L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Community, la recensione del 6° episodio: Analysis of Cork-Based Networking

Di Lorenzo Pedrazzi

community-5x06-annie-hickey-jeff-duncan-shirley-britta-promo-02

Primo episodio senza Troy per Community: la sua assenza si fa sentire, ma gli autori tentano di percorrere strade nuove, sempre con il consueto umorismo surreale e postmoderno.

Attenzione: il seguente articolo contiene SPOILER.

Il comitato per la salvaguardia di Greendale si riunisce nell’aula studio, ed è ovviamente Annie a dettare legge: mentre Jeff, Shirley, Chang e il professor Duncan vengono incaricati di organizzare il ballo di metà anno, lei e il professor Hickey devono trovare un modo per convincere gli inservienti ad appendere una nuova bacheca per gli annunci… ma l’impresa non è banale come sembra. Nel frattempo, Britta vuole vendicarsi di Abed, che le ha spoilerato alcuni colpi di scena della seguitissima serie televisiva Bloodlines of Conquest. Abed, però, è molto preso da Carol (Katie Leclerc), una ragazza non udente con cui sente alcune affinità…

community-5x06-abed-promo-04

Un vero e proprio trauma (a livello di narrazione televisiva) si è consumato nello scorso episodio di Community: Donald Glover alias Troy Barnes, uno dei personaggi più amati, ha lasciato (definitivamente?) la serie per dedicarsi alla sua carriera di rapper, sciogliendo così l’indimenticabile bromance che lo legava ad Abed. Elaborare la “perdita” non è facile né per i protagonisti né per gli spettatori, ma Dan Harmon e il suo team hanno trovato la soluzione migliore: esplorare strade inedite, sperimentando nuove dinamiche fra i personaggi.

community-5x06-bob-hickey-promo-07

Monica Padrick, la sceneggiatrice di Analysis of Cork-Based Networking, spariglia le carte, rompendo le solite coppie caratteriali per intrecciare nuovi legami. Ecco che allora Annie vive l’intero episodio al fianco del professor Hickey, Britta e Abed danno vita a una dicotomia conflittuale dalle potenzialità interessanti, mentre Jeff (un po’ trascurato in questa puntata) lavora a un compito che poco si addice alle sue attitudini, coadiuvato da Shirley, Duncan e Chang, con risultati alquanto surreali. D’altra parte, l’umorismo surreale è tipico della serie, ed è evidente anche dalla disavventura di Annie e Hickey: ne nasce un labirinto di nonsense che gioca con l’attenzione dello spettatore, costringendolo a concentrarsi su ogni singolo dialogo per cogliere tutte le ramificazioni dell’intrigo, in cui le esigenze concatenate di vari personaggi (inservienti, responsabili informatici, supervisori al parcheggio e altri ancora) riproducono la macchinosa insensatezza dei sistemi burocratici, prontamente oliati dall’antico principio del do ut des. Greendale si riafferma come un luogo contorto e intossicante.

community-5x06-pelton-promo-01

Al contempo, il duello fra Abed e Britta cita l’ossessione imperante per Game of Thrones e il conseguente terrore per ogni minimo spoiler. Bloodlines of Conquest, infatti, non è altro che il corrispettivo della saga di George R.R. Martin nell’universo di Community, esattamente come Inspector Spacetime rispetto a Dr. Who. Oltre a confermare l’intelligente anima postmoderna della serie (capace di ri-mediare, e non semplicemente citare, i suoi riferimenti culturali: si pensi alla parodia di Waterworld dell’episodio precedente), questa sottotrama recupera un personaggio che credevamo fosse definitivamente sparito: Abed infatti, tradito da Carol, ritrova finalmente la deliziosa Rachel (Brie Larson), conosciuta la scorsa stagione nell’episodio Herstory of Dance, e poi scomparsa dalla circolazione. Farla tornare era doveroso, e naturalmente non è mancata una punta d’ironia metanarrativa e autoreferenziale al riguardo.

community-5x06-britta-promo-05

Da segnalare i camei di Nathan Fillion, Robert Patrick e Paget Brewster per un episodio che, pur non essendo ai vertici qualitativi di questa meravigliosa serie, si attesta comunque sopra la media della comicità televisiva.

La citazione: «Benvenuta nel labirinto, ragazzina. Solo che qui non troverai pupazzi o rock star bisessuali.»

Ho apprezzato: il tentativo di percorrere nuove strade; il ritorno di Rachel; il consueto umorismo surreale.

Non ho apprezzato: l’assenza di Troy si fa sentire, perché priva la serie di alcune dinamiche molto divertenti.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di Community sul nostro Episode39 a questo LINK.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Suicide Squad: la parola ai protagonisti del film di James Gunn 29 Luglio 2021 - 11:30

Abbiamo assistito alla conferenza stampa di presentazione del nuovo blockbuster DC, un film, in una parola, pazzo!

What If…? – Nuovo poster e immagini per la serie animata 29 Luglio 2021 - 10:45

Il nuovo poster di What If...? ritrae Uatu l'Osservatore, mentre Jeffrey Wright parla del suo episodio preferito e dell'emozione che ha provato sentendo la voce di Chadwick Boseman.

Da À l’intérieur a La casa in fondo al lago: l’horror secondo Alexandre Bustillo e Julien Maury 29 Luglio 2021 - 10:00

I registi francesi tornano il 5 agosto con il loro nuovo lavoro, un horror visionario e claustrofobico che predilige la suggestione al gore, e sfoggia set mai visti prima

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.