconterà come siano andate veramente le cose.

grand-budapest-hotel-dafoe-brody-almaric-fiennes-600x421

 The Grand Budapest Hotel è un film di Wes Anderson. Basterebbe questo a definirlo. Ecco quindi inquadrature perfettamente geometriche, continuo utilizzo del carrello, scenografie da cartone animato, dialoghi paradossali, grugniti, pigiami e Bill Murray (è la settima volta consecutiva che appare in un film del regista texano). Il canovaccio da thriller, ispirato ai racconti del grande Stephen Zweig, è in realtà solo un pretesto per creare personaggi ed ambientazioni surreali. Grande protagonista è in questo caso Ralph Fiennes. “Volevo qualcuno in grado di rendere credibili pensieri e parole assurde e lui era perfetto” aveva dichiarato Anderson in conferenza stampa al Festival di Berlino dove il film è stato presentato in anteprima. Come al solito il cast in generale è eccezionale. Tilda Swinton, irriconoscibilmente truccata, è una novantenne (o quasi) a cui basta uno sguardo per far scogliere il pubblico in grandi risate. Harvey Keitel, calvo e a torso nudo, recita uno dei personaggi più strambi e divertenti della sua carriera. Adrien Brody azzecca finalmente un film (è il cattivo di turno) dopo un filotto di scelte sbagliate degne del guinness dei primati.  Insomma, tutto è al posto giusto per essere visto e goduto. Non è il miglior Anderson di sempre (Mr. Fox e Moonrise Kigdom sono di un gradino superiore), ma non ci si può lamentare.

 The Grand Budapest Hotel è da ora nei cinema.

[La recensione è stata scritta in occasione del Festival di Berlino dove il film era stato presentato in anteprima]

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Obi-Wan Kenobi – Prime foto dal set con Ewan McGregor 13 Giugno 2021 - 15:00

Le riprese di Obi-Wan Kenobi sono in corso a Los Angeles, e su internet trapelano le prime foto dal set con il protagonista Ewan McGregor.

I più bei film sui cavalli in attesa di Spirit – Il Ribelle 13 Giugno 2021 - 14:00

Il 17 giugno Spirit - Il Ribelle, il nuovo film targato DreamWorks Animation, arriverà nelle sale italiane. Più volte il mondo della settima arte ci ha ricordato che il cavallo è il migliore amico dell'uomo. Trovate alcuni esempi nella nostra Top 10.

Free Guy: nuovo trailer italiano per il film con Ryan Reynolds, dall’11 agosto al cinema 13 Giugno 2021 - 13:00

Il prossimo 11 agosto Free Guy, la commedia d’azione diretta da Shawn Levy, arriverà nelle sale italiane. Ecco il nuovo trailer italiano del film con Ryan Reynolds.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.