L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

True Detective, la recensione del settimo episodio: After You’ve Gone

Di Lorenzo Pedrazzi

truedetective-afteryouvegone-copertina

Riparte la caccia al Re Giallo: in After You’ve Gone, penultimo episodio della prima stagione di True Detective, Rust Cohle e Marty Hart tornano a indagare insieme…

Attenzione: il seguente articolo contiene SPOILER

Rust (Matthew McConaughey) e Marty (Woody Harrelson) tornano a guardarsi negli occhi dopo dieci anni, separati da un tavolino e qualche birra. Rust si sente in debito nei confronti delle vittime del Re Giallo, e ritiene che Marty debba condividere questo fardello con lui: l’assassino, infatti, è ancora libero, ed è protetto da qualcuno di potente, legato alla famiglia del defunto reverendo Tuttle. Marty ritiene che siano soltanto congetture, ma cambia idea non appena Rust gli mostra le orribili immagini e il raccapricciante video che ha trovato nella casa del reverendo. Ormai non ci sono più scuse: dovranno lavorare ancora insieme – ma stavolta clandestinamente – per trovare il serial killer…

1

«E come in tanti sogni, alla fine c’è un mostro». Così Rust concludeva il suo monologo al termine del terzo episodio, sull’inquietante immagine di Reggie Ledoux che si aggirava nella sua tana. Ebbene, anche After You’ve Gone si chiude sull’inquadratura di un “orco”: è l’uomo sfigurato, con cui peraltro Rust è già entrato in contatto nel terzo episodio, fuori dalla Light of the Way School. La grandezza di True Detective è evidente anche da questi dettagli, che richiedono memoria e dedizione per essere ricondotti al posto giusto nella mitologia della serie.

3

Una mitologia che si fa sempre più oscura ed esoterica: quando Marty e Rust fanno visita alla ex governante di Sam Tuttle, padre del reverendo, la donna scivola in un delirio verbale che prende forma nella parola «Carcosa» e nella frase «Gioite, la morte non è la fine», macabramente simile alla cantilena pronunciata da Ledoux quando venne catturato dai due detective, «Ora siete a Carcosa». Questa misteriosa località è il dominio del Re Giallo, ed entrambi i termini affondano le radici nella letteratura americana: Carcosa è una cittadina fittizia citata da Ambrose Bierce nel racconto An Inhabitant of Carcosa, ed è stata utilizzata più diffusamente da Robert W. Chambers nel suo libro di racconti horror intitolato – guarda caso – The King in Yellow. L’elemento orrorifico, insomma, si fa sempre più intenso, mentre le indagini dei protagonisti scrutano sempre più a fondo nell’abisso. D’altra parte, After You’ve Gone costituisce un altro punto di non ritorno per la serie di Nic Pizzolatto e Cary Joji Fukunaga: Rust e Marty oltrepassano una linea da cui non potranno mai tornare indietro, accettando la responsabilità di un compito che soltanto loro possono assolvere. Perché ormai è chiaro, ce ne accorgiamo anche nei brevi segmenti che raccontano la loro quotidianità (Marty che consuma una cena precotta davanti alla televisione, Rust che vive nel suo isolamento eremitico): i nostri “eroi” sono due uomini miserabili. Soli, abbandonati, senza nulla da perdere, conservano un forte senso di responsabilità e una solida fibra morale. Emblematica la sequenza in cui Marty visiona il filmato che mostra l’omicidio (e stupro) rituale della piccola Marie Fonteneau: noi spettatori non vediamo la registrazione direttamente, ma ne osserviamo gli effetti sul volto del detective, sconvolto, rabbioso, esterrefatto, e questo è sufficiente per intuirne il contenuto. Messi di fronte all’orrore, questi uomini hanno almeno la dignità di reagire. Se non loro, chi altri?

La citazione: «Alla fine il tempo avrà la meglio su tutti noi. Tu però devi averlo fatto incazzare un bel po’.»

Ho apprezzato: la ruvida solidarietà tra miserabili; l’apparizione finale dell’uomo sfigurato.

Non ho apprezzato: la presenza di Maggie è ininfluente.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di True Detective sul nostro Episode39 a questo LINK.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Sulla scena del delitto: Il caso del Cecil Hotel, il trailer della docuserie Netflix 26 Gennaio 2021 - 21:30

La nuova docuserie true crime di Joe Berlinger, regista de Il caso Bundy, dal 10 febbraio su Netflix

Vikings: Valhalla – Ecco il cast dello spin-off di Netflix 26 Gennaio 2021 - 20:50

Le riprese della prima stagione di Vikings: Valhalla sono state concluse, ecco il cast dello spin-off di Netflix

E domani un altro mondo: Netflix acquista il potenziale candidato tedesco agli Oscar 26 Gennaio 2021 - 20:45

Il film di Julia von Heinz, attaccato dai neonazisti tedeschi, approderà sulla piattaforma entro fine aprile

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.