L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

L’Oscar a La Grande Bellezza: perché esserne felici

Di Valentina Torlaschi

La-grande-bellezza-oscar

Sorrentino è un regista coraggioso, spericolato per certi versi. La Grande Bellezza è un film difficile, densissimo, debordante di parole e affollato personaggi; un film che non si è certo preoccupato di assecondare i gusti del presunto pubblico italiano e che, eppure, al pubblico italiano è piaciuto. Come sempre per le pellicole del regista napoletano, tutto nasce intorno a un unico personaggio a cui poi si costruisce addosso una sceneggiatura che è spesso imperfetta e dalle maglie larghe; eppure, al di à degli innegabili difetti, il film risulta alla fine sottilmente spietato e visivamente bellissimo nel raccontare la ‘dolce vita’ della Roma di oggi così vuota, così volgare. Così decadente, ma ancora così bella da togliere il fiato. Anche perché, come più o meno già diceva Ennio Flaiano, vivere a Roma è un modo di perdere dolcemente la vita.

L’immagine di questo nostro paese di nani e ballerine è sì percorsa da uno sguardo tagliente, ma mai accusatorio e moralistico. Sorrentino non giudica dall’alto al basso. Come sempre, lui ama i suoi protagonisti e se deve scoccare frecce avvelenate a soubrette con un romanzo proustiano nel cassetto o a intellettuali radica-chic orgogliosamente senza tv in casa o ancora a perfomer che si spaccano la testa contro il muro, be’, lo fa perché sono questi stessi personaggi a prendersi troppo sul serio. In questo paese splendido eppure allo sfascio, dove non si può che vagare ammirando il passato e ricercare il tempo perduto perché il futuro è un buco nero, non ci si può prendere troppo sul serio. Come racconta nei bellissimi dialoghi il protagonista Jep Gambardella (Toni Servillo): «siamo tutti sull’orlo della disperazione: non possiamo far altro che farci compagnia, pigliarci un po’ in giro».

E allora festeggiamo per questo Oscar, brindiamo, ma non costruiamoci sopra monumenti e non parliamo di eroi, Jep non lo farebbe. Godiamoci la vittoria ma senza prendersi troppo sul serio: l’Oscar è un premio, anche importante, ma come tutti i premi nasce anche da compromessi e negoziazioni dietro le quinte.

La Grande Bellezza Toni Servillo Foto Dal Film 4

Detto ciò, c’è da essere felici per il trionfo de La Grande Bellezza agli Academy Awards e questo perché Paolo Sorrentino è un regista di talento. Un autore dallo stile visivo potente con le sue carrellate barocche e inquadrature estetizzanti, con i suoi monologhi di estrema letterarietà, coi suoi personaggi sfaccettati e non facilmente incasellabili. Quello di Sorrentino è un cinema che parla del/col reale ma senza essere per forza realista come certa “morale d’autore” invece vorrebbe. Non dimentichiamo poi che Sorrentino è un regista tutto sommato giovane (ha 44 anni, alla fine), che ha condiviso il suo lavoro-passione-sogno con dei produttori altrettanto giovani: Nicola Giuliano e Francesca Cima, i quali hanno iniziato la loro avventura della Indigo Film più di 10 anni fa proprio con il regista napoletano producendone il primo film per poi arrivare, ieri notte, agli Oscar. Che abbia vinto il loro La Grande Bellezza, che sia stata questa pellicola a rappresentare il nostro cinema, c’è solo da esserne fieri. Poi, se volete, si può dare avvio al chiacchiericcio e al blà-blà-blà…

Per tutti gli articoli e le curiosità sugli Oscar seguite la nostra CATEGORIA SPECIALE o la nostra pagina Facebook

Cinema chiusi fino al 15 gennaio, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Death to 2020: il teaser del mockumentary Netflix di Charlie Brooker 4 Dicembre 2020 - 15:22

Charlie Brooker realizzerà per Netflix un mockumentary incentrato sul 2020. Ora sappiamo anche il titolo del mockumentary in questione: Death to 2020.

Il primo film animato indiano di Netflix, ecco Bombay Rose 4 Dicembre 2020 - 14:30

A partire da oggi, venerdì 4 dicembre, è disponibile su Netflix Bombay Rose. Ecco tutto quello che dovete sapere sul film di animazione indiano, la trama e il trailer.

American Gods – Il trailer ufficiale e il poster della terza stagione 4 Dicembre 2020 - 13:45

Continua la guerra tra vecchie e nuove divinità nel trailer ufficiale di American Gods 3, la cui premiere è attesa per l'11 gennaio su Amazon Prime Video.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.