Condividi su

08 marzo 2014 • 12:00 • Scritto da Valentina Torlaschi

8 marzo: 5 film da ridere, e non solo, per la Festa della donna

Festa della donna. E come ogni anno il quesito si ripropone: ricorrenza necessaria o ennesimo escamotage commerciale? Al di là del dilemma a cui una risposta definitiva non può essere data, l'8 marzo è per noi l’occasione di segnalarvi 5 belle commedie agrodolci, m anche noir, rigorosamente al femminile
Post Image
0

film festa della donna

Senza perdersi in scivolose discussioni sulla reale utilità della Festa della donna tra manifestazioni di piazza e spogliarelli in discoteca, abbiamo molto semplicemente deciso di segnalarvi 5 belle commedie al femminile (per protagoniste, tematiche, atmosfere) ben scritte, dirette e recitate che, uscite negli ultimi anni, possono regalarvi delle belle risate. A volte, anche risate amare.

Amiche da morire (2013)

Amiche da morire Cristiana Capotondi Claudia Gerini Sabrina Impacciatore foto dal film 5

Un film tutto al femminile, dalle atmosfere ironiche e misteriose, che è stato diretto dalla giovane regista Giorgia Farina (28enne qui al suo esordio al lungometraggio dopo diversi corti presentati ai Festival internazionali). Ambientato in un’indefinibile Sicilia (ma girato in Puglia), in un Sud Italia diviso tra modernità e tradizione, sullo sfondo di questi assolati e bellissimi paesaggi, si snodano le vite di tre donne che, malgrado le notevoli diversità, si trovano costrette a far fronte comune per salvarsi la pelle… Insomma commedia e mistero sono le due caratteristiche di Amiche da morire.
Protagoniste sono tre donne. C’è infatti Gilda (Claudia Gerini), una bellezza verace che da anni sbarca il lunario facendo il mestiere più antico del mondo: la prostituta. Poi troviamo Olivia (Cristiana Capotondi), una giovane moglie da manuale, bella ed elegante che suscita le invidie delle donne per la sua vita idilliaca accanto a un bel marito ma la cui vita perfetta sta andando in frantumi. E infine c’è Crocetta (una formidabile ed eislarante Sabrina Impacciatore) il brutto anatroccolo che si mormora porti iella a qualsiasi sventurato le si avvicini e tenti di conquistarla. A complicare la situazione arriverà infine un Commissario di Polizia (il “Freddo” Vinicio Marchioni) che intuisce che le tre nascondono un segreto. Intelligente, ironico, con una regia molto curata e tre ottime interpreti.
QUI il il link per scaricare il film su iTunes

E ora dove andiamo? (2011)

Where Do We Go Now Nadine Labaki Foto Dal Film 4

Diretto e interpretato dalla brava Nadine Labaki (già autrice-attrice di Caramel), siamo davanti a una commedia esotica di amore e integrazione. Ambientato in un paesino isolato del Libano dove cristiani e musulmani hanno sempre convissuto in pace, l’arrivo della tv butta tutto in subbuglio: le notizie sulle lotte religiose interne al Libano infuocano infatti gli animi degli uomini della cittadina che iniziano a combattersi tra loro a suon di scherzi grotteschi, dall’acqua santa nelle chiesa cristiana che si tinge di rosso-sangue alle mandrie di animali che fanno irruzione nella moschea mussulmana. Sarà l’arguzia delle donne del villaggio a riportare l’ordine e la pace usando anche qualche trucchetto come l’invito di ballerine ucraine o certe sostanze stupefacenti… Il film era stato presentato al Festival di Cannes nella sezione collaterale Un Certain Regard. Si ride e si pensa, ma con leggerezza.

Volver (2006)

Volver

È uno dei film più belli del regista spagnolo Pedro Almodóvar. Una danza tragicomica di sei donne che, tra passato e presente, il mondo dei vivi e quello dei morti, riescono a farsi forza a vicenda e a superare con l’amore e il sorriso i brutti scherzi del destino. La storia è questa: Raimunda (Penélope Cruz) vive a Madrid col suo compagno Paco e la figlia adolescente, Paula. Durante un tentativo di abuso da parte del patrigno, Paula lo pugnala a morte. Scoperta la tragedia, Raimunda comprende appieno le ragioni della figlia e decide di coprire l’omicidio e occultare il cadavere. A complicare la situazione arriva dall’aldilà il fantasma della madre di Raimunda che sembra esser tornato per rivelare una verità del passato… Premiato a Cannes 2006 per la (perfetta) sceneggiatura e per il (sorprendente) cast (Penélope Cruz, Carmen Maura, Lola Dueñas, Chus Lampreave, Yohana Cobo, Blanca Portillo), Volver più che una commedia è un grande melodramma dove amore e morte vanno di pari passo e dove si ride, ma le risate sono sempre accompagnate dalle lacrime.
QUI il link per scaricare il film da iTunes.

8 donne e un mistero (2002)

8 donne e un mistero

Qui la commedia si tinge di giallo, quasi di noir. In una villa isolata nella campagna francese, una famiglia si riunisce per le vacanze, ma non si rivelerà una vacanza felice. Dopo poco tempo infatti, il capofamiglia verrà ucciso. Chi è stato? La colpevole è sicuramente una delle 8 donne presenti nella casa… Per il suo film François Ozon ha raggruppato 8 delle stelle del cinema francese di ieri e di oggi: Isabelle Huppert, Catherine Deneuve, Fanny Ardant, Virginie Ledoyen, Ludivine Seigner, Danielle Darrieux, Emmanuelle Béart e Firmine Richard. Un racconto alla Agatha Christie ma dalle battute taglienti e dall’ironia raffinata.

Le amiche della sposa (2011)

Le amiche della sposa Rose Byrne Kristen Wiig Maya Rudolph foto dal film 9

Atmosfere irriverenti, battute ben scritte e un cast fresco e azzeccato. Le amiche della sposa è certo tra le commedie nuziali più scorrette degli ultimi anni, anzi, è stato il capostipite di questo nuovo genere (vedi poi The Wedding Party). Protagonista è Kristen Wiig: una 40enne con una vita incasinata da amori e lavori sbagliati che viene scelta come damigella d’onore per il matrimonio della migliore amica. Inizialmente l’entusiasmo è alle stelle peccato che poi la gioia venga rovinata dall’altra testimone maledettamente bella e perfetta. Come se non bastasse, i preparativi si trasformano in una valanga di guai, si veda la prova d’abito in un elegantissimo atelier letteralmente imbrattata dai brutti “effetti collaterali” di un pranzo al ristorante brasiliano… Un film di puro intrattenimento che gioca anche sui terreni del trash ma che, grazie a una sceneggiatura ben costruita (nominata agli Oscar) e a un gruppo di brave interpreti, è alla fine un’opera arguta e molto godibile.
QUI il link per scaricare il film

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *