L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Beijing Film Fest – Alfonso Cuaron parla del 3D e del suo prossimo progetto

Di Marlen Vazzoler

alfonso-cuaron-beijing

Gli spettatori cinesi amano il 3D, lo dimostrano i dati al botteghino cinese: i film locali che hanno ottenuto gli incassi più alti, come Journey to the West: Conquering the Demons sono in 3D, Robocop è stato convertito in 3D apposta per il mercato cinese e Gravity ha incassato 70 milioni di dollari solo in questo paese.
Ma Alfonso Cuarón, il regista di Gravity, ospite del Beijing Film Fest mette in guardia i registi cinesi sull’uso del 3D, ricordandogli che è solo un altro mezzo:

“Amo il 3D ma penso che un film debba essere concepito come un film in 3D. Non ho famigliarità con tutti questi film cinesi, ho più famigliarità con l’esperienza nei multisala in occidente, nei quali la maggior parte dei grandi film che vedete in 3D sono dei ripensamenti commerciali e sono assolutamente terribili. Non forniscono una buona esperienza in 3D – fanno si che l’intera esperienza di guardare un film sia davvero stancante. Mi piace quando il 3D è realizzato in modo organico. Il 3D è uno strumento che deve essere usato quando ce né bisogno, non in continuazione”.

Cuaron nota che alcuni film in 3D devono il loro successo alla squadra degli effetti speciali invece che al direttore della fotografia, ma ha sottolineato che in Gravity Lubezki ha avuto un ruolo centrale nell’intero processo.

“Ogni singola posizione della cinepresa, ogni singolo spostamento della cinepresa, angolo, lente e impostazione della luce è stato creato da Emmanuel Lubezki. Gravity come film non doveva essere commerciale – non è che stavo cercando di fare un film che non fosse commerciale, ma secondo il punto di vista e le preoccupazioni di tutti, questo film non avrebbe funzionato. Dai nostri test screening ci era stato detto che al pubblico non sarebbe piaciuto il film, quindi alla fine non si sa mai, e l’unica cosa che puoi fare è difendere quello che pensi sia giusto.
Quando stavamo facendo Gravity non avevamo nessun film sullo spazio come riferimento; i nostri riferimenti erano praticamente due film. Uno era Duel di Steven Spielberg e l’altro era A Man Escaped di Robert Bresson. Uno è una fuga dalla prigione e l’altro è su una macchina che viene inseguita da un grande rimorchio. Ma non c’era nessun riferimento allo spazio quando stavamo scrivendo lo script”.

Il pubblico era curioso di sapere se la decisione di avere un astronave cinese come mezzo di salvataggio è stata una mossa calcolata per far breccia sul mercato cinese. Cuaron ha riso ed ha detto che gli elementi cinesi si trovavano nello script da cinque anni e mezzo:

“Non è mai stato calcolato. Non puoi mai calcolare la co-produzione in termini di contenuti. In questo caso la [Cina] era solo un elemento che era lì. La cosa importante è l’integrità”.

Per quanto riguarda il suo prossimo progetto, Cuaron sta pensando a un semplice dramma, ma ammette che potrebbe cambiare idea:

“Venendo da un film come Gravity con grandi effetti speciali, mi piacerebbe fare qualcosa senza effetti speciali. Solo la cinepresa e gli attori e fare qualcosa che sia più piccolo e più immediato. State parlando con qualcuno che è appena tornato da un banchetto, che ha mangiato tanto, e gli state chiedendo che cosa vuole per cena. A questo punto dico che voglio qualcosa di molto leggero, ma forse fra due ore dirò datemi un altro grande pasto”.

Le post-conversioni in 3D decise all’ultimo minuto sono diminuite nell’ultimo anno, ma non quelle realizzate in post-produzione. Come ha detto Cuaron il 3D dovrebbe essere utilizzato come strumento per creare una storia più coinvolgente ma purtroppo i produttori non sono ancora dello stesso avviso.
Fonte THR

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Morning Show: la stagione 2 dal 17 settembre su Apple TV+, ecco il teaser trailer 14 Giugno 2021 - 16:21

Apple TV+ ha diffuso il primo teaser trailer della seconda stagione di The Morning Show, in arrivo il 17 settembre sulla piattaforma di streaming.

Indiana Jones 5: nuovi video e foto dal set con il castello di Bamburgh in fiamme 14 Giugno 2021 - 15:45

Le riprese di Indiana Jones 5 proseguono presso il castello di Bamburgh nel Northumberland, in Inghilterra e nuove foto e video dal set ci mostrano il sito storico in fiamme.

Perché un flop: la recensione di Chaos Walking 14 Giugno 2021 - 15:00

Il lungo prologo di un film molto più interessante che, per qualche ragione, si è scelto di non raccontare. E che non vedremo mai

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.