L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Cinema e Vulcani – Tutti i film, da Dante’s Peak a Pompei (Apocalypse)

Di Marlen Vazzoler

pompeii-Harington

I film sui vulcani non sono poi così comuni come si potrebbe pensare, non solo nell’ambito del genere catastrofico ma anche negli altri generi cinematografici. Se poi prendiamo in considerazione le pellicole che parlano anche della distruzione di Pompei, la lista si restringe ancora di più a meno che non consideriamo anche i film realizzati per la televisione. Ma in questa lista emergono una manciata di film davvero imperdibili… Scopriamo quali:

Gli ultimi giorni di Pompei (1913-1959)
Esistono ben sei pellicole aventi questo titolo, sette se consideriamo Jone o Gli ultimi giorni di Pompei del 1913, diretto da Ubaldo Maria Del Colle e Giovanni Enrico Vidali. Il primo risale al 1908 è un film muto italiano diretto da Arturo Ambrosio e Luigi Maggi, fu la prima produzione storica/epica del nostro cinema; seguono quello del 1926 diretto da Carmine Gallone e Amleto Palermi; la produzione americana del 1935, The Last Days of Pompeii, diretta da Merian C. Cooper ed Ernest B. Schoedsack, girata in California; e la co-produzione italo-francese Les derniers jours de Pompei del 1950 diretta da Marcel L’Herbier. Ma in questo caso presteremo attenzione a due pellicole, quella del 1913 diretta da Mario Caserini e Eleuterio Rodolfi e quella del 1959 diretta da Mario Bonnard e Sergio Leone.

Gli-ultimi-giorni-di-Pompei-1913

Il film di Caserini e Rodolfi è una pellicola muta in bianco e nero basata sull’omonimo romanzo di Edward George Bulwer-Lytton pubblicato nel 1834. Da notare che la pellicola esce nello stesso anno di un’altra trasposizione cinematografica del libro di Bulwer-Lytton, Jone o Gli ultimi giorni di Pompei. Nell’enciclopedia del cinema in piemonte viene riportato che:

“La concorrenza tra le due case scatenò polemiche, recriminazioni e un vero e proprio caso giudiziario in merito ai diritti di riduzione cinematografica riguardanti le opere letterarie: nell’ottobre 1913 l’Ambrosio fece causa alla Pasquali ma perse il processo, perché l’opera letteraria era di pubblico dominio e quindi non c’erano vincoli per la trasposizione”.

Nella ‘Storia del cinema muto italiano’ viene spiegato che lo scontro tra le due case causò uno dei primi seri attriti fra le case cinematografiche italiane nella storia del cinema.

“Da mesi l’’Ambrosio‘ in tutta segretezza preparava tale film [che ancora prima di essere girato] era stato venduto alla ‘Photodrama & C.‘ di Chicago. Ad un certo momento la casa ‘Ambrosio’ viene a sapere che altre due case torinesi all’inizio del 1913 stanno realizzando a Torino lo stesso film: la ‘Gloria‘ che dopo aver affittato l’Arena di Verona e comprato un intero serraglio abbandonerà l’idea; e la ‘Pasquali‘, su commissione dei noleggiatori milanesi Vay e Hubert, che avevano posto un solo patto a Pasquali, uscire prima di Ambrosio a tutti i costi, per poter giungere in America prima e sfruttarvi la grande pubblicità che già s’era fatta. Pasquali riuscì a girare il film in ventotto giorni e la sua riduzione, se non raggiunse le rifiniture e lo splendore scenografico dell’Ambrosio, ebbe maggior vivezza di recitazione”.

Leggendo quanto accaduto a quei tempi, possiamo purtroppo notare come in cento anni gli studio non abbiano imparato niente e come ancora oggi molto spesso si trovano al centro di situazioni simili.

Gli-ultimi-giorni-di-Pompei-1959

Il secondo film preso in considerazione è quello del 1959 realizzato presso la C.E.A. di Madrid e gli studi di Cinecittà di Roma. Il regista Bonnard si ammala sul set per un attacco di colite e affida le riprese al suo pupillo, Leone.

“Si, Gli ultimi giorni di Pompei l’ho diretto praticamente io, perché Bonnard si è ammalato e io l’ho sostituito, su sua precisa richiesta. Ma non ho voluto firmarlo, per rispetto nei suoi confronti. Quello che ci ho portato di mio sono i due aiuto registi, Tessari e Sergio Corbucci”.

Il personaggio di Glauco viene assegnato all’attore americano Steve Reeves, ma il film non era stato scritto originariamente per lui, così la squadra degli sceneggiatori ha dovuto rielaborare il romanzo di Bulwer-Lytton in chiave atletico-acrobatica per adattarlo al protagonista che si distingue per la sua inettitudine recitativa e il suo physique du role. Leone dirige tutte le sequenze con gli attori mentre Corbucci quelle di massa e del circo. Grazie al successo della pellicola che incasso in Italia 550 milioni di lire, a Leone fu affidata la regia di Il colosso di Rodi.

Joe-contro-il-vulcano

Joe contro il vulcano (1990)

Il nostro viaggio prosegue con la commedia romantica scritta e diretta da John Patrick Shanley, il primo di tre film aventi come protagonisti Tom Hanks e Meg Ryan. Il film fu un flop al box office ma in seguito divenne un cult nel mercato home video.

