L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

È record per il #SuperBowlXLVIII: lo show ha registrato gli ascolti più alti in assoluto (UPDATE)

Di Lorenzo Pedrazzi

superbowl-copertina

UPDATE: I nuovi dati smentiscono le prime proiezioni diffuse ieri. Il Super Bowl di quest’anno ha infatti registrato gli ascolti più alti nella storia della televisione americana, con ben 111.5 milioni di telespettatori contro i 111.34 milioni del 2012, che deteneva il record precedente. La partita di domenica è stata ovviamente anche lo show più visto nella storia della Fox, che aveva trasmesso il Super Bowl nel 2011, registrando in quel caso 111 milioni di spettatori. Se il rating di 46.4/69 pareggia quello dello scorso anno, gli ascolti dell’halftime show con Bruno Mars e i Red Hot Chili Peppers sono stati superiori: 115.3 milioni di spettatori, mentre nel 2013 la performance di Beyonce ne aveva registrati 110.8. Superato anche il record di Madonna appartenente al 2012 (114 milioni).
Il Super Bowl ha trainato inoltre gli ascolti della serata sul canale della Fox: il nuovo episodio di New Girl ha infatti guadagnato 25.8 milioni di telespettatori.

Fonte: Deadline

Il Super Bowl di quest’anno, andato in onda sul canale della Fox, non ha centrato il record: il rating di 47.6/70 segna infatti un calo dell’1% rispetto al 48.1/71 dello scorso anno, quando la partita fu trasmessa dalla CBS. Si tratta comunque di un dato molto significativo, poiché rientra nella top 5 dei migliori ascolti nella storia del Super Bowl, piazzandosi al quinto posto della graduatoria.

1) 2013: 48.1 – Super Bowl XLVII: Baltimore Ravens vs. San Francisco 49ers (CBS)
2) 2011: 47.9 – Super Bowl XLV: Green Bay Packers vs. Pittsburgh Steelers (FOX)
3) 1987: 47.9 – Super Bowl XXI: NY Giants vs. Denver Broncos (CBS)
4) 2012: 47.8 – Super Bowl XLVI: NY Giants vs. New England Patriots (NBC)
5) 2014: 47.6 – Super Bowl XLVIII: Seattle Seahawks vs. Denver Broncos (FOX)

Lo show è durato circa tre ore e mezza, ed è stato intervallato dalle performance musicali di Bruno Mars e dei Red Hot Chili Peppers. Il dato di quest’anno segna un’inversione di tendenza rispetto agli anni passati: fra il 2011 e il 2013, il Super Bowl aveva infranto il record degli ascolti per tre volte consecutive.

– A QUESTO LINK trovate tutti gli spot e i trailer trasmessi durante il Super Bowl.

– A QUESTO LINK potete vedere lo show dell’halftime con Bruno Mars e i Red Hot Chili Peppers.

– A QUESTO LINK potete vedere lo spot di Radio Shack con le star degli anni Ottanta.

Fonte: Deadline


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

L’ultimo mercenario: Van Damme in una clip mostrata al Comic-Con 25 Luglio 2021 - 18:00

L'action-comedy con Jean-Claude Van Damme arriverà su Netflix il 30 luglio. Vediamo anche il panel del Comic-Con...

Outer Banks – Un video riassume gli eventi della prima stagione 25 Luglio 2021 - 17:00

In attesa della seconda stagione di Outer Banks, in arrivo il 30 luglio, Netflix ha pubblicato un video che riassume gli eventi della prima.

She-Hulk: Jameela Jamil continua ad allenarsi, svela quanto manca alla fine delle riprese 25 Luglio 2021 - 16:00

Jameela Jamil (alias Titania) svela che le mancano quattro settimane per finire le riprese di She-Hulk, e pubblica una foto dal suo allenamento.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.