L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Yves Saint Laurent, un commento sul biopic del genio della moda

Di Andrea D'Addio

YSL

Trent’anni e poco più, nella vita di Yves St. Laurent, da quando, a soli 17 anni, fu assunto da Christian Dior fino ai primi anni ‘80, quando ormai il suo successo si era stabilizzato e anche la crisi autodistruttiva che ha rischiato di interromperne l’ascesa. In originale s’intitola semplicemente Yves il biopic su uno dei più grandi stilisti di sempre, il primo a cui il Metropolitan Museum di New York dedicò una grande retrospettiva dei suoi lavori nel 1980, che è ora nei cinema italiani.

Io non sono un sarto, ma un fabbricante di felicità” disse del resto una volta, ma quella stessa felicità che si augurava di regalare altrove fu per lui a lungo una chimera. Vittima di comportamenti maniaci-depressivi, nel 1960 Saint Laurent fu rinchiuso in un ospedale miliare. Volevano arruolarlo per la guerra in Algeria, quella stessa terra in cui lui era nato (da una famiglia di coloni francesi), ma la sua psiche lo sabotò. Ad aiutarlo ad uscirne fu quello che sarebbe diventato il suo compagno di sempre, Pierre Bergé, colui attraverso è raccontata l’intera storia. La loro relazione è il vero motore del film: il talento da una parte ed il fermo raziocinio dall’altro costituirono un perfetto connubio artistico-imprenditoriale.

Yves Saint Laurent - Il poster

Il film di Jalil Lespert racconta tutto questo senza prendersi rischi, tutto è raccontato nella maniera più convenzionale possibile (voce fuori campo, lungo flashback e divisione della storia in tre atti: 1-primi successi, 2-crisi e 3-ripresa), ma è perfettamente interpretato da Pierre Niney e Guillaume Gallienne, (entrambi della Comédie-Française, come indicato nei titoli di testa) ed è ben accompagnato dalla colonna sonora. I vestiti mostrati poi sono quelli che veramente creò Saint Laurent. E così ci si commuove durante le prime due sfilate dell’allora giovane stilista e si crede davvero all’amore tra i due protagonisti.

In Italia Yves St. Laurent è uscito ieri, il 27 marzo distribuito da Lucky Red. È una bella opportunità per rendersi conto che la moda, ogni tanto riesce anche ad essere arte.

[La recensione è stata scritta in occasione della presentazione all’ultimo Festival di Berlino]

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La regina degli scacchi – Magnus Carlsen commenta la finale in un video 24 Gennaio 2021 - 21:00

Netflix ha pubblicato un video in cui il gran maestro norvegese Magnus Carlsen commenta la finale tra Beth e Borgov ne La regina degli scacchi.

Tilda Swinton in The Eternal Daughter della Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle 24 Gennaio 2021 - 20:07

I prossimi progetti di Tilda Swinton sono The Eternal Daughter, già girato da Joanna Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle

WandaVision – Paul Bettany dice che l’episodio 4 ci “sbalordirà” 24 Gennaio 2021 - 20:00

Rispondendo agli elogi di Chris Hewitt su Twitter, Paul Bettany assicura che il quarto episodio di WandaVision sarà sbalorditivo. Inoltre, un nuovo spot con le reazioni della critica.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.