Joe scopre che non gli è rimasto ancora molto da vivere così accetta la proposta di un miliardario: vivere nel lusso più sfrenato gli ultimi suoi giorni di vita ma in cambio dovrà tuffarsi all’interno del vulcano dell’isola dei Waponi Woo per placare il loro Dio. Ma Joe s’innamora della figlia del miliardario Patricia che gli insegna cosa significa vivere.

La scena del vulcano è stata citata in due film d’animazione: il primo è Madagascar 2, dove la giraffa Melman accetta di sacrificarsi gettandosi dentro un vulcano, dopo aver scoperto di aver ancora 48 ore di vita, e in Toy Story 3, quando Woody (doppiato da Tom Hanks) e la gang vengono salvati dalle fiamme dell’inceneritore.

south-park-volcano-episode

Nel 1997 si ripete quanto accaduto nel 1913, due studio decidono di realizzare due disaster movie sull’eruzione di un vulcano: da una parte abbiamo Volcano prodotto dalla 20th Century Fox, la Moritz Original e la Shuler Donner/Donner Productions, dall’altra Dante’s Peak della Universal Picures e della Pacific Western. Entrambe le pellicole sono state citate nel terzo episodio di South Park, ‘Volcano’.

Dante's-Peak

Dante’s Peak – La furia della montagna (1997)

Diretta da Roger Donaldson, la pellicola è liberamente tratta dall’eruzione del Monte Sant’Elena avvenuta il 18 maggio del 1980, distruggendo un intero settore della montagna che a causa dell’eruzione di abbassò di 450m. Le spoglie del vulcano che compaiono alla fine del film appartengono al Monte Sant’Elena, sempre lì è stata girata una scena all’interno del suo cratere, quando vediamo uno degli scienziati rompersi una gamba.

Il vulcanologo Harry Dalton (Pierce Brosnan) si reca nella piccola città di Dante’s Peak, situata ai piedi di un vulcano da tempo dormiente, per controllare l’attività vulcanica. Nonostante gli avvisi dell’uomo sul pericolo provocato dal Vulcano, che ha ripreso la sua attività, la comunità e i colleghi decidono di ritirare l’allarme, fino a quando le sue paure vengono confermate dalla presenza di zolfo nell’acqua. Ma prima che la popolazione possa mettersi in salvo, un forte terremoto colpisce la zona e il vulcano erutta.

Gli effetti sono stati realizzati dalla Digital Domain, dalla Banned from the Ranch Entertainment e dalla CIS Hollywood. Per creare le ceneri vulcaniche si è invece ricorso a dei giornali tagliuzzati finemente. Il film fu nominato agli Oscar per i migliori effetti speciali.

volcano-tommy-lee-jones

Vulcano – Los Angeles 1997 (1997)

Diretto da Mick Jackson, il film conta nel cast: Tommy Lee Jones, Anne Heche e Don Cheadle.

Mike Roark (Jones), il capo dell’Ufficio dell’ufficio della gestione delle emergenze di Los Angeles, rinuncia alle vacanze quando un sisma colpisce la città. Dopo una serie di incidenti che richiedono la messa in quarantena di alcune zone della città di rivolge alla sismologa Amy Barnes (Heche) che teorizza la rapida formazione di un vulcano sotto la città. Una teoria confermata nei giorni successivi dall’eruzione del neonato vulcano che semina la distruzione in città.

Gli effetti digitali sono stati realizzati da ben dieci compagnie, tra cui: VIFX, Digital Magic Company, Light Matters Inc., Pixel Envy e Anatomorphex. La lava è stata creata principalmente con un composto di methyl cellulose, l’agente addensante utilizzato dai fast-food per i milk-shakes, mentre la cenere è stata creata con vecchi giornali.

Il film fu candidato ai Razzie nel 1998 nella categoria: Peggior disattenzione verso la vita umana e la proprietà pubblica, vinta da Con Air.

Apocalypse-Pompeii

Apocalypse Pompeii (2014)

Non potevamo concludere questa lista con il film prodotto dalla Asylum, uscito questo martedì in home video in America:

Quando un ex membro delle Special Ops visita Pompei durante una vacanza in famiglia, il monte Vesuvio erutta con forza massiccia, intrappolando la moglie e la figlia. Mentre la sua famiglia combatte per sopravvivere dall’assalto mortale del calore e della lava, arruola i suoi ex compagni di squadra in una ardita operazione sotto le rovine di Pompei.

Pompei, diretto da Paul W.S. Anderson, sceneggiato da Janet Scott e Lee Batchler e supervisionato da Julian Fellowes (Downton Abbey), uscirà nelle sale americane, anche nella versione in 3D, il 21 febbraio 2014 e oggi in quelle italiane.

Fonti torinocittadelcinema, Tutto il cinema di Sergio Leone, Wikipedia

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La casa di carta: terminate le riprese della stagione 5, l’annuncio ufficiale 16 Maggio 2021 - 13:00

La quinta e ultima stagione della serie spagnola arriverà prossimamente su Netflix

Crudelia: il lato Dark di Emma Stone nella Londra Punk Rock degli anni ’70 16 Maggio 2021 - 12:00

Crudelia racconta le origini di una delle antagoniste più celebri, e alla moda, del mondo del cinema. Abbiamo seguito la conferenza stampa virtuale del film, che ci ha permesso di conoscere meglio questa storia, che ha già conquistato la trama oltreoceano.

Snake Eyes – Nuovo poster, stasera il trailer agli MTV Movie Awards 16 Maggio 2021 - 11:00

Il trailer di Snake Eyes sarà trasmesso durante gli MTV Movie Awards di stasera, ma intanto è disponibile un altro poster del film.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.