L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Edward Norton torna alla regia con Motherless Brooklyn

Di Valentina Torlaschi

edward_norton regista

In attesa di rivederlo sul grande schermo ad aprile nella commedia di Wes Anderson The Grand Budapest Hotel, Edward Norton sta preparando un nuovo, importante progetto che lo coinvolgerà sia in qualità di interprete che di regista: Motherless Brooklyn (Brooklyn senza madre). Ossia un adattamento per il cinema romanzo poliziesco scritto da Jonathan Lethem che vede come protagonista Lionel Essrog, un solitario detective affetto dalla sindrome di Tourette (quella malattia che porta a pronunciare istintivamente una serie di parlacce dietro l’altra causa un abbassamento dei freni inibitori) che dovrà indagare sulla morte del suo boss nonché unico mentore ed amico.

Ambientato nella New York del 1954, Motherless Brooklyn sarà anche un viaggio nei bassifondi della Grande Mela e nei locali jazz di Harlem. Il progetto del film era nell’aria già da diverso tempo ma poi Norton lo dovette accantonare per mancanza di budget. Ora però Brett Ratner e James Packer della RatPac Entertainment hanno deciso di produrre e finanziare la pellicola dove Norton sarà appunto dietro e davanti la macchina da presa nei panni del protagonista Essrog. Le riprese dovrebbero prendere il via in autunno a New York. Vi terremo aggiornati. 

Di seguito la trama del romanzo:

Per Testadipazzo, al secolo Lionel Essrog, perfino un poco di buono come Frank Minna può essere considerato un benefattore. Lionel vive in un orfanotrofio e per giunta è afflitto dalla sindrome di Tourette, rara malattia che combina una serie di vistosi tic fisici e comportamenti compulsivi con un linguaggio sconnesso e convulso. Lui e altri tre ragazzi diventano gli Uomini di Minna e agiscono sotto la copertura di un’agenzia investigativa con servizio di noleggio Limousine annesso. Un giorno Minna viene trovato in un cassonetto, pugnalato da un misterioso aggressore, di cui, morente, non vuole svelare il nome. Così Lionel, pur dovendo fare i conti con la sua Tourette e con un amore impossibile, si trasforma in investigatore, vero stavolta.

Dopo la commedia Tentazioni d’amore con Anne Bancroft e Ben Stiller del 2000, questo sarà il secondo film da regista per Edward Norton. In qualità di attore, Norton è nel cast di Birdman, la (prima) commedia del regista messicano Alejandro González Iñárritu che dovrebbe uscire entro la fine del 2014.

Fonte: Collider


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Shea Whigham, Frank Grillo e Olivia Munn nel trailer dell’action The Gateway 28 Luglio 2021 - 21:30

La storia di un operatore dei servizi sociali che si ritrova a dover fronteggiare una gang per proteggere una sua assistita e suo figlio

Amazon Prime Video: tutte le novità di agosto 28 Luglio 2021 - 21:00

Tutti i titoli in arrivo nel mese di luglio, nel catalogo di Amazon Prime Video. Tra le novità Evangelion:3.0 + 1.01 Thrice Upon A Time e i capitoli precedenti, Borat Specials e le secondi stagioni di Modern Love e Star Trek: Lower Decks

Flag Day: il trailer del nuovo film di Sean Penn 28 Luglio 2021 - 20:30

Sean Penn dirige la figlia Dylan e co-interpreta questa storia vera sul rapporto conflittuale tra una figlia e un padre criminale nel corso dei decenni

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.