L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Resurrection, la recensione del terzo episodio: Two Rivers

Di Lorenzo Pedrazzi

tworivers-copertina

Resurrection giunge al terzo episodio, intitolato Two Rivers, e pone nuove domande sul ritorno dei defunti cittadini di Arcadia…

Attenzione: il seguente articolo contiene SPOILER

L’agente J. Martin Bellamy (Omar Epps) e la dottoressa Maggie (Devin Kelley) hanno riesumato la bara di Jacob (Landon Gimenez), trovandoci i suoi resti all’interno. Inevitabile chiedersi chi sia, allora, il bambino tornato dal mondo dei morti, dato che appare come la copia perfetta del figlio di Henry e Lucille Langston (Kurtwood Smith e Frances Fisher), maglietta compresa. Lo stesso Henry fatica ad accettarlo, e accusa la moglie di aver tradito la memoria del vero Jacob.
Nel frattempo Caleb (Sam Hazeldine), un altro “risorto”, scava delle buche attorno al suo capanno di caccia, e chiaramente nasconde qualcosa. Quando Martin e Maggie trovano le buche, i sospetti su di lui s’infittiscono. Inoltre, Maggie ipotizza che le “resurrezioni” siano legate al fiume che scorre fra i boschi di Arcadia: Jacob, infatti, è annegato nelle sue acque, mentre le ceneri di Caleb sono state disperse proprio sulla superficie del fiume…

3

Resurrection conferma la sua natura ibrida di mistery contaminato con il melodramma: l’enigma delle resurrezioni ha un peso forse persino inferiore rispetto alle conseguenze emotive e psicologiche di questi eventi eccezionali, che risvegliano antichi dolori e frantumano il processo di elaborazione del lutto. In Two Rivers, peraltro, assistiamo alla reazione della cittadina in quanto gruppo collettivo, il cui terrore per l’ignoto sfocia in provvedimenti ottusi e radicali, come proibire a Jacob e sua madre di frequentare la chiesa. D’altra parte, se il pastore Tom Hale vede in queste circostanze eccezionali una manifestazione del divino, altri invece le considerano un’emanazione di «qualcos’altro», e tendono a diffidare. Al momento non ci sono indizi sulla vera natura dei “miracoli”: Maggie ipotizza che la causa di tutto sia rintracciabile nel fiume di Arcadia, ma non è chiaro se l’origine dell’evento sia sovrannaturale, religiosa, magica o – più improbabilmente – fantascientifica. Di certo i cittadini del posto nascondono più di un segreto, come dimostrano le azioni di Caleb e del misterioso uomo calvo che pare sia stato l’amante di Rachel. I risvolti criminosi e cospiratori s’intrecciano con gli elementi di carattere fantastico.

1

Mentre i Langston affrontano le inevitabili difficoltà della situazione, scatenando un conflitto tra i dubbi di Henry e la fiducia di Lucille, Martin e Maggie sembrano coltivare un potenziale interesse amoroso, graditissimo in un contesto che, ancora oggi, tende a vedere le relazioni interraziali come un tabù insuperabile. Per il resto, l’impressione è che le domande tendano ad accumularsi un po’ troppo, e lo show dovrà comiciare a seminare qualche indizio più consistente per non rischiare di perdere il controllo sulla trama. La storia comunque ha una progressione lenta, graduale, e soltanto alla fine della stagione potremo – forse – godere di un quadro più completo.

La citazione: «Ogni volta che mi sento sul punto di avvicinarmi a lui, mi ricordo del nostro Jacob. Il Jacob che hai portato in grembo. Quello che abbiamo sepolto. Per me, lui non è mai realmente andato via. Lo vedo ancora nei miei sogni, o durante il giorno quando sento le voci dei bambini. Non riesco a lasciarlo andare. E quello che non riesco a capire… è come tu abbia potuto farlo.»

Ho apprezzato: l’attenzione alle conseguenze emotive e psicologiche delle “resurrezioni”; la collaborazione – e possibile storia d’amore – fra Martin e Maggie.

Non ho apprezzato: le domande rischiano di accumularsi eccessivamente.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di Resurrection sul nostro Episode39 a questo LINK.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Lupin – Il teaser della serie con Omar Sy, da gennaio su Netflix 25 Settembre 2020 - 12:45

È disponibile il primo teaser trailer di Lupin, serie francese in cui Omar Sy interpreta una sorta di erede del celebre ladro gentiluomo.

The Boys – Amazon sviluppa uno spin-off su un college di supereroi 25 Settembre 2020 - 11:45

Il successo di The Boys spinge Amazon a espandere il franchise: è in fase di sviluppo uno spin-off ambientato in un college di supereroi gestito dalla Vought.

Chadwick Boseman: a Disneyland un murale per onorare l’attore 25 Settembre 2020 - 10:48

La Disney ha reso ancora una volta omaggio a Chadwick Boseman, presentando ieri un murale a lui dedicato e realizzato da Nikkolas Smith.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.