L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Elezioni a Tokyo, destra nazionalista e cinema

Di Redazione SW

eien_no_zero_opt

ScreenWeek dal Giappone.

Il prossimo 9 febbraio si terranno a Tokyo le elezioni per decidere il nuovo governatore della metropoli giapponese, dopo le forzate dimissioni del precedente, Naose Inoki, travolto dagli scandali di corruzione. Ora, fra coloro che si sono candidati c’è anche Tamogami Toshio, ex generale licenziato dalla sua posizione all’interno delle forze di autodifesa nel 2008 dopo le sue parole che giustificavano l’agressione imperialista giapponese dell’Asia nella prima parte del ventesimo secolo. Fra coloro che supportano Tamogami nella sua corsa per diventare governatore di Tokyo c’è anche lo scrittore Hyakuta Naoki, che fa anche parte del comitato dirigente dell’emitente nazionale NHK e dal cui bestseller Eien no zero (The Eternal Zero) è stato tratto il film omonimo, vero fenomeno cinematografico del momento che per sette settimane consecutive è al primo posto negli incassi del botteghino giapponese.
Hyakuta, le cui posizioni nazionaliste non sono certo una novità, nei giorni scorsi è salito alla ribalta per aver dichiarato che il massacro di Nankino avvenuto nella città cinese nel 1937, è stata una fabbricazione americana, cioè che i fatti perpetrati dall’esercito giapponese non sono mai avvenuti. Una corrente revisionista che, se non sempre esplicitamente, innerva l’ideologia del governo giapponese in carica guidato da Abe Shinzo ma che ancora più pericolosamente è una tendenza che sempre più sta prendendo piede nella società giapponese.

eien no zero

Tutto questo però non significa affermare che il successo di spettatori di Eien no zero sia dovuto a questa tendenza pericolosamente destrorsa, la maggiorparte dei moviegoers ha probabilmente affollato i cinema più attratta dalla storia d’amore che dai fatti storici in cui essa si svolge. Ma allo stesso tempo ed in modo più subdolamente sottile, il film e tutto ciò che lo circonda è un’ottima cartina tornasole su quel variegato sentimento di vittimismo, di chiusura e di supposta unicità del Giappone e dei suoi abitanti verso il resto del mondo, che trova molto riscontro nella società giapponese contemporanea, anche quella che si dichiara più schiettamente impolitica.

eien_no_zero1


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Free Guy – Una featurette dedicata a Taika Waititi 30 Luglio 2021 - 13:45

Taika Waititi interpreta Antwan, l'antagonista di Free Guy, e la nuova featurette è dedicata proprio a lui. L'uscita del film è attesa per l'11 agosto.

Waterworld: in arrivo una serie TV sequel del film 30 Luglio 2021 - 13:00

L'idea è quella di ambientare la serie vent'anni dopo il film e incentrarla sugli stessi personaggi. Dan Trachtenberg (10 Cloverfield Lane) la dirigerà

Batgirl: J.K. Simmons in trattative per tornare nei panni di James Gordon 30 Luglio 2021 - 12:28

L'attore potrebbe riprendere il ruolo del Commissario di Gotham City nel film incentrato sulla figlia del personaggio, Barbara Gordon

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.