L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Verdone spicca il volo a San Valentino: 733mila euro per Sotto una Buona Stella

Di Leotruman

SOTTO-UNA-BUONA-STELLA-VERDONE-620x350

In molti hanno scelto ieri di passare la festa degli innamorati al cinema: +32% degli incassi rispetto al precedente venerdì, merito anche di Carlo Verdone, sbarcato nelle sale con il suo ultimo film da lui diretto e interpretato: Sotto una buona stella.

Il film con Paola Cortellesi ha raccolto infatti ben 733mila euro nelle oltre 600 sale monitorate ieri, con la media per copia di 1200 euro. Questo significa che ha già un milione di euro in cassa dopo solamente 48 ore: potrebbe superare i 3 milioni di euro raccolti nel primo weekend dalla sua ultima pellicola, Posti in Piedi in Paradiso (marzo 2012, che però uscì di venerdì).

Seconda posizione per Monuments Men, la quinta pellicola diretta da George Clooney, che ha recentemente fatto il suo debutto al 64° Festival di Berlino e con protagonisti Bill MurrayJean DujardinMatt Damon e John Goodman. Incasso e media positiva (per un venerdì), con 256mila euro incassati e oltre 700 euro per sala. Non male anche Storia d’Inverno, salito al terzo posto grazie a San Valentino. Il film diretto dallo sceneggiatore Akiva Goldsman (Io sono Leggenda e premio Oscar per A Beautiful Mind) con protagonisti Colin FarrellJessica Brown Findlay (tra le protagoniste di Downton Abbey), ma anche Russell Crowe e Jennifer Connelly ha raccolto 196mila euro, con la media di 600 euro per sala.

Calo nullo (anzi, +1%) per  Smetto quando vogliola commedia italiana di cui tutti parlano che ha incassato altri 139mila euro (media 540 euro), per un totale di 1.5 milioni in nove giorni. Segue Scorsese e il suo The Wolf of Wall Street, ormai sempre più vicino agli 11 milioni totali (ieri 123mila euro), e Tutta colpa di Freud, felice dei suoi 7 milioni incassati in totale (115mila euro ieri). 5 milioni di euro raggiunti invece ieri da Belle & Sebastien, pronto in ogni caso nelle giornate di oggi e domani a tornare ad incassare cifre considerevoli.

Decima posizione per la riedizione di Colazione da Tiffany, il classico con Audrey Hepburn tornato in 70 schermi solamente nella giornata di ieri: 35mila euro e oltre 500 euro di media per classico senza tempo.

A domani per il nuovo aggiornamento sugli incassi italiani!

Cliccate MI PIACE sulla nostra PAGINA FACEBOOK: trovereteaggiornamenti costanti sugli incassi della pellicola nei prossimi giorni, come sempre anche nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra Box Office Cup


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Walking Dead: World Beyond – La Stagione 2 dal 3 ottobre su AMC, ecco un assaggio 24 Luglio 2021 - 23:51

La stagione 2 di World Beyond, lo spin-off di The Walking Dead, è stata presentata durante il Comic-Con@Home.

Fear the Walking Dead: la stagione 7 arriverà il 17 ottobre su AMC, ecco un assaggio 24 Luglio 2021 - 22:47

La stagione 7 di Fear the Walking Dead è stata presentata durante il Comic-Con@Home.

So cosa hai fatto – La serie arriverà su Prime Video il prossimo ottobre 24 Luglio 2021 - 19:00

So cosa hai fatto, serie basata sull'omonimo teen horror del 1997, arriverà su Amazon Prime Video il prossimo ottobre, giusto in tempo per Halloween.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.