Condividi su

02 marzo 2014 • 18:00 • Scritto da Marlen Vazzoler

La Bella e la Bestia: le più belle le più brutte versioni della fiaba al cinema

Otto film a confronto, solo sei sono riusciti a salire sul podio delle più brutte e delle più belle versioni cinematografiche della Bella e la Bestia. Scopriamo quali versioni si sono meritate questo titolo...
Post Image
1

the-beauty-and-the-beast-versus

Di adattamenti basati sulla storia della Bella e la Bestia se ne possono davvero contare moltissimi sia nel campo teatrale, televisivo, cinematografico e letterario, a cui possiamo aggiungere i musical e i balletti. Invece di fare il solito elenco dei film più conosciuti realizzati su questo tema, abbiamo pensato di realizzare una sorta di versus, in cui mettiamo a confronto i peggiori e i migliori adattamenti cinematografici tratti da questa storia.

Partiamo dalle versioni più brutte:

La bella e la bestia (1987)

Al terzo posto troviamo un musical diretto da Eugene Marner. Belle è interpretata da Rebecca De Mornay mentre nel ruolo della Bestia/Principe troviamo John Savage. Il regno è stato realizzato con uno stile rinascimentale. Di seguito potete vedere un momento topico del film:

Blood of Beasts (2005)

Al secondo posto troviamo una storia ambientata al tempo dei vichinghi, la strega cattiva è stata sotituita da Odino. Di seguito potete vedere il colpo di scena alla fine del film.

Beastly (2011)

Al primo posto non potevamo non mettere Beastly, uno dei più recenti adattamenti, questa volta ambientato ai giorni nostri a New York. Questa volta la Bestia ha perso i suoi tratti distintivi: zanne e pelliccia, è calva, ha dei percing, dei tatuaggi e delle cicatrici. Vi lasciamo con il finale alternativo:

Prima di passare alla classifica dei migliori adattamenti, segnaliamo due film davvero particolari che non sono riusciti a salire su nessuno dei due podi:

Beauty and the Beast (1962)

Al quarto posto tra i film più brutti troviamo questa versione della storia della Bella e la Bestia, in cui il principe ogni notte si trasforma nell’Uomo Lupo.

Spike (2008)

Fuori dal podio delle versioni più belle troviamo questo fantasy horror in cui la Bestia ha sempre osservato e protetto di nascosto, la sua Bella. Il creatore del mostro è Jordu Schell, l’uomo che ha contribuito a creare l’aspetto dei Na’vi in Avatar.

Ed ora passiamo al podio per i migliori adattamenti di La Bella e la Bestia:

The Scarlet Flower (1952)

Al terzo posto troviamo questo mediometraggio, basata sulla versione russa della storia della Bella e la Bestia di Sergei Aksakov. Nel 1987 la pellicola è stata restaurata dal Gorky Film Studio.

La bella e la bestia (1946)

Al secondo posto troviamo la versione diretta da Jean Cocteau. La pellicola è ancora oggi ritenuta un classifico della cinematografia mondiale, grazie alle musiche di Georges Auric, la fotografia di Henri Alekan, le scenografie di Christian Bérard e Lucien Carré e i costumi di Christian Bérard e Escoffier.

La bella e la bestia (1991)

Al primo posto troviamo un’altra versione animata, il film d’animazione della Disney. Indubbiamente uno dei migliori film animati dello studio e uno dei migliori adattamenti della storia della Bella e la Bestia, grazie alla sceneggiatura di Linda Woolverton e alle musiche di Alan Menken.

Vi lasciamo dunque con tre delle più belle scene del film:

Condividi su

Un commento a “La Bella e la Bestia: le più belle le più brutte versioni della fiaba al cinema

  1. Ah, però riguardo la versione nordica e quella licantropa! Ricordo il telefilm dell’ 87 che piace un sacco a mia madre che da piccolo mi metteva ansia XD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *